Grazie Anna Solaro…e in bocca al lupo!!!

Grazie Anna Solaro…e in bocca al lupo!!!

 

 

una lucida, intensa testimonianza, con parecchi spunti di riflessione…

 

 

“…quelli che predicano politiche anti- terrore…
Che parlano, scientemente, cambiando opinione, disorientando.
Una strategia comunicativa, al servizio.
La contraddizione in termini, figura retorica che è diventata uno slang per metterci di fronte al paradosso e aiutarci a perderci.
A perdere il senso civico, il rispetto, il senso delle cose, il pensiero.
Non pensate, non siate lucidi, confondetevi.
Arriveranno poi il modello Genova e degli eroi, state tranquilli.
A cui poter sparare quando sarà il momento.”

una lucida, intensa testimonianza, con parecchi spunti di riflessione…
uno stralcio dall’intenso post di Anna Solaro, pubblicato il 18 ottobre, che riporto qui integralmente.

Grazie Anna Solaro, e in bocca al lupo!!!

il post di Anna Solaro


A casa, con una patologia aggiuntiva di tutto rispetto: una nefrite interstiziale da farmaco.


Un effetto collaterale da chemio ed immunoterapia che si trasforma in una patologia di tutto rispetto, di per sè.

Che si aggiunge alla mia malattia.

Questo, ho capito, fa parte di un percorso tortuoso e pieno di curve.


Fortunatamente riesco a mantenere una guida stabile, a non perdermi, ad essere felice per il rientro a casa, all’idea di progettarmi una mattinata di cucina fatta di zuppa di porri e minestrone e forse, già che c’è il sole, due passi con Mirco.


Piuttosto.

A quelli delle maschere bavaglio.

In questi giorni di ospedale sono stata in isolamento in attesa di esito tampone e con la mascherina ci ho dormito.

Tutti i pazienti ricoverati si tengono la mascherina per 24 h: si abbassa per mangiare ( se si può mangiare), per bere ( se si può bere), per prendere i farmaci.

Nessun lamento.


Solo il senso di essere protetti, mentre medici, infermieri e ausiliari girano nei reparti tentando di arginare l’emergenza senza avere i numeri per farlo.


Sono pochi.

Nessuna azione è stata fatta per assumere il personale necessario .
Pur sapendo che sarebbe stato necessario.

Non seminiamo terrore! È stato detto.

La paura abbassa le difese immunitarie, si continua a dire.

Però organizziamo un coprifuoco.


Forse perché ogni tot abbiamo bisogno di eroi per gestire il coprifuoco.

E sentire rumori di spari.

“Coprifuoco”: che parola angosciante pronunciata proprio da quelli che predicano politiche anti- terrore.

Che parlano, scientemente, cambiando opinione, disorientando.
Una strategia comunicativa, al servizio.

La contraddizione in termini, figura retorica che è diventata uno slang per metterci di fronte al paradosso e aiutarci a perderci.


A perdere il senso civico, il rispetto, il senso delle cose, il pensiero.


Non pensate, non siate lucidi, confondetevi.


Arriveranno poi il modello Genova e degli eroi, state tranquilli.

A cui poter sparare quando sarà il momento.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.