“Houston, abbiamo un problema”…tutti in piedi per LeBron!!!

“Houston, abbiamo un problema”…tutti in piedi per LeBron!!!

 

 

“Houston abbiamo un problema”…ma, come 50 anni fa, c’è un lieto fine…

 

“Houston, abbiamo un problema”…
“Qui Houston, ripetere prego!”

Era l’aprile del 1970, quasi esattamente 50anni fa…

E’ lo scambio di battute, passato alla storia, tra l’astronauta Jack Swigert, a bordo della navicella spaziale Apollo 13, e la base di Houston.

Il comandante Jim Lowell fu costretto a ripetere la frase, per convincere Houston che sì, a bordo dell’Apollo 13 erano alle prese con un’avaria…

una vicenda che tenne tutto il mondo con il fiato sospeso fino all’agognato lieto fine, che fece passare in secondo piano la “fallibilità” di un programma spaziale “di routine”.

A distanza di mezzo secolo, molti spettatori presenti al Toyota Center di Houston, oltre ai milioni di tifosi dei Rockets davanti ai teleschermi, si saranno scambiati stanotte, quasi increduli, la stessa frase nel corso dell’atteso incontro con i Lakers

“Houston, abbiamo un problema…”

Anche questa volta il “problema”, come vedremo, ha avuto un lieto fine, talmente significativo (e forse inatteso) da andare oltre il semplice, e spesso banale, significato che si dà normalmente al nudo e crudo risultato di una gara…

ma andiamo con ordine, soprattutto per chi non ha una buona conoscenza del basket NBA.

In questa stagione, che vede in grande difficoltà i Warriors, grandi protagonisti delle ultime stagioni, e con Toronto (campione in carica) che non può contare sul leader Kawhi Leonard, migrato ai Clippers,  sia i Los Angeles Lakers che gli Houston Rockets non nascondono le loro ambizioni, cullando il sogno dell’anello NBA, che a Houston (2 titoli) manca dal 1995 ed a Los Angeles (16 titoli) manca dal 2010 (un decennio, quest’ultimo, semplicemente disastroso).

LeBron James, 4 vole MVP tra il 2008 ed il 2012, è l’uomo simbolo dei Lakers; ad oggi è il quarto realizzatore di tutti i tempi, ma lo sarà ancora per poco.
A breve – tempo pochi giorni – supererà anche Kobe Bryant, ponendosi al terzo posto, dietro gli irraggiungibili Karl Malone (2^) e Kareem Abdul Jabbar.

I Rockets da alcune stagioni hanno come indiscusso leader una vera e propria “macchina da canestri”, James Harden, detto “il Barba”: MVP nel 2018 , miglior realizzatore nelle ultime due stagioni con oltre 30 punti di media partita, e già, tanto per cambiare, in cima alla classifica dei migliori realizzatori di questa stagione.

La scorsa notte i Lakers hanno affrontato i Rockets a Houston, in trasferta.

I Lakers erano privi di Anthony Davis, grande protagonista di questa prima parte della stagione, un’assenza che ha fatto salire di molto le attese dei tifosi texani, che quest’anno possono contare anche sul talento di Russell Westbrook, affiancato al “pupillo” James Harden…

Harden e Westbrook, in coppia, hanno fatto la loro parte, realizzando complessivamente 69 punti, 34 il primo e 35 il secondo.

I Lakers però sono riusciti a “sbancare” Houston, grazie anche ad un’impeccabile prestazione del 35enne LeBron James, miglior realizzatore dei suoi con 31 punti.

A 140 secondi dal termine, sul rassicurante +14, LeBron viene richiamato in panchina.

Il pubblico “nemico” si alza ad applaudirlo, ma non si limita a questo.

Dagli spalti sale, in modo crescente, tutto per lui, il coro “MVP! MVP!”…

“Barba” Harden, “idolo” di casa, ed aspirante MVP, esce sconfitto dal parquet ma, da grande campione quale è, non solo se ne farà una ragione, ma avrà anche apprezzato l’omaggio ad un vero e proprio fenomeno come LeBron…

è un finale di partita diverso da quello che lui ed i suoi tifosi avevano sperato, ma il gesto di grande sportività del pubblico texano fa passare in secondo piano la “fallibilità” del sistema di gioco dei Rockets, per molti una meravigliosa “incompiuta”…

Houston, c’è un problema…

certo, ma i suoi meravigliosi tifosi ci danno dimostrazione che si può (e si deve) guardare oltre il risultato…

è il lieto fine che vorremmo, sempre…

è, semplicemente, lo Sport…

quello con la “S” maiuscola…

 

Crediti Foto: NASA e clutchpoints.com
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.