Cabras ed il Residence “Sa Pintadera”

Cabras ed il Residence “Sa Pintadera”

 

 

Il “paese dei tre mari”, nonché “Terra di Giganti”, il bellissimo residence “Sa Pintadera”, in cui abbiamo soggiornato per tre settimane, con il privilegio della cortesia e simpatia di Anna, Peppe e Manuela…

 

Galleria fotografica completa – link –

 

 

 

(clicca per ingrandire)

Una studiosa ha definito Cabras “il paese dei tre mari”: il Mare Vivo, il Mare Morto ed il Mare ‘e  Pontis.

Il Mare Vivo presenta acque spesso agitate, mosse dal vento, che caratterizza le coste di questa parte, la centro occidentale, della Sardegna.

Il Mare Morto, presenta invece acque generalmente tranquille, che caratterizzano la costa del Golfo di Oristano nella parte protetta dalla penisola del Sinis.
Qui non passa inosservata la posidonia oceanica, fondamentale per l’equilibrio dell’ecosistema (può ospitare e dare riparo ad un’infinita varietà di specie animali) e per la protezione dall’erosione dei litorali.
Gli strati di foglie morte che spesso si trovano sulla spiaggia, non sono “sporcizia” ma, al contrario, proteggono il litorale dall’erosione, attenuando l’azione delle onde, specie nel periodo delle mareggiate invernali.

il Mare ‘e Pontis è invece lo Stagno di Cabras, sulle cui sponde è adagiata questa città di oltre 9000 abitanti.

(clicca per ingrandire)

Lo Stagno di Cabras  è così esteso da essere equiparato ad un lembo di mare…
La  bellezza dello Stagno di Cabras  si può assaporare da diversi punti, anche dalla grande piazza di Cabras, che si chiama non a caso Piazza Stagno, che si presta per molte attività all’aperto, dalle sagre ai concerti al mercatino settimanale. 
E’ vicina, sul lato destro, alla foce del Riu Tanui.
Sull’altro lato, quello sinistro, c’è un grande spazio con diverse barche di pescatori…
lì abbiamo assistito ad un vero e proprio “tramonto da urlo”...

Stagno di Cabras – tramonto –
(clicca per ingrandire)

il territorio di pertinenza di Cabras è molto esteso, oltre 100 km2 di terreni coltivabili, spiagge, lagune, paludi, un mix che va a formare un ambiente naturalistico di valore assoluto, che va ad aggiungersi alle straordinarie testimonianze di antiche civiltà, che raccontano il luminoso passato di questo territorio. 

Come i “Giganti di Mont’è Prama”, una sorta di simbolo cabrarese, tant’è che all’ingresso in città  si viene accolti da un cartello che indica Cabras come la “Terra di GIganti”…
ed io e Susanna non potevamo farci sfuggire l’occasione… 

15 settembre, si disputa la finale dei Campionati Mondiali di basket tra Spagna ed Argentina.
Con un complicato ma divertente doppio autoscatto, con fotocamera posizionata sul tetto della nostra Opel Mokka, ecco servito il nostro “omaggio”, nel ricordo dell’indimenticabile “gigante canturino” Bob Lienhard ed alla faccia di chi si domanda, ancora…“come c…. si fa a tifare Cantù?”

 

il nostro “omaggio” alla Terra di Giganti
(clicca per ingrandire)

 

se ci siamo fermati a Cabras 21 giorni anziché i 7 che avevamo ipotizzato è sicuramente merito dello splendido territorio oristanese, dalle magnifiche spiagge (c’è solo l’imbarazzo della scelta…) alle bellezze, naturali e storiche, che si possono raggiungere in poche decine di minuti.

 

Residence Sa Pintadera, Cabras
(clicca per ingrandire)

 

ma è anche merito della piacevolezza del soggiorno al Residence Sa Pintadera, gestito da Anna e Peppe con la preziosa collaborazione di Manuela.

 

Sa Pintadera – Io, Manuela e Susanna
(clicca per ingrandire)
Sa Pintadera – Peppe, Susanna, Anna ed io
(clicca per ingrandire)

 

Residence Sa Pintadera, Cabras
(clicca per ingrandire)

Il Sa Pintadera è una tranquilla e gradevole struttura, all’interno di un ampio giardino, una piccola oasi nella quale sono disseminati una decina di bungalows ed alcuni mini appartamenti, un cerchio che si conclude con il corpo centrale con ampie vetrate sul giardino dedicato alle prime colazioni.
E questo video realizzato con un drone (riprese di Paolo Antonio Ferrara e montaggio di Francesco Mulargia) ne è chiara testimonianza.

 

 

Una bella struttura, nella quale tornare con piacere al termine delle escursioni, sia sulla costa che nell’entroterra, con una varietà infinita di attrattive per tutti i gusti (nei 20 giorni di vacanza abbiamo percorso circa 2500 km, con l’impressione di non averne sprecato manco uno…).

Escursioni che non possono prescindere dalla lunga, ricca, imperdibile colazione preparata da Anna, un mix di dolce/salato che va dalle sue deliziose torte, alle marmellate di propria produzione, passando attraverso paté realizzati con mix di formaggi freschi, serviti su pane carasau o fette di salame locale, con la sorpresa, di tanto in tanto, di delicatissime seadas a forma di sole…

In estrema sintesi…le colazioni di Anna, ovvero: quando la frase “vi prendo per la gola” non è una minaccia ma una dolce promessa…

Anna, Peppe e Manuela “fanno a gara” per mettere a loro agio gli ospiti, un’attenzione affettuosamente discreta, mai invadente…

con l’aggiunta di preziosi consigli, sia “turistici” che “gastronomici”…
(abbiamo cenato in ristoranti sempre diversi, anche in questo caso c’è l’imbarazzo della scelta).

nel corso della vacanza ci hanno riservato il privilegio di essere ospiti, a cena, a casa loro in un paio di occasioni, nelle quali, oltre alla piacevole compagnia, abbiamo avuto modo di appurare che Anna, in cucina, sa andare (e bene) anche oltre le imperdibili colazioni…

una delle loro figlie, Giorgia, frequenta la Facoltà di Scienze Naturali a Genova ed il 15 ottobre era in programma una delle tappe più importanti del suo percorso universitario: la discussione della tesi al termine del triennio.

Ovviamente non potevano mancare papà Peppe, mamma Anna, la sorella Michela, la nonna Bonaria e lo zio Marco, giunti appositamente dalla Sardegna.

Potevamo mancare noi???
Certo che no!!!

Con il “gancio” di Chiara, nostra amica e compagna di studi di Giorgia, trasformatasi in nostro “agente segreto” per avere l’informazione su orario, luogo ed aula, e nonostante le difficoltà dovute al nubifragio che si è abbattuto sul Ponente cittadino (due ore da Pegli a Corso Europa…), siamo riusciti ad aggiungerci, a sorpresa, alla loro felicità…

che è stata anche la nostra…

al centro la neolaureata Giorgia Poddi
(clicca per ingrandire)

 

Galleria fotografica completa – link –

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.