“e Mannion vola, la curva s’innamora…”…vi racconto di Mannion, Pace Mannion…

“e Mannion vola, la curva s’innamora…”…vi racconto di Mannion, Pace Mannion…

 

 

mi piace pensare che, tra qualche tempo, con la Nazionale italiana in campo, e con Nico sul parquet, dagli spalti possa levarsi il coro “e Mannion vola, la curva s’innamora…”…

e papà Pace non sarà il solo a commuoversi…  

 

 

 

18 novembre, al draft NBA, al n^48, i Golden State Warriors scelgono Nico Mannion, un grande “prospetto” italiano, nato a Siena nel 2001, nello stesso giorno (14 marzo) in cui festeggio il mio compleanno…

alzi la mano chi, tra i tifosi canturini che, come me, hanno vissuto l’epopea della grandissima Cantù, non abbia avuto un groppo in gola ripensando a quel periodo costellato da grandi trionfi, soprattutto (ben dieci!) nelle coppe internazionali…

ed a me, come credo a molti altri, è immediatamente venuta voglia di canticchiare “e Mannion vola, la curva s’innamora…”…un coro per un altro Mannion…

 

Nico Mannion con la maglia della Nazionale
– foto sito tuttosport.it –
(clicca per ingrandire)

 

eh sì, Nico, che a soli 17 anni ha esordito nella nostra nazionale, è figlio di un’ex pallavolista italiana, Gaia Bianchi, e di Pace Mannion, pure lui scelto dai Warriors, al numero 43, al draft NBA del 1983 ma, soprattutto, protagonista assoluto di un quadriennio a Cantù nel corso del quale il suo punto più alto fu quella sera del 27 marzo 1991…

beh, quella sera…

ma andiamo con ordine.

Al termine della stagione 1988/1989 la Pallacanestro Cantù cede alle lusinghe dell’Olimpia Milano e cede il suo gioiello Antonello Riva ottenendo in cambio, oltre ad una cospicua somma, Roberto Premier ed il prestito biennale di Davide Pessina.

Premier però è uno dei giocatori più invisi alla tifoseria canturina, che manifesta il proprio dissenso.

La società canturina gira allora Premier al Messaggero Roma, ottenendo in cambio Gianolla e De Piccoli che Roma aveva prelevato dalla Reyer Venezia.

Pace Mannion in maglia Warriors, 1983-84
(clicca per ingrandire)

 

La dirigenza canturina ha un’altra grande intuizione: qualunque giocatore italiano scelto per sostituire un’icona come Antonello Riva avrebbe avuto su di sé una grande pressione; sceglie quindi un giocatore USA, che non aveva neppure idea di chi fosse il “bomber” di Rovagnate, e la scelta di coach Recalcati cade su Pace Mannion, reduce da alcuni anni NBA (senza importanti minutaggi) tra fra Golden State Warriors, Utah, New Jersey Nets, Detroit Pistons e Milwaukee Bucks.

 

In una partita precampionato Cantù gioca contro Milano, e Riva ne mette una quarantina.

 

Si narra che a fine amichevole Pace, avuta conferma da Recalcati che fosse proprio Riva il giocatore che stava rimpiazzando, gli abbia manifestato qualche dubbio di poter essere lui la scelta migliore.
Recalcati lo tranquillizzò, ed aveva ragione: in campionato Cantù riaffrontò Milano e Riva, e Mannion ne mise ben 42…

 

In quegli anni, e fino a fine 1992 (cioè fino al momento in cui ci trasferimmo a Genova) io e Susanna abbiamo avuto modo di frequentare parecchio l’ambiente della Pallacanestro Cantù, grazie all’amicizia con la famiglia Corsolini e con Pierlo Marzorati, nostro testimone di nozze, con il quale c’era parecchia frequentazione anche per il comune impegno con l’Unicef.
Ci capitava spesso di fermarci nel post partita e ricordo ancora il luccichio negli occhi di Susanna quando dal tunnel degli spogliatoi compariva Roosevelt Bouie, sempre elegantissimo nei suoi monumentali 211 centimetri di altezza, e soprattutto quando si presentava Danny Vranes, per il quale Susanna aveva una “insana” ammirazione, e non solo per le qualità cestistiche…

Danny Vranes giocava ad Arese ed era molto amico di Pace Mannion, con il quale aveva condiviso l’esperienza alla Utah University.
E quando gli orari delle partite lo consentivano, non era infrequente vederlo al Pianella, con i figli, a fare il tifo per il vecchio amico…

(video da Koper Capodistria)

 

 

 

Pace Mannion, a suon di grandi prestazioni, entra subito nel cuore dei tifosi canturini, e nel secondo anno scriverà una pagina che resterà impressa, in modo indelebile, nel cuore dei tifosi e nella storia della società brianzola.

Nella stagione 1990-1991 Cantù è sponsorizzata Clear, in panchina non c’è più Recalcati, sostituito dal giovane Fabrizio Frates, ed un altro giovane, “Lupo” Alberto Rossini, si appresta a raccogliere l’eredità del grande Pierlo Marzorati, giunto alla sua ultima stagione.

La Clear disputa un buon campionato (6^ nella stagione regolare, eliminata nei quarti di finale playoff dalla Knorr Bologna);  ma, soprattutto, è protagonista di una grande “cavalcata” nella Coppa Korac, la seconda coppa europea per importanza.

Un paio di anni prima era stata superata in finale (che si disputava con andata e ritorno) dal Partizan Belgrado che, sconfitto a Cantù 89-76, aveva poi ribaltato il tutto a Belgrado (101-82) grazie alla dirompenza di un roster che poteva contare su Divac, Danilovic, Djordjevic e Paspalij

Nell’edizione 1990-91 Cantù passa a punteggio pieno in un girone nel quale c’era pure il Real Madrid.
Lo stesso squadrone che, dopo aver superato Cibona e Mulhouse, ritroverà in finale.

A Madrid, nella gara di andata, Cantù spreca un vantaggio di nove punti ma comunque alla fine si impone, sia pure con un minimo scarto (71-73), con ben 33 punti di Pace Mannion…
(nel corso della partita l’allenatore madridista Ignacio Pinedo, che a metà stagione era stato chiamato a sostituire Wayne Brabender, venne colto da infarto, e non si riprese più, venendo a mancare cinque mesi più tardi) 

la vittoria nella gara di andata è ovviamente di buon auspicio per la gara di ritorno…

E’ il 27 marzo 1991, una data che Pace Mannion ricorderà per sempre, tanto da definire quella partita “la più importante della carriera”…

il “fortino” del Pianella di Cucciago è stracolmo, e prima ancora della palla a due l’attesa è permeata da entusiastico ottimismo…

L’inizio però è da incubo…
Cantù non può schierare Beppe Bosa, infortunato e per giunta il Real Madrid è implacabile, e scava subito un solco importante in doppia cifra.

Il primo canestro di Pace Mannion porta Cantù a meno nove, sul 26-17, ma il Real continua implacabile, ed al 16’ il tabellone indica meno 18, 22-40.

La leggenda vuole che, durante una pausa, Mannion abbia chiesto a Rossini di passargli continuamente la palla, ovunque…
se proprio si doveva perdere, meglio farlo giocando il tutto per tutto…

Detto fatto: Mannion infila una tripla dopo l’altra ed all’intervallo, solo 4 minuti più avanti, da meno 18 Cantù è a meno 4.

Al 25’ l’aggancio sul 51 pari, con il 25^ punto di Mannion (sui 36 della squadra dal suo primo canestro…).

Il finale è palpitante, il Real non molla ed a 30 secondi dal termine è avanti di 4 (75-79), punteggio con il quale si aggiudicherebbe la coppa, quando Mannion, glaciale, fa 2/2 nei liberi…

nell’attacco successivo (le azioni a quei tempi duravano 30’’) il Real perde palla a 2 secondi dal termine e Rossini da metà campo prova il colpaccio, ma la palla finisce sul ferro…il 77-79 pareggia il 71-73 dell’andata…

Supplementari…

Subito 2 liberi (su 2) per il nuovo vantaggio del Real ma ci pensa Gianolla: in pochi secondi tripla e contropiede…
e da lì si riuscirà a tenere fino alla fine…
Cantù, vincendo 95-93 con 35 punti di Pace Mannion (ed 8/11 nelle triple), conquista la decima coppa internazionale, raggiungendo il Real nella classifica all time, e Marzorati (39 anni) chiude la carriera con un prestigioso trofeo.

 

(qui il video tratto dalla pagina FB “Ancora in campo per Cantù”,
con lo show di Pace Mannion nella finale di Coppa Korac 1991.
Telecronista il compianto Massimo Canali, che ci ha lasciati, ancora giovane, nel 2011)

 

 

 

 

 

il ringraziamento della squadra ai tifosi
(clicca per ingrandire)

 

 

 

Mannion, dopo l’esperienza canturina durata 4 anni (fino al campionato 1992-1993), si trasferirà alla Benetton Treviso (un’annata sfortunata, con un infortunio alla spalla, mal curato dallo staff medico trevigiano) e poi alla Juve Caserta (dove conoscerà la pallavolista romana Gaia Bianchi, che diventerà sua seconda moglie) ed a Reggio Emilia.

Dopo un’esperienza in Giappone tornerà in Italia, a Fabriano, poi a Roseto ed a metà stagione a Siena, città nella quale nascerà, con un parto molto problematico suo figlio Niccolò (Pace disse che fu una benedizione trovarsi a Siena, vista la presenza preziosa dell’eccellente staff medico dell’ospedale cittadino).

Pochi mesi più avanti, dopo una parentesi a Cefalù, lascerà il basket giocato, e rientrerà quindi negli USA, dapprima nella “sua” Salt Lake City (anche commentatore televisivo per gli Utah Jazz) e poi in Arizona.

Nico Mannion in maglia Arizona Wildcats
– foto sito sportando.it –
(clicca per ingrandire)

E proprio in Arizona, al college con gli Arizona Wildcats, suo figlio Niccolò (Nico) muoverà i primi passi nel basket che conta, fino a diventare la scelta dei Warriors per la grande avventura nell’NBA, pronto anche lui, come papà Pace, a spiccare il volo…

chissà…

mi piace pensare che, tra qualche tempo, con la Nazionale italiana in campo, e con Nico sul parquet, dagli spalti possa levarsi il coro “e Mannion vola, la curva s’innamora…”…

e papà Pace non sarà il solo a commuoversi…  

 

p.s.

il 4 marzo 2015 al Pianella la FoxTown Cantù affronta, negli ottavi di finale dell’Eurocup, la squadra russa del’Unics Kazan.
Nell’occasione Anna Cremascoli, presidente della società canturina, invita a Cantù Pace Mannion.
Il Pianella gli tributa la giusta ovazione e credo che i “meno giovani”, come sarebbe capitato a me se fossi stato presente, avranno dovuto dar fondo ai loro fazzoletti…

Prima della partita, nel corso della conferenza stampa, inevitabile il ricordo di quel 27 marzo 1991…
Pace, da gran signore, riconoscerà i giusti meriti di “Rambo” Gianolla, autore dei 5 punti consecutivi che diedero il via al trionfo nel tempo supplementare…
un tempo supplementare che però non ci sarebbe stato se Pace, sul 22-40, non si fosse caricato la squadra sulle spalle, consegnando a tifosi e società quello che ancora oggi, a 29 anni di distanza, è l’ultimo trofeo internazionale vinto da Cantù…

e lo ricordano bene i tifosi…

pochi minuti più tardi, nella bolgia del Pianella, è sufficiente la sua comparsa sul parquet per far partire, ancora una volta, dagli spalti, quel dolcissimo coro…

“…e Mannion vola, la curva s’innamora…”

 

in questo video – tratto da un filmato realizzato da Pallacanestro Cantù Tv” – alcuni momenti della conferenza stampa (con Anna Cremascoli ed Andrea “Rambo” Gianolla) e l’ovazione dei tifosi canturini alla sua presentazione sul parquet del Pianella

 

 

 

 

Alcuni highlights di Nico Mannion, in maglia Arizona Wildcats n^ 1

 

 

 

 

 

 

Clear Cantù 1990-1991
(clicca per ingrandire)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.