Canarie 2015…tanta roba…

Canarie 2015…tanta roba…

La sintesi della vacanza 2015 alle Canarie: Gran Canaria, Tenerife…tanta roba…

Gran Canaria

La prima settimana è a Gran Canaria, con base a Maspalomas, a due passi dalle magnifiche dune di sabbia dorata che offrono uno scenario “sahariano” in riva al mare…
uno splendido punto di partenza per andare alla scoperta di un’isola dalla morfologia estremamente varia, dal verdissimo nord al desertico sud uniti dall’entroterra montuoso con montagne imponenti.

Le dune di Maspalomas (clicca per ingrandire)

Un mix che consente di passare dal relax di spiagge assolate ad escursioni che possono offrire spettacoli naturali come il magnifico parco rurale del Nublo, riserva della Biosfera dell’UNESCO posizionata proprio al centro dell’isola, nel quale si può ammirare il monolite Roque Nublo, che si erge tra enormi blocchi di roccia vulcanica.

Los Azulejos (clicca per ingrandire)



Oppure i variopinti colori degli Azulejos de Veneguera, testimonianza dell’origine geologica antichissima di Gran Canaria.


Li si incontra salendo da Mogan (dove si trova il mulino a vento più grande di tutta l’isola) e sono il frutto della solidificazione dei fluidi espulsi dal vulcano di Tejeda, ed i colori sono dovuti alla millenaria erosione che ha messo in evidenza i diversi minerali, coloratissimi, che compongono la roccia.

(clicca per ingrandire)



Proseguendo lungo la strada verso Aldea de Sa Nicolàs, a 5/6 km da Mogan, sosta quasi obbligata, sulla sinistra, a Las Cañadas: locale pittoresco, con una vista impagabile, con un piccolo museo agricolo e la curiosa presenza di un camaleonte, e con un succo di papaya assolutamente imperdibile.

Nel nord-est dell’isola, tra Santa Brigida, Telde e Las Palmas, si trova la “caldera di Bandama”, un’enorme riserva naturale che attraversa due grandi gole in direzione della costa.
La caldera si è formata cinque milioni di anni fa vicino al vulcano Picco di Bandama; è profonda circa 300 metri ed ha un diametro di mille metri!

Caldera de Bandama (clicca per ingrandire)

Potrei continuare a lungo, con il solo imbarazzo della scelta…

una scelta resa ancor più “complicata” dalle numerose spiagge (oltre 60 km complessivi) in deliziosi borghi sul mare in cui si potrà apprezzare l’ottima cucina locale.

Puerto de Las Nieves (clicca per ingrandire)
18 novembre 2015 – Puerto de Las Nieves – Susanna (clicca per ingrandire)

Tenerife

La seconda settimana è nella zona sud ovest di Tenerife, con base a Los Cristianos, vera e propria capitale turistica dell’isola, che richiama ogni anno più di 10 milioni di turisti, con un’ampia offerta di divertimento per tutti gusti e per tutte le età.

Come Gran Canaria, anche Tenerife è incantevole per la sua struggente bellezza naturale, che tocca il suo punto più alto nel Parco Nazionale del Teide, con la cima innevata del Pico del Teide, il monte più alto (3718 metri) dell’intera Spagna.

Parco Nazionale del Teide (clicca per ingrandire)

Il parco naturale del Teide nel 2007 è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, e si estende intorno al terzo vulcano più alto del mondo ed al vulcano più grande della Spagna, il Teide, formazione vulcanica situata su un’antica e gigantesca caldera formata da due depressioni semicircolari separate tra loro da una serie di rocce chiamate Roques de García.
E’ un enorme cratere vulcanico di 48 chilometri di diametro con panorami mozzafiato composti da colate di lava.

Parco nazionale del Teide – Roques de Garcia (clicca per ingrandire)
Barranco di Masca (clicca per ingrandire)

Da Santiago del Teide si può percorre una strada che si immerge nell’incantevole panorama che si snoda nel Barranco di Masca, incantevole e mozzafiato al tempo stesso.

Una strada pazzesca, che dopo aver raggiunto El Mirador de Cherfe, inizia a scendere ripida, tortuosa, stretta, con il muro a destra e lo strapiombo a sinistra…

e la strada spesso scompare dietro una curva delimitata da spuntoni di roccia…
ci sarà un altro mezzo proveniente in senso contrario?
Sarà necessario fare una manovra spregiudicata?

Lo si scoprirà solo guidando, e l’adrenalina unita ai panorami mozzafiato sarà già più che sufficiente a rendere indimenticabile questa escursione.

Per percorrere i poco più di 5 km da Santiago del Teide occorre almeno un’ora…ma ne vale assolutamente la pena.

Un altro incantevole spettacolo naturale è offerto da La Punta de Teno, che si trova nella parte più occidentale dell’isola, raggiungibile dalla strada costiera che parte da Buenavista del Norte.

Un angolo di paradiso che offre una splendida vista sulla vicina isola di La Gomera e delle scogliere di Los Gigantes, con una spiaggetta ideale per lo snorkeling e un antico faro, uno dei 7 disseminati lungo la costa di Tenerife.

Punta de Teno (clicca per ingrandire)
Orotava – Casa de los balcones (clicca per ingrandire)

Un’altra “attrazione” è la citta coloniale di Orotava, nella zona settentrionale dell’isola, ad una manciata di chilometri da Puerto de La Cruz.

E’ famosa per la sua architettura castigliana, caratterizzata da balconi e cortili interni, le strade acciottolate, giardini ottocenteschi ed importanti edifici in stile barocco.

Il mio ricordo principale è invece legato all’eccellente pranzo al ristorante “El sabòr canario”, una bella location in un edificio coloniale con corte interna.

Delizioso il maialino alla brace denominato “segreto canario”…imperdibile…

A proposito di ristoranti: nei pressi della Playa de Las Teresitas ci sono un’infinità di locali per tutti i gusti, e non è saggio fermarsi alle apparenze…
noi abbiamo pranzato in quello che a prima vista può sembrare un bar, anche un po’ defilato, in un vicoletto (Calle Apareyo)…
il locale, “El Peton”, è invece un ristorantino con pochi tavoli (in parte all’esterno, nel vicolo), menu scritto su una lavagnetta, e con montagne di pesce fresco (i proprietari sono pescatori), in grado di accontentare tutti i gusti, frequentatissimo da gente del posto, e dai prezzi assolutamente contenuti..
Tutto eccellente, ma assolutamente imperdibili i “camarones”, deliziosi microscopici gamberetti fritti…

Anche le numerose spiagge sono in grado di accontentare tutti i gusti: dalla sabbia soffice, sahariana, di Playa de Las Teresitas, alla ventosa spiaggia di El Médano, paradiso dei surfisti, alla affollatissime spiagge di sabbia scura di Los Cristianos e Playa de Las Americas, fino alle baie, alcune sabbiose altre rocciose, che si affacciano sull’imponente scenario degli Acantilados de Los Gigantes

Playa de Las Teresitas (clicca per ingrandire)
El Mèdano (clicca per ingrandire)
Susanna, Nuria, Mirko ed io a “Casa Amedeo” (clicca per ingrandire)

noi però abbiamo lasciato un pezzo di cuore alla Playa de San Juan, situata nella zona occidentale dell’isola, nel comune di Guía de Isora, ad una trentina di minuti da Los Cristianos.

Una baia con acque calme, al riparo dal vento e dalle onde grazie alla sua posizione vicino al porto di pesca e frangiflutti.
Una zona tranquilla per gustarsi, in ogni periodo dell’anno, una perfetta giornata di riposo.
Magari con l’aggiunta di un pasto (cucina ottima!) al ristorante “Casa Amedeo”, gestito da Mirko Bertola, valtellinese da anni a Tenerife, e dalla dolcissima moglie Nuria

Playa de San Juan (clicca per ingrandire)

Links al diario della vacanza
“Canarie 2015”
Links alle gallerie fotografiche della vacanza “Canarie 2015”
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.