Cep, un sogno che diventa realtà

Cep, un sogno che diventa realtà

 

Il Praino, in edicola ad ottobre, dedica due pagine al Cep ed al Consorzio Pianacci.
L’articolo a pagina 7

Link all’articolo

AREA PIANACCI, IL CENTRO NEVRALGICO DEL CEP

Esiste una vera e propria città alle spalle di Voltri e Pra’, un quartiere immenso abitato da quasi 8 mila abitanti che troppo spesso, però, viene celato e marchiato con una sigla breve e concisa, che nell’immaginario comune dei genovesi sistematicamente ha valenza negativa: CEP.
Come tutti i quartieri popolari, anche Ca’ Nuova è stata etichettata come il Bronx del ponente ligure, dove per arrivarci bisognava attraversare l’intera città in autobus e una volta giunti al capolinea del 2 barrato, bisognava guardarsi attorno per dirigersi verso casa.
In poco tempo, nel corso degli anni ’70, sono state costruite case su case, grandi strade e piazze che andarono a costituire un enorme quartiere che divenne presto una vera e propria cittadina. Ma le piazze non erano luoghi di aggregazione, bensì, campi di guerra in cui si scontravano le diverse gang che popolavano le vie al tempo ancora buie e poco frequentate.
Un quartiere solo sulla carta, un ghetto per chi ci abitava.
Non è facile, quando si nasce e si vive in una condizione di disagio percepire il degrado che lentamente affligge la propria comunità.
Una comunità fatta da generazioni relativamente giovani: operai, persone immigrate da tutta Italia che venivano a lavorare a Genova nelle, allora produttive. Ansaldo e Italsider.
Persone che per ragioni di lavoro avevano l’alloggio al CEP, tra questi vi erano poliziotti, ferrovieri e portuali affiancati da chi, invece, era meno fortunato e faceva parte delle “categorie a rischio”.
Così, vicino alle famiglie tradizionali, arrivarono ad abitare persone con disagio psichico, con problemi di tossicodipendenza, povertà o addirittura detenuti a regime domiciliare. Un’area senza un vero e proprio centro di ritrovo e scambio, solo un piccolo tentativo da parte di chi stava costruendo l’intera area urbana di pensare ad una palazzina destinata ad uso sociale degli abitanti.
Ma per troppo tempo quella zona rimase semi abbandonata, lasciata nel completo degrado, addirittura senza neppure un allacciamento all’elettricità.
L’anno della svolta avvenne nel 1997, quando ad un caparbio e lungimirante farmacista della Brianza con attività nel quartiere del CEP, Carlo Besana, venne un’idea: ristrutturare la zona e farne un vero e proprio centro nevralgico del quartiere. L’idea apparve subito tanto ambiziosa quanto ardua nel compimento.
Ma le persone che avrebbero collaborato al progetto c’erano e il quartiere negli anni era migliorato, si respirava già da tempo aria di cambiamento e innovazione, mancava però l’input per metterlo in atto.
È da questo momento che nasce l’Associazione Pianacci e quindi l’inaugurazione del nuovo centro di aggregazione per chi abita nella zona.
Grazie all’aiuto dei volontari le attività di intrattenimento per stimolare le persone ad uscire dalle case nel corso delle serate estive si intensificano.
Anche l’acronimo CEP viene stravolto per dare un nome alle diverse manifestazioni: Cocomeri E Pattini, Campionato Estivo di Playstation, Cuscus E Pesto, Che Estate alla Pianacci, Ceppions League…etc. Eventi che hanno ampissima risonanza, tanto che nel corso degli anni sono arrivati nomi illustri della musica e dello spettacolo. Tra i concerti memorabili sicuramente vi è quello con l’orchestra del Carlo Felice che per la prima volta uscì fuori dal teatro per portare la musica in piazza.
In quell’occasione gli abitanti della zona sfoggiarono il vestito migliore come se fosse la prima nazionale di un importante concerto.
Tra i nomi più celebri che sono passati dall’area Pianacci anche Marco Travaglio, Beppe Grillo, Giorgio Conte e tanti altri. Non sono mancati anche gli spettacoli per i più giovani, forse non tutti sanno che quest’estate addirittura i Subsonica hanno deciso di fare un concerto “prova” partendo proprio dal CEP prima di iniziare il tour ufficiale in tutta Europa. L’organizzazione riuscì ad accogliere 3 mila persone provenienti da tutta Italia e grazie alla collaborazione con il Comune a mettere a disposizione 4 autobus da 100 posti l’uno per portare gli spettatori in stazione al termine del concerto.
Per non parlare della grande amicizia che lega Don Gallo al quartiere: tanto che l’anno scorso decise di festeggiare i 50 anni dl sacerdozio proprio all’area Pianacci e quest’anno i 40 anni della Comunità di San Benedetto al Porto con il concerto della celebre band torinese.
La maggior parte delle iniziative sono gratuite e le fasce d’età prese in considerazione vanno dai 5 anni agli over 80, senza escludere la forte componente islamica presente oggi nel quartiere.
Per dimostrare che la convivenza è possibile aldilà della cultura o religione, ogni anno vengono organizzati eventi che favoriscono lo scambio di idee e di tradizioni. Tra le varie iniziative vi furono le “merende multietniche” o spettacoli musicali che creavano una vera e propria contaminazione tra le danze, la lingua e la tradizione della Liguria con la cultura islamica.
Tutte manifestazioni che hanno sempre avuto grande approvazione dal pubblico e dai partecipanti.
Dopo tredici anni il CEP o per meglio dire il quartiere Ca’ Nuova, si sta alzando in piedi e grida a gran voce che esiste e che non ha nessuna intenzione di vivere nell’ombra.

L’articolo a pagina 8.

Link all’articolo

LA VERA ANIMA DEL CEP
UN SOGNO CHE DIVENTA REALTA’

Quanti di noi hanno un sogno, un progetto, un’idea?
Tutti, verrebbe da rispondere senza pensarci troppo. Ma quanti di noi riescono a tramutarlo in realtà, quanti spendono tempo e forze per renderlo possibile magari credendoci per anni, affrontando ostacolo dopo ostacolo, delusione dopo delusione, rialzandosi sempre e senza scoraggiarsi mai? Pochi, pochissimi sono capaci di raggiungere e toccare con mano la realizzazione di un sogno.
Lo sa bene Carlo Besana, farmacista lombardo che decise nel ’93, per ragioni di lavoro, di trasferirsi a Genova, scegliendo il CEP per aprire la propria attività.
Da 13 anni si batte per togliere la coperta dei pregiudizi che da sempre soffoca il quartiere del CEP.
«In realtà è sempre stato un bel quartiere, con persone attive e volenterose, ma nessuno lo sapeva », racconta il Dottore, cercando di spiegare che non ha avuto nessun merito, bensì, ha saputo intuire il potenziale del quartiere che da troppo tempo non aveva un’area di aggregazione.
«L’area c’era, ma ormai era lasciata al completo degrado, è bastato rimboccarsi le maniche e darle nuova luce».
E in questo caso, non si parla di luce solo in senso metaforico, ma anche in quello pratico: l’allacciamento all’elettricità mancava dal ’97.
In poco tempo la Comunità ha subito risposto facendo sorgere, nell’ex area atletica, un grande capannone con attorno giochi e strutture per bambini e giovani.
«L’impresa più ardua è stata convincere la gente ad uscire di casa la sera, non eravamo abituati», spiega il Presidente dell’Area Pianacci che nel corso degli anni è riuscito assieme ai volontari a far sbocciare una sorta di “CEP Pride”, perché per crescere bisogna prima essere orgogliosi delle proprie origini.
Ma non è facile mettere d’accordo tutti, del resto la grande componente islamica presente nel quartiere si fa sentire e non la si può di certo ignorare e allora come fare?
«Il segreto è stato di pensare e creare eventi che favorissero lo scambio per conoscere meglio il proprio vicino di casa» spiega Besana, «Bisognava far in modo che la gente si salutasse quando si incontrava per strada».
È così che nasce “Cuscus e Pesto”, perché per fraternizzare bisogna riuscire a sedersi allo stesso tavolo e scambiarsi idee e tradizioni, creando un arricchimento comune.
«Oggi tanti ragazzi sono abituati ad avere giochi, spazi per divertirsi, concerti ed eventi, ma non bisogna dimenticare che tutto questo non sarebbe stato possibile se la Comunità non avesse collaborato e investito».
Besana infatti non dimentica neanche per un attimo che è per merito dei volontari che tanti concerti e spettacoli sono riusciti a trovare spazio nell’allestimento.
Tutti gli eventi che prendono vita al PalaCep sono patrocinati dal Comune, ma è grazie ad una provata organizzazione interna che ogni anno l’associazione riesce a non sforare oltre al budget a disposizione, risparmiando anche qualcosa per l’anno successivo.
«C’è sempre stato grande rispetto da parte di tutti gli abitanti del quartiere, per le strutture che anno dopo anno nascevano» racconta orgoglioso il farmacista, «Abbiamo sempre dato spazio ai giovani mettendogli a disposizione attrezzature e mezzi, senza dimenticare però le persone più anziane».
A dimostrarlo è la pacifica convivenza tra fasce d’età diverse e tra religioni e culture differenti.
Dopo 13 anni di duro e costante lavoro, l’area Pianacci fino ad oggi può contare: 95 eventi, 108 “momenti” di spettacolo con l’esibizione di oltre 800 artisti, oltre 80.000 spettatori sono arrivati da tutta la Liguria e l’Italia per conoscere, anche se solo per poche ore, cosa fosse il CEP, arricchiti e liberati, si spera, dei tanti pregiudizi che da sempre si hanno su questo quartiere ponentino.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.