a quando la “nostra” Savannah Guthrie?…

a quando la “nostra” Savannah Guthrie?…

 

 

fare domande e pretendere risposte, senza mai accettare posizioni di comodo…

 

Ve li immaginate giornalisti televisivi che facciano domande scomode ai similTrump nostrani, pretendendo risposte che non siano evasive???

Ecco…
noi, sulle nostre reti televisive, possiamo solo immaginarli…

 

il post di Lorenzo Tosa

questo il post pubblicato il 17 ottobre
da Lorenzo Tosa

Si chiama Savannah Guthrie, ha 48 anni, femminista, ex avvocata, giornalista, già cronista giudiziaria e inviata alla Casa bianca, prima di diventare volto di punta di Nbc.

La scorsa sera, per un’ora e mezza, ha letteralmente torchiato, incalzato e, infine, inevitabilmente umiliato il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

A un certo punto della serata, Guthrie ha domandato a Trump:
“Mi spiega perché ha ritwittato una fake news su Osama Bin Laden?”
“Era solo un retweet” ha ribattuto lui.
Replica della giornalista:
“Lei è il Presidente degli Stati Uniti. Non è mica lo zio pazzo che può ritwittare la qualunque.”

Ma è solo il momento più alto (o più basso) di un’intervista-dibattito durante la quale Trump non è stato sconfitto da Biden ma letteralmente ridicolizzato da questa grande giornalista nell’unico modo in cui si possa fare questo mestiere: facendo domande e pretendendo risposte, senza mai accettare posizioni di comodo.

Sembra pazzesco, ma è solo perché qui in Italia ci siamo dimenticati cosa significa fare giornalismo in un panorama televisivo narcotizzato e diventato megafono di questo o quel politico.

Una grande lezione di giornalismo e di resistenza alle fake news e alla cialtroneria dilagante da parte di una grande donna ed eccellente giornalista da cui in tanti qui da noi dovrebbero prendere appunti.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.