Dallamarcord…

Dallamarcord…

 

6 marzo 2012

Pochi giorni fa (il 1 marzo) Lucio Dalla è salito su una delle tante piacevoli note con le quali ci ha deliziati per molti lustri, e si è fatto trasportare, dalla sua musica, fin lassù… per la mia generazione le sue canzoni sono una buona parte della colonna sonora che accompagna ognuno di noi…così come i ricordi, intime immagini che spesso sono legate ad un profumo, un’emozione, o una canzone…

era il 19 agosto 1987
Io e Susanna eravamo in vacanza a Capo Vaticano ed il concerto di Dalla fu un’occasione irrinunciabile (per Susanna, molto più giovane di me, il primo concerto cui assisteva dal vivo…).

Il contesto eccezionale della rocca di Tropea, uno sfondo straordinario per il concerto, venne ulteriormente nobilitato dalla sensibilità di Lucio Dalla.
Dopo aver cantato alcuni brani chiese a tutti gli spettatori di girarsi, dando le spalle al palco, perché il vero spettacolo non era lui, il vero spettacolo era alle nostre spalle…
ci girammo, e fummo incantati anche noi, come lui, dalla luna che splendeva nel cielo, in quella magica notte d’estate…

(notizie tratte da “repubblica” del 5 agosto 1987

era il tour “Isole-Concerto per il mare”.
Lucio Dalla e gli Stadio fecero il tour (dodici date) a bordo della barca con una quarantina di viaggiatori tra musicisti, tecnici del suono, addetti al montaggio del palco, tour manager, cameramen, ufficio stampa, fotografo e medico di bordo.
Nella barca c’era l’impianto scenografico che rappresentava un’ isola stilizzata di pianta triangolare a piani sbalzati illuminata da 250 punti luce.
Il messaggio di Lucio Dalla non fu soltanto musicale, ma anche ecologico; i problemi che affliggono i nostri mari sono molti e il cantautore, sceso dalla grande barca a vela, cercò di denunciarli a suo modo. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.