Allons enfants de la FIP, le jour de gloire est arrivè…

Allons enfants de la FIP, le jour de gloire est arrivè…
 
ovvero…quando un derelitto movimento sportivo si copre, ancor più, di ridicolo…
 
Da molti mesi, purtroppo, non ho il piacere di assistere (tv a parte) ad una partita di basket.
Né campionati locali né campionati nazionali.
E la cosa, di tanto in tanto, mi rattrista un po’…
Oggi però ne sono quasi lieto, perché se domani dovessi trovarmi sugli spalti di una partita del campionato maschile o femminile di basket farei fatica a sopportare una roba che non sta nè in cielo né in terra…
solo nei palazzetti del nostro derelitto basket nazionale…
 
La FIP infatti, accogliendo la proposta della Lega Basket, ha deciso di far suonare, prima che inizino le partite, l’inno francese (la “Marsigliese”) “in segno di solidarietà al popolo francese per l’incendio che nei giorni scorsi ha colpito la cattedrale di Notre Dame, simbolo di orgoglio e identificazione della intera nazione francese ma anche per tutto il resto del mondo che l’ha sempre considerata come patrimonio della umanità“.
 
Una decisione che francamente supera i confini del ridicolo per approdare, con la precisione di una tripla di Steph Curry e con la violenza di una schiacciata di Antetokounpo, nel mare magnum del grottesco…
 
roba da restare basiti, proprio come i soggetti della foto di copertina…
 
Sia chiaro, a scanso di equivoci: lo sconforto per l’incendio che ha quasi distrutto la Cattedrale di Notre Dame è giustamente universale ed è anche il mio, e fortunatamente non ci sono state vittime.
 
Però…
mi limito all’epoca recente, così posso poggiare sulla mia memoria, che credo sia ancora buona…
 
ci sono stati eventi catastrofici, che oltre a colpire simboli e patrimoni culturali universali hanno dovuto mettere nel conto anche vite umane…
 
tanto per fare un esempio, il terremoto che colpì l’Umbria e le Marche nel 1997…
la volta della Basilica di Assisi crollò in diretta tv…
 
ora, lungi da me fare classifiche tra il valore artistico e religioso tra una cattedrale e l’altra…
 
i due eventi si assomigliano ma nel caso di Assisi fu una catastrofe determinata da un tragico evento naturale, un terremoto, e non (come pare nel caso francese) dalla difettosa applicazione delle norme che regolano i restauri e le aziende che se ne occupano…una causa molto meno sopportabile…
 
inoltre, come dicevo, ad Assisi ci fu anche perdita di vite umane, un “dettaglio” non di poco conto…
nel 2016 un altro terremoto distrusse la Cattedrale di San Benedetto a Norcia…
 
non mi risulta che, in quelle occasioni (ma potrei citarne molte altre) le partite del campionato spagnolo, o francese, o tedesco siano state precedute dall’Inno di Mameli…
 
e questo non vuol dire che non ci fosse solidarietà umana nei confronti dell’Italia e degli italiani…
 
semplicemente in Spagna, Francia e Germania i confini del ridicolo e del grottesco sono più presenti nelle teste dei dirigenti sportivi…
 
forse anche per questo i loro movimenti cestistici sono anni luce davanti al nostro…
 
ma questa è un’altra storia…
 
allons enfants de la FIP, le jour de gloire est arrivé!
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.