Alti ideali, una squadra di trafficanti di sogni

Alti ideali, una squadra di trafficanti di sogni

 

20 marzo 2014

Link all’articolo

(Carlo Besana, per “Basket Magazine”)

ALTI IDEALI
UNA SQUADRA DI TRAFFICANTI DI SOGNI

Giochiamo per gli animali e per alti ideali“, lo slogan che abbiamo scelto per la stagione 2013-2014, sottolinea in modo immediato il particolare abbinamento tra la nostra società, l’NBA-Zena, e il suo main sponsor, Almo Nature, azienda che affianchiamo nelle azioni a sostegno delle sue battaglie animaliste e delle iniziative concrete a favore dei canili.
A prima vista potrebbe sembrare anomalo fare sport agonistico e promuovere la propria attività attraverso uno slogan in cui non ci sia nessun termine che richiami il concetto di vittoria.
Può essere vero, ma solo a prima vista.
Chiunque abbia praticato sport agonistico, a qualunque livello, sa perfettamente che si scende in campo, sempre, per vincere, con buona pace di De Coubertin.
Non c’è nessuna necessità, quindi, di sottolineare questo elemento.
Non tutti però hanno ancora ben presente il concetto di “social profit“, di cui lo sport è una delle più alte espressioni.
Il basket inoltre è anche sport di squadra, ed è una disciplina in cui il concetto di “squadra” è espresso ai massimi livelli. L’attività non riguarda solo direttamente le protagoniste in campo, ma anche le famiglie e, per estensione, l’intera comunità.
Almeno per noi, “essere basket” vuol dire anche partecipare alla crescita della comunità che ci sta intorno, provando a trasferire quelli che sono i nostri valori.
Ecco quindi che l’anomalia diventa “normalità” e l’impegno finalizzato al raggiungimento dei livelli sportivi più alti si può anche trasformare in ulteriore “energia pulita”, un buon carburante per rifornire di alti ideali l’intera comunità.
Proprio da questa consapevolezza deriva la nostra anima social”, che ha già caratterizzato negli anni scorsi la nostra società sportiva, al fianco sia della Fondazione Candido Cannavò per lo Sport che della Comunità San Benedetto al Porto di Don Andrea Gallo, nostro compianto “tifoso numero 1”.
E non a caso i loghi della Comunità e della Fondazione sono ben presenti sulle nostre divise da gioco.
Don Gallo era stato un allenatore di basket, e sapeva bene di avere un quasi omonimo, Danilo, nell’NBA.
Noi don Gallo lo abbiamo addosso.
Sulle soprammaglie c’è uno slogan che ancor più incornicia il nostro impegno e, credo, le sfide nuove che toccano al basket: “Sempre con coraggio cerchiamo di continuare a essere trafficanti di sogni“.
In questa stagione si è felicemente aggiunta la comunione d’intenti con il nostro main sponsor.
Si è conclusa pochi giorni fa l’iniziativa “Un assist per la Sardegna“, ideata da Almo Nature e promossa dalla nostra società e dalla Lega Basket Femminile, con il coinvolgimento di tutte le società di Serie A1, A2 ed A3.
Si è presa in considerazione la giornata di campionato precedente il Natale, si sono sommati i punti realizzati, gli assist serviti e il numero degli spettatori e la cifra risultante da questa somma è stata trasformata da Almo Nature in altrettanti pasti donati ai canili della Sardegna colpiti dall’alluvione.
Il 10 dicembre Pier Giovanni Capellino, presidente di Almo Nature, consegnò oltre 19.000 pasti al canile LIDA di Olbia (che ospita oltre 700 cani), lo scorso 2 marzo circa 20.000 pasti sono stati donati ai cittadini proprietari di cani e residenti nelle zone colpite dall’alluvione.
Erano presenti anche due giocatrici dell’Almo Nature NBAZena, che hanno donato ai bambini magliette versione “dog” (con il numero 101) della divisa da gara della loro squadra.
Quest’anno, con il nuovo impegno verso le battaglie animaliste, si è chiuso un meraviglioso “cerchio magico”, come ha scritto Franco Arturi, nobile firma della Gazzetta dello Sport: «Fra le battaglie di civiltà promosse da Candido Cannavò ai primi posti c’erano le campagne estive contro l’abbandono del cani. Candido ha scritto articoli toccanti al riguardo. Considerando che Don Gallo è uno degli Indimenticabili “pretacci” del suo libro, che il basket femminile gli stava molto a cuore, e infine che Candido aveva imparato ad amare la Liguria e il suo mare, in nome della NBA-Zena si salda un cerchio magico. Di quelli buoni».

BASKETPEDIA
Carlo Besana da giocatore si è fermato alla Prima Divisione in Brianza; da comunicatore, e da persona dotata di straordinaria creatività, è arrivato molto più lontano come dirigente sociale. Presidente del Comitato Unicef di Roma prima, anima della rinascita piena del quartiere Cep a Genova poi, organizzatore di eventi, catalizzatore di energie positive, nel 2007 ha fondato la Nba Zena, New Basket a Genova.
Ex farmacista, per chi lo conosce bene, deve molti dei suoi successi alla moglie, Susanna Giorato, eccellente giocatrice fino alla A2.
È stato Carlo a scoprire i trascorsi cestistici di don Gallo: basterebbe questo per dirgli grazie.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.