Giramento di palle? No, abbiamo un tourbillon de marons…

Giramento di palle? No, abbiamo un tourbillon de marons…

26 Maggio 2010

Ieri, pur nella “serietà” della denuncia di molte inadempienze del Comune nei nostri confronti, ci siamo anche divertiti…
è il nostro segno distintivo, li mettiamo alla berlina…
se non dovesse cambiare nulla, perlomeno proviamo ad evidenziare, pubblicamente, quello che sono… ridicoli!

Antipasto…

«Il dibattito pubblico sulla gronda? L’hanno definito debat public solo per dargli maggiore credibilità. A questo punto a noi non gjrano più le palle, abbiamo un tourbillon des marons».

Per il resto, basta leggere i tre articoli postati qui sotto..

Link all’articolo

(Diego Curcio, per “Il Corriere Mercantile”, 25 maggio)
L’iniziativa satirica dei residenti del quartiere collinare genovese questa mattina a Palazzo Ducale
«LA SAI L’ULTIMA SUL COMUNE?» 
IL CEP PROTESTA IN BARZELLETTA 
Venti abitanti capitanati da Carlo Besana del consorzio Pianacci raccontano le promesse non mantenute dall’amministrazione

Ci sono le barzellette sui carabinieri. O Quelle su Francesco Totti. E adesso arrivano anche quelle sul Comune di Genova.
Questa volta però ci sarà davvero ben poco da ridere. Anzi, in qualche caso, potreste persino essere tentati dal mettervi le mani nei capelli. Ma si sa, in Italia siamo sempre stati campioni della commedia agrodolce. quella dal retrogusto amaro alla Pietro Germi.
E così sembra che sarà anche l’appuntamento organizzato per questa mattina alle 11 al Mentelocale dal consorzio Pianacci.
In occasione dell’ultima giornata deI Festival del Comico  recita l’invito diffuso ieri  vi facciamo ridere noi. I residenti del Cep arrivano al Ducale per raccontare… due barzellette sul Comune“.
Un annuncio che è tutto un programma, con cui gli abitanti del quartiere collinare del ponente genovese promettono (o minacciano) di «denunciare e illustrare episodi e fatti che denotano un pericoloso abbassamento di attenzione e cura dei percorsi in atto o promessi al Cep, con la conseguente difficoltà di realizzare una vera cittadinanza attiva, nonostante decenni di impegno e successi nel quartiere». Che, in parole povere, significa che i residenti della zona si sentono abbandonati dalla civica amministrazione.
«Il 15 maggio scorso – racconta Carlo Besana, presidente del Consorzio Pianacci e motore dei “rinascimento” del Cep insieme a un manipolo di comitati del quartiere – abbiamo fatto un’assemblea dei soci molto partecipata. Abbiamo discusso per ben due ore e io ho presentato una serie di promesse disattese nel corso degli ultimi mesi dal Comune. E così, vista la situazione piuttosto deprimente. abbiamo deciso di buttarla sullo scherzo, approfittare del Festival della risata e trasferirci al Ducale per la comica finale»
Insieme a Besana questa mattina, ci saranno anche una ventina dì abitanti del Cep: i «soliti iperattivi pensionati», sottolineano i promotori dell’evento, che, tanto per intenderci, sono gli stessi che qualche anno fa si erano piazzati davanti, agli uffici postali della città, cinque minuti prima della chiusura, per chiedere delucidazioni, informazioni e pagare bollette  all’ultimo secondo utile  protestando contro al serrata delle Poste di via 2 dicembre `44.
«Quello che racconteremo è qualcosa di assolutamente incredibile, assurdo. che supera letteralmente l’immaginazione  – aggiunge Besana – anche se purtroppo è tutto vero. E’ per questo che ci sarà da ridere.. Ma anche da piangere. Porteremo almeno cinque questioni paradossali. che gridano vendetta. Anche se ci rendiamo conto che non siamo certo gli unici a cui capitano cose di questo tipo».
Insomma: se qualcosa non va, al Cep non sono capaci a starsene zitti e a ingoiare il rospo. Ma neppure a scendere in piazza a manifestare come fanno in molti.
Gli abitanti di questo quartiere collinare preferiscono l’ama dell’ironia tagliente della spettacolarizzazione.
Come quella volta che Besana scrisse un pezzo sul sindaco Marta Vincenzi coverizzando Jovanotti e lo mise su youtube; o quando alla Pianacci festeggiarono il primo compleanno del “furgone bruciato”: una carcassa abbandonata al Cep e mai rimossa dalla civica amministrazione nonostante le segnalazioni, offrendo fette di torta e bicchieri di spumante. La fantasia contro il potere. Anche se, in questo caso, quello che si chiede è solo il rispetto di alcune promesse fatte in passato.
«Ho preso nota di alcuni desideri del nostro sindaco – ha scritto Besana sulla sua pagina Facebook un paio di giorni fa – “Vorrei una città policentrica” (campagna elettorale), poi. “Vorrei Genova Città dei diritti” e l’altro giorno alla Festa dello Sport: “Vorrei Genova Città dei ragazzi”… io mi accontenterei di “Genova città amministrata in modo normale”…. è troppo?».

RONDE E MOSCHEA
ANCHE LA LEGA NEGLI SFOTTO’ CANORI
Le canzoni satiriche di Carlo Besana del Consorzio Pianacci non hanno come unico obiettivo la civica amministrazione. Oltre ai video in cui l’ex farmacista prende per i fondelli il sindaco, esistono anche dei clip in cui l’inventore del motto: «il cazzeggio è il sale della vit punta il dito contro le ronde della Lega, organizzate nel centro storico. Una protesta in musica sulle note del “Tango delle capinere’ di Bixio e Cherubini, trasformato per l’occasione nel “Tango della ronda’, che nel primo giorno della sua pubblicazione web contò un migliaio di contatti. Qualche mese fa, il Carroccio è stato nuovamente sbeffeggiato da Besana con “Ramadan” (sulle note di “Ramaya” di Afric Simone), brano a favore della moschea del Lagaccio.

STRATEGIE
La protesta creativa è sempre stata una caratteristica degli abitanti deI Cep. Un modo per far sentire la propria voce e punzecchiare la politica che, in questi anni, ha fatto davvero scuola. E che è servita a risolvere problemi e concentrare l’attenzione su ciò che accadeva in un quartiere troppo spesso considerato la periferia della periferia. Le ultime due trovate, in ordine di tempo, risalgono a un paio di anni fa. La prima all’agosto 2008, con il compleanno del furgone bruciato. Una festa in piena regola, organizzata degli abitanti, con torta, candeline; spumante e canzoncina d’auguri, per festeggiare i primi dodici mesi di una carcassa carbonizzata, abbandonata in parcheggio pubblico del Cep. Nel corso dei primi mesi i residenti della zona avevano chiesto ripetutamente al Comune di rimuovere il furgone, ma visto il mancato intervento delle autorità, avevano convocato giornali e tv in via della Benedieta e organizzato il piccolo party satirico. Qualche mese dopo toccò, invece, all’Operazione tartaruga: con un manipolo di pensionati davanti agli uffici postali di mezza città a chiedere informazioni, cinque minuti prima della chiusura, contro la serrata delle Poste del quartiere.

Canzoni rivisitate per mettere alla berlina Sindaco e giunta
Carlo Besana, presidente del consorzio Pianacci è una persona schietta. Soprattutto nei confronti della civica amministrazione. Tra lui e Marta Vincenzi, sin dall’inizio non è mai corsa molta simpatia. Anche se le proteste messe in campo dall’ex farmacista del Cep sono sempre state sul filo dell’ironia. La prima volta che il sindaco è finito nel mirino di Besana risale a un paio d’anni fa, con la cover, riadattata per l’occasione, di “A te” di Jovanotti e messa su youtube. Un rap “romantico” per Marta degno dei miglior parodista, da cui sono scaturiti altri brani pop riscritti e rivisitati, su temi scottanti come l’Acquasola e la gronda di ponente. Ma non è tutto. In occasione della Notte Bianca del 2008, vista la concentrazione di eventi in centro e la scarsa attenzione per le periferie da parte degli organizzatori, Besana promosse la Notte Grigio Topo con Beppe Grillo, gratis al Cep. Un evento che richiamò tantissime persone, che disertarono la grande festa notturna del Comune. Ultimo “sgarro”, ma solo in ordine di tempo il lancio di CepKronos, la prima agenzia di stampa del quartiere collinare, che se la prendeva proprio con alcune affermazioni del sindaco.

Gli abitanti del Cep questa mattina al Ducale
Barzellette sul Comune  Protesta tutta da ridere
I residenti del Cep al Ducale per raccontare… due barzellette sul Comune. E’ questo lo spirito dell’iniziativa che verrà messa in campo questa mattina alle undici al Mentelocale da una ventina di abitanti del quartiere collinare del ponente genovese, contro le promesse mancate della civica amministrazione. Una protesta tutta da ridere (o da piangere, dipende da che angolazione la si vuol guardare) in concomitanza con l’ultimo giorno del Festival della comicità. A guidare i cittadini ci sarà, come sempre, Carlo Besana, ex farmacista del Cep, presidente del circolo Pianacci, vero e proprio motore del rinascimento del quartiere e mente delle tante manifestazioni satiriche portate avanti in questi anni. Dalle canzoni contro il sindaco Vincenzi, all’Operazione tartaruga per riconquistare l’ufficio postale. (servizio a pagina 5)

 

Link all’articolo

(Diego Curcio, per “Il Corriere Mercantile”)
Carlo Besana, presidente del circolo Pianacci, punta il dito contro il silenzio di Palazzo Tursi
IL CEP FINANZIA IL COMUNE, ECCO LA VERA BARZELLETTA
Dai quattro mesi necessari a ottenere la firma di un funzionario alla cancellazione della rassegna estiva per mancanza di contributi

«A Tursi ci sono le sale del maggior e del minor consiglio. Ma l’unico consiglio, da amico, che mi sentirei di dare a qualche assessore è quello di cambiare mestiere».

Oppure.

«Il dibattito pubblico sulla gronda? L’hanno definito debat public solo per dargli maggiore credibilità. A questo punto a noi non gjrano più le palle, abbiamo un tourbillon des marons».

E via di questo passo. Non sarà Spinoza (www.spinozait). il celebre sito di aforismi satirici del momento ma Carlo Besana, presidente del circolo Pianacci ha imparato a usare l’ironia e la battuta di spirito come arma di lotta politica e sociale.
In fondo, per chi ha coniato il motto «Il cazzeggio è il sale della vita», non c’è niente di meglio che trasformare le tragedie in commedie, denunciando e punzecchiando il potere nel modo più spettacolare ed efficace possibile.
E così è stato anche ieri mattina, quando l’ex farmacista del quartiere collinare del  ponente genovese, insieme a una ventina di residenti della zona ha elencato 5 episodi «incredibili» e «tristemente comici» che hanno avuto come malaugurato protagonista il Cep.
«Purtroppo non c’è niente da ridere – ha esordito Besana – anche se oggi siamo alla comica finale. Proprio qualche istante fa mi hanno telefonato due funzionari del Comune per chiedermi la disponilità a un sopralluogo al Palacep. Davvero una bella coincidenza. dopo tanti mesi di richieste inascoltate…».

Ma andiamo con ordine.
Il ‘primo episodio “ai confini della realtà” risale all’inizio del 2009…
L’assessorato alla Sicurezza» spiega Besana  aveva stanziato i fondi per 9 progetti sociali. uno per ciascun Municipio. A noi del Ponente, che avevamo presentato una proposta unitaria. Però, diversamente da altri, non è arrivato un centesimo. Si erano semplicemente dimenticati della nostra esistenza».
Il secondo riguarda l’intenzione della Pianacci di dotarsi di un impianto fotovoltaico.
«Con grande stupore – continua Besana – abbiamo scoperto che i soggetti privati che beneficiano dei contributi pubblici non possono vendere l’energia prodotta all’Enel. Allora abbiamo pagato di tasca nostra facendo un prestito. E a quel punto mancava solo la firma di un funzionario comunale, che ce l’ha fatta sospirare per 4 mesi, facendoci perdere mille euro».
Ma non è tutto. I residenti raccontano anche che, la ditta che ha realizzato il Palacep non aveva mai costruito una pista di pattinaggio in vita sua e così quella attuale è piena di crepe e buche. «La Regione – aggiungono – ha dovuto sborsare dei fondi ulteriori per rifarla da capo, ma nonostante i soldi siano stati stanziati a dicembre i lavori sono ancora fermi».
Per non parlare dell’esclusione del Cep dall’elenco di manifestazioni tradizionali (nonostante gli 11 anni della Ceppions League) finanziate dal Municipio. 
O la cancellazione, dopo undici edizioni, di “Che estate alla Pianacci”, perché il Comune non ha pubblicato alcun bando di concorso, con cui finanziare iniziative culturali estive.
«Quando i politici parlano di noi ci portano sempre come esempio – conclude Besana – ma la verità è che non fanno altro che ignorarci. Pianacci ha pagato di tasca propria molti servizi come panchine e telecamere nel quartiere. Insomma la cosa davvero ridicola è che il Cep sta finanziando il Comune»

GLI INTERVENTI DEL CIRCOLO
L’anno scorso, il circolo Pianacci del Cep avrebbe provveduto «a coprire alcune carenze della macchina comunale» realizzando pannelli fonoassorbenti al Palacep, 8 telecamere per la videosorveglianza interna ed esterna, il quadro elettrico per l’impianto del palazzetto, la sistemazione del riscaldamento della palazzina del circolo e «altri interventi non di nostra pertinenza» per 40 mila euro complessivi.

Email-Una valanga di richieste senza alcuna risposta
Sarà l’allergia a un certo tipo di sistemi tecnologici, ma a quanto sostengono gli abitanti del Cep sono state davvero tante le email inviate nel corso di quest’anno agli assessorati competenti e agli uffici comunali, per sollevare questioni e inoltrare richieste, senza alcun riscontro da Tursi. «Dicono che la gente chieda alla politica delle risposte – spiega Besana – a noi basterebbero quelle alle email»

 

Link all’articolo

(Giuliano Gnecco, per “Il Secolo XIX”)
Il circolo del Cep denuncia di essere stato dimenticato dal  Comune
IL PIANACCI ATTACCA TURSI CON IRONIA
«ABBIAMO UN TOURBILLON DE MARONS»

LA PROTESTA è seria, il modo di esprimerla è lieve, ironico. Nello stile del Consorzio Pianacci. Che non a caso sceglie di presentare il proprio cahiers des doleances in contemporanea con la chiusura del Festival della Comicità.
Il francese non è casuale; lo usa anche Carlo Besana, presidente del Consorzio, per il suo affondo contro Tursi: «Il dibattito pubblico sulla gronda, una sorta di presa in giro, deve essere tenuto in considerazione, così sostiene l’amministrazione comunale, perché è stato “strutturato” sul modello francese, infatti si chiama “debat publique”. Allora noi, affinché II Comune ci tenga in considerazione, precisiamo che non abbiamo un semplice giramento di palle, ma un vero e proprio “tourbillon de marons”».
Besana, e i comitati del Cep, presentano un documento nel quale denunciano alcuni casi «che se non fossero da piangere ci sarebbe da ridere», osserva il presidente del Consorzio.
Intanto nel 2009 una determinazione dirigenziale dell’Assessorato alla Sicurezza del Comune stanzia un sostegno economico (uno per ogni municipio) per la realizzazione di progetti da individuare insieme ai territorio; il Municipio Ponente presenta un unico progetto di rete. «Ma il progetto – denuncia Besana – si perde nei meandri dell’assessorato che fa partire progetti in altri municipi».
Nello stesso anno il Circolo Pianacci presenta la proposta di realizzazione di impianto fotovoltaico: «Ci viene però “sconsigliato”, dagli addetti ai lavori, la partecipazione al bando pubblico, penalizzante per soggetti non “pubblici“» ricorda Besana. «Il Circolo Pianacci segue la via “privata”. Il progetto viene bloccato quattro mesi».
«Niente in confronto all’inaugurazione del PalaCep, la cui pista da pattinaggio è stata mal eseguita. La Regione ha stanziato, a dicembre, 110.000 euro per completare i lavori. Solo ieri i tecnici del Comune hanno fatto un sopralluogo. Siamo al 25 maggio ed i lavori non sono stati ancora assegnati».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.