Cep, fra auto abbandonate e speranze

Cep, fra auto abbandonate e speranze

 

4 agosto 2013

La querelle sul nome del quartiere è, per qualcuno, come il virus dell’influenza.
..arriva con cadenza quasi svizzera…

Preferiscono guardare il dito e non la luna…
peccato…per loro.

Link all’articolo

(Diego Curcio, per “Il Corriere Mercantile”)
Viaggio nel quartiere costruito sulle alture di Prà
CEP, FRA AUTO ABBANDONATE E SPERANZE
Palazzoni grigi e verde incolto. Ma i cittadini resistono

«Cep? Ma perché vi ostinate a chiamarlo così? Il quartiere è Ca’ Nova».
Le parole sono importanti e, spesso, lo sono anche i nomi. Lo sa bene Nicolò Catania, presidente dei comitato di zona a cui l’acronimo dl Centro edilizia popolare proprio non va giù.
Eppure, come dice Carlo Besana, presidente del Consorzio sportivo Pianacci, e fra i maggiori responsabili della rinascita di questo quartiere collinare nel corso degli ultimi 15 anni, non è che «cambiando l’intestazione spariscano i problemi. Anzi, noi con la parola Cep abbiamo iniziato a giocarci, trasformando un acronimo che un tempo evocava degrado e incuria, in un motivo d’orgoglio».
E così sono nati la Ceppions League, il torneo di calcio del Cep e Cous-Cous e Pesto, la festa di integrazione fra i residenti genovesi e la comunità musulmana del quartiere.
Tutte iniziative che si trascinano dietro quelle tre “maledette” lettere: Cep. Ma al di là delle posizioni diverse portate avanti da questi soggetti che si occupano in modo differente dei problemi del quartiere, c’è da dire che i suddetti problemi, nonostante i grandi passi avanti fatti in questi anni restano comunque tanti.
A volte si tratta di questione ataviche, come gli appartamenti di edilizia pubblica in cui piove ancora dentro nonostante le tacite segnalazioni fatte alle istituzioni o i caseggiati che cadono a pezzi; in altri casi si parla di degrado e abbandono. E qui la lista comprende campetti da calcio imbrattati di scritte, piccoli spazi verdi pieni di spazzatura e strade dissestate: tutti segnali che dimostrano ancora una volta l’estrema lontananza fra le periferie collinari e la civica amministrazione.
Venti chilometri che sembrano cento. Per una situazione che nel corso tempo non è quasi mai cambiata, nonostante si siano fatti ambasciatori del Cep personaggi illustri come Adriano Celentano, il compianto don Andrea Gallo e Gino Paoli.
E molti cittadini del quartiere, il comitato Ca’ Nova, la Pianacci, la comunità musulmana e tante altre associazioni si diano da fare continuamente.
E così, mentre ci si arrampica su per la salita di via Martiri del Turchino, con le indicazioni per il Palacep sistemate lungo i muraglioni, ci si imbatte subito in un paesaggio desolato e poco curato, con il verde pubblico che cresce indisturbato agli angoli della strada e grandi casermoni di cemento.
In via della Benedicta a due passi dal Palacep, orgoglio del quartiere e vero e proprio simbolo della controtendenza espressa in questi anni («prima da qui si scappava, ora grazie ai concerti la gente arriva al Cep da tutta Genova», racconta qualcuno) c’è una macchina abbandonata e ridotta in pezzi, proprio nel sottopasso, in cui c’è la fermata dell’autobus.
Un rottame che assomiglia al vecchio furgone bruciato e poi lasciato sempre li a marcire nell’estate del 2007 a cui, un anno dopo, Carlo Besana e la Pianacci avevano organizzato una festa di compleanno, con tanto di torta e aranciata. Una denuncia scherzosa ed eclatante, che servi a far rimuovere la carcasse dopo poco tempo. In via Novella invece, vicino ai lunghi condomini rosa, i giardini del quartiere sono diventati, da qualche tempo una landa desolata, piena di graffiti, buchi nel terreno ed escrementi. Lì i bambini non giocano più a calcio da anni (come dimostra una vecchia porta sgangherata messa in un angolo), mentre qualcuno, a pochi metri dalle auto parcheggiate, ha pensato bene di abbandonare una vecchia barca di legno piena di rifiuti.
Anche in via Novella non mancano le auto fatte a pezzi e “parcheggiate” nei fondi dei palazzi. Mentre ritornando su via Martiri del Turchino, oltre a ex giardinetti ricoperti da erbacce, all’angolo di una curva non si può non notare un contatore della luce completamente scoperto e lasciato in balia degli eventi atmosferici. E poi ancora tombini scoperchiati e sporcizia, buchi lungo la strada e degrado.
«Aspettiamo ancora che vengano assegnati i tanti alloggi liberi sistemati dall’amministrazione – spiega Catania – Per non parlare dei problemi di viabilità del quartiere. Da tempo, inoltre, chiedevamo un supermercato e per fortuna, adesso, è arrivato. Allo stesso tempo però non vorremmo che il panificio storico dei quartiere rischiasse di chiudere. Si potrebbero trovare delle forme di collaborazione fra questi due esercizi».
«La distanza con le istituzioni è enorme – racconta Besana – se non ci fossimo noi a tenere vive le strutture dei Palacep e i dei campetti qui vicino, tutto sarebbe già in preda al degrado e ai vandali. Quando si realizzano delle strutture bisogna seguirle, non si possono inaugurare e poi lasciare al proprio destino».

CASO
Multa contro il Palacep, fiore all’occhiello del quartiere
BESANA, LA MAZURKA VALE UNA CONDANNA DA 2500 EURO
Dieci giorni di carcere, trasformati in una pena pecuniaria da 2.500 euro. «Che sarebbero 250 euro al giorno – scherza Carlo Besana, presidente del consorzio Pianacci – Dev’essere un bel posto la prigione, se costa così tanto…».
La butta sul ridere l’ex farmacista dei Cep, ma in realtà la condanna penale che ha ricevuto nelle scorse settimane perché una serata di liscio avrebbe sforato di un minuto il limite della mezzanotte («ma il mio orologio faceva le 23,57», spiega) superando i decibel consentiti dalla legge non é stata facile da digerire. Insomma il Palacep, che il consorzio Pianacci gestisce, è uno dei fiori all’occhiello del quartiere, il simbolo della sua rinascita grazie a decine di eventi, come il ritorno dal vivo di Adriano Celentano. Ma qualche abitante della zona forse non la pensa così.
«Un paio di residenti hanno sporto denuncia lamentandosi del “rumore” provocato da alcune serate di liscio – racconta Besana – Dicono che abbiamo sforato, ma quando sono venuti i vigili mancavano tre minuti a mezzanotte e la banda aveva finto di suonare. Secondo l’agente, invece, era mezzanotte e un minuto. E così hanno detto che eravamo andati oltre l’orario consentito. Poi qualcuno ha promosso una raccolta firme per un incontro fra il quartiere e la Pianacci. Salvo poi scoprire che quella “petizione” serviva invece a dare maggiore corpo alla denuncia».
Il risultato è stato un interrogatorio di un’ora e 40 minuti («come se fossi un criminale» racconta Besana) e una condanna .
Al di là dei soldi, però, quello che è accaduto non può che sorprendere chi il Cep, in questi anni, l’ha visto sotto una nuova luce proprio grazie all’operato della Pianacci e alle idee di Besana.
«Sono molto amareggiato – continua l’ex farmacista – ma ho deciso di andare avanti ugualmente. Certo, in questa storia ci sono molte cose che non mi tornano, come un verbale che non si trova più ma la solidarietà che ho ricevuto in questi giorni mi rincuora».
Chissà, forse qualcuno preferirebbe che il Cep ritornasse quella fortezza impenetrabile da cui tutti cercavano di stare alla larga.
Oggi parte del quartiere, è rifiorito proprio grazie ai comitati della zona e alla forza mediatica e alla qualità delle iniziative portate avanti dalla Pianacci.
La riqualificazione rischia di interrompersi per una mazurca.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.