emergenza abitativa: servono efficienza ed umana attenzione…

emergenza abitativa: servono efficienza ed umana attenzione…

 

è bello poter segnalare un esempio di efficienza ed umana attenzione nei meandri della “cosa pubblica”…

Quello dell’emergenza abitativa è uno degli scogli più duri da affrontare per le amministrazioni pubbliche, che devono fare i conti da un lato con il sacrosanto diritto alla casa, uno dei diritti costituzionali più disattesi, e dall’altro con un patrimonio di edilizia popolare sempre più difficilmente in grado di rispondere al numero crescente di famiglie minate da difficili situazioni economiche che non consentono loro di poter sostenere i costi di un alloggio.

Un compito reso più complicato da norme che spesso, intrecciandosi tra loro, rendono più difficile, se non impossibile, la loro comprensione a chi vive la precarietà quotidiana; una precarietà che quando sconfina nella disperazione porta, di frequente, anche comprensibilmente, a percorrere soluzioni (ad esempio occupazione abusiva di alloggi pubblici in quel momento inutilizzati) che nell’immediato sembrano risolvere il problema.
Una pia illusione, perché inesorabilmente, come un boomerang, queste azioni si ritorcono contro queste famiglie, precludendo, a norma di legge, qualunque soluzione percorribile dagli uffici preposti.

Una situazione che affonda le sue radici in anni (lustri) di assenza di una reale politica nazionale della casa, di mancato utilizzo dei fondi a disposizione (i cosiddetti fondi ex Gescal), con l’aggiunta, come accaduto anni fa (credo nel 2011) in Liguria, di “cartolarizzazioni”, escamotage contabili che per sanare il bilancio regionale hanno fatto ricadere il pesante indebitamento sulle già precarie casse dell’Agenzia Regionale Territoriale per l’Edilizia.  

Le amministrazioni pubbliche sono quindi costrette a muoversi in questo campo minato, e gli uffici si trovano a dover affrontare non solo i documenti cartacei ma anche, con quotidiani contatti diretti, le persone che vivono queste situazioni di disperazione.

Loro compito è quello di trovare risposte percorribili, ponendo al servizio dei cittadini sia la massima efficienza possibile che la necessaria attenzione e comprensione umana.

Qualità che dovrebbero essere considerate “normali” nell’Amministrazione Pubblica, e non solo nell’ambito di dinamiche di questo tipo, ma che, lo dico anche per esperienza personale, non sempre sono riscontrabili, andando ad alimentare la progressiva sfiducia nei confronti della “cosa pubblica”, ai diversi livelli.

E’ proprio per questo che segnalo, con molto piacere, un caso di reale applicazione di efficienza ed umana attenzione.

Negli ultimi mesi ho cercato di essere utile, nei limiti delle mie possibilità, ad una famiglia (due genitori e due minori) alle prese con una reale, estrema emergenza abitativa all’interno di una situazione normativa molto complessa, ed apparentemente senza possibilità di soluzione da parte degli uffici comunali.

Una situazione resa ancor più complicata da un’iniziale involontaria falla nel sistema dei servizi sociali.  

Ci sono stati frequenti “alti e bassi”, con apparenti soluzioni che in un amen si rivelavano non percorribili, portando gli umori di questa famiglia a percorrere una sorta di continue “montagne russe” tra felicità e disperazione, fino ad arrivare ai limiti del “punto di non ritorno”, lo spettro della strada…

difficile anche per me trasferire loro il mio inguaribile ottimismo…

sarebbe servito un “colpo d’ala”…

mi sono messo in contatto con l’Assessore Piciocchi e ci siamo scambiati alcune informazioni che potessero consentirgli di inquadrare in modo preciso la reale situazione.

L’Assessore Piciocchi ha messo in campo tutta l’attenzione umana necessaria che, unita all’indispensabile supporto della Direzione Casa del Comune, ha fatto sì che si trovasse una risposta a questa emergenza, con il reperimento di un alloggio privato con un canone d’affitto compatibile con le disponibilità economiche di questa famiglia, alle prese con problemi di invalidità e salute precaria di due dei suoi componenti.

Il tutto, ovviamente, nel rispetto delle norme e senza corsie preferenziali.

Qualcuno potrà obiettare, comprensibilmente:”Embè, che c’è di speciale? Assessore ed uffici hanno solo svolto il compito loro assegnato”.

Vero, verissimo, ma, come dicevo prima, anche per esperienza personale, so che non è sempre così.

Ritengo quindi giusto rendere merito, pubblicamente, a chi, svolgendo al meglio il suo compito, ha fatto in modo che una famiglia potesse passare dalla disperazione degli ultimi mesi alla doppia serenità di una Pasqua nella quale festeggiare sia il rientro a casa, dopo un lungo ricovero, del capofamiglia, che l’imminenza di un trasloco che rappresenta la fine di una sofferta precarietà.

Per tutto questo, a titolo personale ed a nome dei componenti di questa famiglia…

grazie di cuore, Assessore Piciocchi, e Buona Pasqua anche a lei!!!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.