Dal “grido di dolore” alla “gara di pernacchie”…

Dal “grido di dolore” alla “gara di pernacchie”…
 8 giugno 2010

 

Link all’articolo

Il Secolo XIX ha pubblicato, quest’oggi, a mia firma, il nostro “grido di dolore”.
E’ stato però “censurato”, come si può rilevare (vedi link), il richiamo-proposta alla gara di pernacchie.
Qui sotto il testo integrale.

 

Non è passato inosservato il “grido di dolore” di Carla Peirolero che, riferendosi alla sua prestigiosa “creatura”, il Festival Suq, lamenta, giustamente, due elementi negativi: la mancanza di sostegno economico da parte della pubblica amministrazione ed il fatto che i bandi comunali abbiano tempi incompatibili con la necessaria programmazione degli eventi.

E’ un lamento al quale non possono sottrarsi realtà come la nostra, anzi…

Logo Che Estate alla Pianacci 2010
Logo Che Estate alla Pianacci 2010

Da undici anni viene allestita al Cep, con successo e qualità sempre crescente, una rassegna estiva (“Che Estate alla Pianacci!”) di eventi ad ingresso gratuito capace di attirare su quelle alture (non ci si passa “per caso”, ci si deve andare…) oltre 80.000 spettatori complessivamente; un’operazione che venne definita dall’allora Assessore alla Cultura Luca Borzani un vero e proprio “processo di alfabetizzazione del Cep a Genova”, sdoganando un quartiere a lungo considerato il Bronx cittadino e trasformandolo in un luogo dove poter trascorrere, piacevolmente, serate estive in compagnia di tanta gente e con proposte di spettacolo anche di qualità (Gino Paoli, Giorgio Conte, Orchestra Sinfonica di Sanremo, Orchestra Sinfonica del Teatro Carlo Felice, Beppe Grillo, Marco Travaglio, la Banda di Piazza Caricamento, EtnOrchestra, concerti lirici, importanti “nomi” del teatro italiano, ma anche “miti” degli anni ’60, come Mal, Michele, Wilma Goich, Dino, Jimmy Fontana, e così via).

Un progetto socio culturale al Cep dovrebbe (o potrebbe) “interessare” non solo l’Assessorato alla Cultura ma anche l’Assessorato ai Servizi Sociali, l’Assessorato alla Sicurezza…
D’altro canto, fino a due anni fa si poteva contare su supporti degli Assessorati allo Sport, alla Promozione della Città, alla Cultura; lo scorso anno invece è stato tutto accorpato dall’Assessorato alla Cultura, con un bando ad hoc che, per ammissione degli stessi uffici comunali, ebbe un grave difetto in termini di tempistica (chiusura il 22 maggio, già a ridosso della stagione estiva, con comunicazione dell’esito ad eventi già effettuati..).

Quest’anno il difetto, anziché attenuarsi, si è accentuato: il bando è stato messo on line in pieno ponte (il 1 giugno) con chiusura improrogabile il 10 giugno…

Cioè si “pretende” che non solo si programmi una rassegna estiva “al buio”, senza certezze economiche, ma anche che lo si faccia in pochi giorni e quando la maggior parte degli artisti ha già un calendario ben definito… ammenocché non si voglia dar ragione a chi sostiene che così si fa perché, tanto, chi deve sapere sa… e quindi si è già “attrezzato” per tempo…

Il grido di dolore, quindi, non arriva solo dal “suq” del salotto buono della città, arriva anche da quella periferia che, in campagna elettorale, era stata posta al centro di una città invece sempre meno policentrica…
Una periferia nella quale nessuno viene ad organizzare eventi di spettacolo (troppo alto il “rischio d’impresa”…), e non lo fa nemmeno il Comune…

e chi, come noi, con molta buona volontà (ed anche, occorre dirlo visti i risultati qualitativi, con dimostrata capacità) riesce a colmare, almeno in parte, questo gap, si ritrova oggi a dover fare come gli impresari: assumersi il rischio d’impresa senza alcuna certezza di supporto da parte dell’amministrazione pubblica.

E qui la domanda sorge spontanea: se non lo fanno loro, che è il loro mestiere, perché dovremmo farlo noi?…

E infatti probabilmente non lo faremo, o magari anche noi, come Carla Peirolero, ci assumeremo anche stavolta il “rischio d’impresa” , ma sarà l’ultima volta…

tanto fra un paio d’anni , in campagna elettorale, salirà ancora qualcuno, sulle alture, a parlarci di “città policentrica, che dopo aver dovuto necessariamente rifare il look al proprio biglietto da visita dovrà assolutamente portare le periferie al centro degli impegni dell’amministrazione”…

Quel giorno un evento di spettacolo sarà garantito: la gara di pernacchie…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.