Doria parte dal Cep

Doria parte dal Cep

 

7 marzo 2012

Marco Doria, candidato Sindaco espresso dal centrosinistra, sceglie il Cep per l’inizio della sua campagna elettorale…
buon segno!

Link all’articolo

(Raffaele Niri, per “Repubblica Genova”)
DORIA PARTE DAL CEP
“IL PROGRAMMA? ASCOLTARE” 
“Non sono Superman, lo sforzo maggiore sarà capire con la gente che cosa si può fare. Non c’è un solo problema che mi venga sottoposto con una soluzione apparente. Non ho preparato discorsi scritti ma io continuo a lavorare e non rubo lo stipendio”
Marco Doria al Cep di Pra’.
Non sono Superman, sono una persona normale. Che però può diventare un po’ super se sarà capace di ascoltare i cittadini. In fondo, la mia sfida è tutta qui: ascoltare per dare risposte“.

Slow Doria – partenza lenta, tenuta sicura, un po’ come un diesel – oggi sorride. Poco – “non c’è un solo problema che mi venga sottoposto che abbia una soluzione apparente” – ma sorride. Intanto, parla da sindaco: quando sarò, faremo, sceglieremo. Dice anche una parolaccia, come la gente normale: “Non voglio raccontarvi balle“.
E non le racconta. Spiega, con tutta la calma necessaria, che non si deve andare in giro a fare le promesse se poi non si possono mantenere. Aggiunge, educatamente e senza urlare, che le differenze tra centrosinistra e centrodestra sono enormi e bisogna rivendicarle tutte e il popolo – perché quello accorso, a frotte, in quell’angolo di paradiso che è il circolo Arci Pianacci, al Cep, è proprio popolo – si spella le mani, riconosce in “Marco” il proprio figlio. Lo voterà e lo farà votare.

Come Carlin Petrini ci ha messo una vita a far innamorare l’Italia del suo Slow Food – ma adesso il marchio è sicuro, riconosciuto, garanzia di qualità – così Marco Slow Doria inizia dal Cep la sua campagna elettorale. Ma più che una campagna elettorale sarà una campagna di ascolto: per capire i problemi, per trovare soluzioni, “per mettere le varie questioni in fila: ovviamente tutti pensano al loro problema come al più importante. Lo sforzo maggiore sarà capire, insieme alla gente, cosa si può fare subito, cosa si può fare con molta difficoltà dopo, cosa non si può fare“.

La sala Clara Bianchi è piena in maniera incredibile, anche se in contemporanea c’è l’altro Doria, impegnato con l’Empoli. Che qui ci siano tanti doriani, nel senso di Marco, si tocca con mano: non è gente salita sul carro del vincitore, è gente che da quel carro – volete chiamarlo partito comunista? volete chiamarlo comune sentire? volete chiamarlo popolo del volontariato? – non era mai scesa. Per loro le parole di Marco Doria sono miele.

Lui non usa mediazioni: “Io ho 54 anni e guardandovi in viso capisco che, in sala, sono tra i più giovani“. Non è del tutto vero: negli angoli ci sono un po’ di ragazzi, molti sono i coetanei di Doria, e poi il vento del Cep rende le rughe più profonde.

Il professore – come lo chiama il padrone di casa, Carlo Besana, che festeggia con l’apertura della campagna elettorale il quindicesimo anniversario della struttura – ribadisce le sue convinzioni granitiche (“mi scuserete se non ho preparato discorsi scritti, ma io continuo a lavorare e a fare il professore, mi pagano per quello e non sono uno che ruba lo stipendio“) e sintetizza, da bravo insegnante, il proprio messaggio.

Primo, un candidato sindaco deve saper ascoltare. Secondo, il voto è un diritto e bisogna esercitarlo. “Ho girato tanto per queste strade – racconta, e la gente tira su col naso – Martiri del Turchino, Martiri della Benedicta, gente che ha dato la propria vita perché noi potessimo votare“. Il manifesto alle sue spalle dice “costruire il futuro, condividere una storia” ed è un Bignami perfetto di quello che il candidato pensa, di quello che dice, di quello che promette, che poi sono la stessa cosa.
Si parla di servizi sociali, di cultura, di edilizia pubblica, anche del concerto di Celentano (“bel risultato, così tutta l’Italia sa in che misere condizioni viviamo” lamenta un’anziana compagna).

Poi l’aperitivo. e non ce n’è uno che non lo voterà.

 

Link all’articolo

(Paolo Crecchi, per “Il Secolo XIX”)
“SARO’ UN SINDACO CHE NON VIAGGIA: SERVE STARE IN CITTA'”
Doria: spero si riesca a vivere un po’ meglio
Io non sono certo un Superman, ma se mi aiutate qualcosa la posso fare davvero 

«BRAVO», borbotta Michele Mazzeo quando Marco Doria rivela di essere abituato a parlare molto, «come professore», e promette di «ascoltare di più» quando sarà sindaco.
Michele Mazzeo ha 83 anni, è un campano trapiantato e ha lasciate la gioventù nei bacini dell’Italcantieri.
Se davvero lo ascolterà, il Doria che oggi al Cep non è solo la squadra del cuore, scoprirà che questo quartiere è stato la peggiore ingiustizia che una giunta di sinistra potesse infliggere al popolo, e che solo il popolo è riuscito a restituirgli una dignità.
L’apprendista sindaco parla nel salone delle feste dell’area Pianacci: giardini curati, campo da pallone dove gioca da Dio un ragazzino che si chiama Khalid, tavolini per le carte, le panchine sotto i lecci, atmosfera che ricorda un borgo e non il confino.
Quando i compagni progettavano i falansteri sulle colline toh, c’era anche il vicesindaco Giorgio Doria non prevedevano tutto questo ma solo la condanna ad abitarci.
Che sia il Fato riparatore ad aver inviato qui l’erede Marco?

«Mancano i negozi», vorrebbe dire Vincenza Mameli sposa di Antonio Pertichini, lei ex infermiera e lui ex dipendente comunale. «Nessuno si cura del verde pubblico», direbbe Lucio Regnoli che assieme a Giovanni Crivellini è «uno dei due ultimi comunisti del Pd».
Lucio Regnoli era tecnico universitario, quando lavorava, e se non gli fosse morto un fratello proprio oggi («mi ha telefonato ii nipote prete, c’è rimasto male ma i funerali religiosi non glieli faccio; direttamente al cimitero») ricorderebbe all’aspirante sindaco che lui ammirava molto suo papà.

«lo non sono Superman», si scusa Mario Doria che oggi ha persino il maglione grigio, oltre ai capelli e all’espressione, «ma se mi aiutate qualcosa posso fare».
Per esempio, trovare una soluzione al problema della manutenzione dei palazzi che saranno pure popolari, sì, ma invecchiano esattamente come quelli di via Garibaldi.
«Non ho nessuna speranza che la situazione del Paese possa migliorare in tempi rapidi», entusiasma la platea il candidato, «ma mi impegno alar sì che si riesca a vivere un po’ meglio».
Sembra una banalità e non la è affatto: come spiega Carlo Besana, l’ex farmacista che abita a Pegli e si presenta ogni giorno a fare volontariato qui, unico esempio di pendolarismo al contrario tra il Cep e la città bassa, «non possiamo più fare i sostituti di amministrazione».

«Ne vengo proprio adesso dall’università», ricorda Doria calcando sulla sgrammaticatura che lo riavvicina ai ceti incolti, «e non voglio andare in giro a fare promesse. Le risorse non ci sono. Però ho anche dei sogni… ».
He has a drearn, peccato che sia bianco. Come i capelli di chi lo ascolta oggi, i giovani sono pochissimi e quasi tutti rappresentanza.
Angela Boggio, per esempio, studentessa liceale: è la figlia di Maria Rosa, anima dei comitati ponentini, «e sono qui per la mamma».
Il fidanzato di Angela, Erik Di Zazzo, meccanico disoccupato, l’ha accompagnata solo per amore: «Non mi interessano molto, ste cose».
Sono i vecchi compagni ad applaudire, Peppino Miletta Cossa coordinatore dei comitati del Cep e Irene Tesini del circolo di Pra’, Eugenia Semperboni che viene dalla Val Seriana, il marito che si inorgoglisce a ricordare i suoi «cinquant’anni di comunismo», tutti i vecchi iscritti alla sezione Amendola che ora, naturalmente, è chiusa.

Marco Doria lo sa? O pensa che questo campione di umanità sia la gente che proprio lui spera di riavvicinare alla politica, e anche oggi se ne sta rintanata negli appartamenti di via Novella e via Calamandrei, a guardare la tv?
«Un sindaco deve stare nella propria città: sono contrario ai sindaci viaggiatori», rincara, riscuotendo l’apprezzamento di chi già segue le vicende della politica e ritiene che si, un sindaco debba occuparsi degli infissi del Cep che cadono a pezzi e non partecipare ai gemellaggi charmant in giro per il mondo.
«La sinistra e la destra hanno valori diversi: non siamo la stessa cosa», insiste, e applaudono convinti il presidente di Municipio Mauro Avvenente e l’antica rifondarola Rosa Morlé, l’assessore comunale Bruno Pastorino, il consigliere provinciale Gian Piero Pastorino..

Dai tornanti di via Due Dicembre sgomma a valle una Clio nera, a bordo ci sono tre ragazzotti dall’aria disoccupata. Alla fermata del 199 scendono due signore cariche di sacchetti della spesa.
Alla finestra rugginosa di un palazzo si affaccia un sostenitore del Doria, l’altro, tutto contento perché ha segnato Gastaldello.

Sono loro che deve convincere Marco Doria: prima a votare, e poi a votare per lui.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.