Cecilia, in direzione ostinata e contraria…

Cecilia, in direzione ostinata e contraria…

 

10 febbraio 2013

 

post su Fb di Cecilia Flandi, giocatrice di basket NBAZena,

operata a seguito di grave infortunio al ginocchio

 

Ok. È passato un weekend e domani è lunedì. 

Una settimana fa scrivevo un monologo su quanto questo sport, questa squadra e questo gruppo potessero essermi entrati nel cuore e lo scrivevo vedendo la luce in fondo al tunnel di un infortunio stupido, che mi aveva fermato per pochi giorni.
Giorni che mi avevano semplicemente messo più voglia addosso, più cattiveria, più determinazione e che, se possibile, mi avevano infuso ancor più il senso di appartenere a qualcosa di grande. 

Poi bastano dieci minuti in un attrezzo gigante, vestita solo da una vestaglietta verde da ospedale e dalla mia ansia, incrementata da quel rumore penetrante che supera le cuffie, che ti entra nel cervello e ti azzera i pensieri. 
Ma nonostante questo sei tranquilla perché intorno hai pieno di gente che ti dice che stai bene e che tra sette giorni farai riscaldamento insieme alla tua squadra. 

Una manciata di parole e di colpo ti svegli il giorno dopo alle sei, pensando che ti sei sognata tutto. 
Però hai ancora gli occhi gonfi dalla sera prima. 
È tutto vero. 

Ma domani è lunedì.

Considero questo lunedì come il primo giorno del recupero e non come il primo giorno dell’infortunio.

Grazie alla mia società.
Grazie al mio allenatore.
Grazie al mio vice allenatore.
Grazie ai genitori, parenti e tifosi che ci seguono.
Grazie a tutti gli amici che mi hanno scritto. 
E grazie a tutte le mie compagne di squadra che, ognuna a modo suo ma allo stesso tempo tutte insieme come entità unica, mi hanno fatto capire che posso essere in campo con loro, ogni singolo minuto di ogni singola partita e posso continuare ad inseguire questo obiettivo comune che ci ha reso quello che siamo. 

Tutte questo per dire che non c’è nessun tunnel e nessuna luce da inseguire in fondo ad esso. 
Tutto questo per dire che tornerò. 
E tornerò prima di quanto tutti vi aspettiate. 

(Sempre e comunque in direzione ostinata e contraria). 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.