Don Gallo, le sue riflessioni sulla famiglia, il suo compleanno al Cep…

Don Gallo, le sue riflessioni sulla famiglia, il suo compleanno al Cep…
 

29 maggio 2011

 

Dal 19 maggio, edito da Einaudi, è in libreria “Dov’è Dio”, un libro con le storie personali, le vittorie, le sconfitte e le rivincite di quattro sacerdoti-autori, tra i quali il “nostro” Don Andrea Gallo.

Foto di Ivo Saglietti
Foto di Ivo Saglietti

“Sette”, supplemento del Corriere della Sera, ne ha pubblicato alcuni brani; più sotto riporto la parte dedicata a Don Gallo, poche righe che, come sempre con lui, si leggono con facilità ed inducono a profonda riflessione.

Ho il privilegio di conoscerlo personalmente, di frequentarlo e di poter condividere con lui stima ed amicizia; il 18 luglio sarà il suo compleanno (83!!!) e la sua festa si terrà al Cep.
Cercheremo di onorare anche questo privilegio.

NON C’E’ SOLO LA FAMIGLIA

 «La comunità riguarda tutti. Essa nasce quando tutta la maturazione di una persona è rivolta all’incontro con l’altro. Tanto tempo fa incontrai un monaco buddhista – prima era stato un pilota di elicotteri Apache du­rante la guerra del Vietnam – che mi disse che la sua università era la strada, l’incontro.
Mi disse che l’incontro è come passare vicino a un bosco nel quale intravvedi un’ombra: subito nasce la paura, il naturale sentimen­to che ti assale e che ti blocca perché imma­gini un pericolo dietro all’ombra, forse una fiera, una bestia feroce. Ma se ti avvicini con prudenza, magari poi ti accorgi che è un essere umano, una persona.

Se ti avvicini ancor di piú arriva l’incontro, e allora scopri che quell’ombra è un fratello o una sorella.
Affinché ci sia vero incontro, però, il primo verbo da coniugare è “ascoltare”, mentre occorre evitare in ogni modo di coniugare i verbi “parlare” e “giudicare”. Allora si diven­ta costruttori di comunità.

Oggi, invece, la comunità sembra nascere da legami prede­terminati, i quali la mortificano impeden­dole di essere viva e di crescere. La famiglia può essere una scintilla della comunità, ma non la definisce. Ho sentito il Papa invocare aiuto e sostegno per la famiglia tradizionale, quella composta da marito moglie e figli… Ma questa è solamente una delle tante forme che oggi assume la famiglia: definirla rigi­damente come l’unico modello giusto può avere conseguenze anche nefaste, tanto che è proprio la famiglia tradizionale a essere in crisi. (…)
Ogni volta che si invoca sicurezza, significa che non c’è comunità, che a un certo mo­mento c’è la paura.
La paura di che cosa? Di cambiare. (…)

La comunità nasce nell’incon­tro con l’altro, superando la pur legittima paura, con negli occhi una domanda: “Cosa posso fare per te?”».
(Don Andrea Gallo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.