Don Ciro, il diacono del Cep

Don Ciro, il diacono del Cep

 

24 febbraio 2014

 

Un paio di giorni fa ci ha lasciato, improvvisamente, Ciro Pone, per me più semplicemente Don Ciro.

Da quasi 14 anni era stato ordinato diacono, ed il suo impegno era tutto rivolto al suo quartiere, il Cep, ed alla sua parrocchia, Maria Madre del Buon Consiglio; per chi non avesse dimestichezza con questi termini, Don Ciro era un padre di famiglia abilitato a servire la Parrocchia nel ministero dell’altare, della parola e della carità e, su delega del parroco, abilitato ad amministrare anche alcuni sacramenti.

Poche ore fa moltissime persone (la Chiesa di via Cravasco non è riuscita a contenerle tutte) gli hanno tributato l’ultimo, affettuoso saluto.

Era palpabile, quasi “fisico”, l’affetto che si respirava durante la funzione, sono certo che non ci fossero presenze formali, tutti erano lì perché sentivano la necessità di stringersi attorno alla sua famiglia ed alla parrocchia.

Mi ha colpito, enormemente, la serenità sui volti e nei gesti dei figli e della moglie, la signora Luisa.
Come ha sottolineato uno dei tanti sacerdoti presenti, era palpabile la gioia, che non vuol dire ovviamente allegria o entusiasmo, ma è l’espressione di chi nella fede trova una grande forza e pace interiore.

Massimiliano, uno dei suoi figli, mi ha detto che così aveva voluto Don Ciro, quando si è reso conto del decorso che avrebbe preso la sua breve malattia: voleva gioia, canti, serenità perché stava per raggiungere la meta di ogni buon cristiano…

Ammiro molto chi riesce a vivere la fede con questa intensità, e soprattutto se riesce, con il suo operato e con la sua quotidianità, a trasmetterla a chi gli sta accanto.
E’ l’eredità più preziosa che ha lasciato, alla sua famiglia ed all’intera comunità del Cep, una persona che, ne sono certo, manca già a molti…  

 

Nelle foto, rapidamente cercate tra le centinaia sparse qua e là in casa e sull’hard disk del pc, Don Ciro è ritratto così come mi piace ricordarlo: nelle occasioni in cui il Pianacci ha avuto il privilegio di ospitare funzioni religiose (compresa l’intronizzazione della statua della Madonna), prima all’aperto poi, nell’ultima occasione, al PalaCep.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.