difendere i confini tra la cattiveria ed il ridicolo…

difendere i confini tra la cattiveria ed il ridicolo…

Mattia Feltri per “Il Secolo XIX”
9 novembre 2022

L’aria sta cambiando, ha detto Matteo Salvini perché una delle navi in attesa a Catania è partita per la Francia, dove saranno fatti sbarcare tutti.

Sulla nave c’erano bambini e casi di polmonite. Su una delle navi erano stati sbarcati i fragili, quelli la cui salute è a rischio.
Il resto, secondo il ministro Piantedosi, è «carico residuale».

Fra il «carico residuale» il deputato Angelo Bonelli ha trovato un minore di cui non si era accorto nessuno.
È stato fatto scendere.

Le autorità sanitarie, ha detto ancora Bonelli, non si erano nemmeno accorte di una epidemia di scabbia.
Si attendono decisioni.

Il comandante di una delle navi, intimato a lasciare subito il porto, non lo ha lasciato perché dice di non poterlo fare sinché avrà gente a bordo, e si è rivolto al Tar.
Si attende il Tar.

Due migranti si sono buttati in mare per raggiungere terra, uno aveva trentanove di febbre ed è stato ricoverato.
L’altro aspetta sul molo che gli lascino raggiungere la moglie e le quattro figlie.
A Catania no, ma a Reggio Calabria da una nave sono stati fatti scendere tutti.

A Catania i pakistani hanno cominciato lo sciopero della fame.

Il governo italiano chiede supporto dalla Ue che risponde («a malincuore»): avete torto, fateli scendere.

Si ricorda che il novanta per cento dei migranti che arriva via mare, arriva sulle navi di Guardia di finanza e Guardia costiera, il dieci per cento su quelle delle Ong.

La Asl di Catania ha trovato la soluzione sanitario legale per farli scendere tutti: c’è un «elevato rischio psicologico».

Per dire, cari amici del governo, che dovreste soprattutto difendere i confini fra la cattiveria e il ridicolo. 

(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.