Don Gallo e “La fabbrica del razzismo” (2008, ma sembra scritta ieri…)

Don Gallo e “La fabbrica del razzismo” (2008, ma sembra scritta ieri…)

Don Gallo ci ha lasciati esattamente 5 anni fa; si leggono oggi alcuni suoi appunti, inediti, scritti 10 anni fa…il tema è la crescita, strisciante, della xenofobia…sembrano scritti ieri…

Domani è il 22 maggio…sono già trascorsi 5 anni dalla scomparsa di Don Andrea Gallo…

L’articolo del Secolo XIX
(clicca per ingrandire)

 

Proprio oggi “Il Secolo XIX” ha pubblicato uno scritto inedito, vergato a mano da Don Andrea nel 2008, dieci anni fa
E’ un’analisi, lucida, sulle cause, striscianti, della crescente xenofobia…

Sembra scritta ieri… 
Vale la pena leggerla, attentamente, fino in fondo…

lui continua a parlarci, attraverso i suoi scritti, conservati dalla Comunità di San Benedetto…
è un privilegio, approfittiamone!

 

 

 

gli appunti di Don Gallo
(clicca per ingrandire)

(ringrazio Domenico “Megu” Chionetti per avermi messo a disposizione
una copia degli appunti in grafia originale di Don Andrea Gallo)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La fabbrica del razzismo
(marzo 2008)
di Don Andrea Gallo

Da piccolo uomo genovese , da piccolo prete cattolico sono sgomento.

Non so ancora, come facciano, tanti che si dichiarano Cristiani, a recitare il Padre Nostro, preghiera Insegnata da Gesù, a comportarsi come xenofobi, razzisti, con atti discriminatori e intolleranti.

Nella condizione umana la posizione di colui a cui viene cucita addosso la “casacca dell’inferiore” è sempre stata “atroce”!

Essa implica il suo allontanamento, la sua fredda espulsione, oltre i confini della specie.

Nel secolo scorso agli indesiderati, in gran parte dell’Europa, toccarono i campi di lavoro forzato di concentramento e infine…. di sterminio (ebrei, zingari, testimoni di Geova, gay, taluni delinquenti, oppositori politici).

Nella legge del 1920 in italia si istituiscono i campi di concentramentro per i sudditi indesiderabili.

C’è un arte nella quale tutti i Poteri hanno sempre cercato di eccellere: suscitare fantasmi.

Andando un passo più in là della denigrazione non sarà neppure difficile trovare la produzione di fantasmi speciali, che, fin dai tempi antichi, sono stati chiamati “capri espiatori” (aspetto agghiacciante: rubano, violentano, spacciano droghe, rapiscono i bambini) a cui viene affidato il compito di spaventare “interi gruppi sociali”
(oggi: extracomunitari, clandestini, zingari, rom – alcuni dei più attuali)

Come si fabbrica l’inferiore?

In una relazione sociale, produrre l’altro come inferiore significa istituire una discriminazione gerarchica sulla quale legittimare un potere.

Dopo il 1861 in Italia l’inferiorizzazzione dell’altro (calabresi, negri, zingari, donne anormali (Lombroso), viene costrutita sul terreno strettamente biologico.

Con il fascismo vennero accoppiati al sangue,lo spirito della storia, la romanità, il destino imperiale.

Ai nostri giorni il processo di inferiorizzazzione dell’altro viene re-inventato sul piano istituzionale e legittimato come atto di difesa sociale.

Conta l’appartenenza ad un’altra forma di civiltà quella dei consumatori occidentali, per alcuni quella dei consumatori padani, per altri… e la sua difesa da una invasione devastante.

Il processo di inferiorizzazione dell’altro inizia con una definizione “denigratoria”.

Il nomignolo viene presto trasformato in “etichetta”.

Le etichette escludono, emarginano, isolano, respingono, tengono lontano.

Individui ammucchiati-annullati, entro classi sperzonalizzate e indifferenziate, trasformati in “cose”!

Deumanizzati.

L’etichetta denigra la classe degli individui cui è stato inciso nella carne uno stesso stigma.

Chi concepisce lo stigma se ne serve per marchiare talune categorie sociali, appartiene al gruppo sociale più forte per definizione

Chi lo riceve subisce una inferiorizzazzione. Lo scopo è conseguire due risultati:

·        rafforzare il proprio potere

·        ridurre al minimo lo spazio di potere dei discriminati pronti… ad essere usati!!!

L’abbassamento è quello “campanilistico” (terrone, tossico, matto)… scendendo… marocchino, negro, mussulmano, extracomunitario, terrorista, stupratore.

L’ultimo scalino è quello sicuramente dell’abbassamento delle “specie”

denigrato: verme, pidocchio, porco, scarafaggio

In Germania si chiamarono “pidocchi” gli ebrei.

In Vietnam si chiamarono “musi gialli” i vietnamiti.

In Iraq si chiamarono “teste di stracci” gli iracheni.

La produzione dell’altro come inferiore persegue uno scopo definito: “renderlo invisibile”.
Per meglio dire: “rendere invisibili gli abusi e la violenza che contro di lui, per via istituzionale vengono compiuti.
Bisogna, a tutti i costi, garantire la propria tranquillità quindi è cosa buona e giusta.
Il “pidocchio” è indesiderabile, fastidiosi, nocivo, pericoloso. Sopprimerlo liquida un fastidio. 
Sterminare un pidocchio, i pidocchi, non è forse un’azione di prevenzione igienica e naturale”?

L’obbiettivo rimane fermo: trasformare l’inferiore in capro espiatorio.

il capro espiatorio è qualcuno che, sebbene non abbia alcuna colpa, viene pubblicamente additato come “autore” di qualche grave crimine.

“Non ha fatto niente di nocivo, ma è così debole che non riesce ad opporsi alla colpa che il gruppo prepotente, con mezzi preponderanti, gli scaraventa addosso.

Esempi:

·        se non trovate lavoro la colpa è dei “clandestini”

·        puniamoli, respingiamoli, espelliamoli dalla comunità, liberiamocene e le cose… torneranno al loro posto.

Il capro espiatorio svolge una doppia e beffarda funzione sociale:

·        distrarre le persone dai problemi reali, che stanno a fondamento del loro malessere e del loro malcontento;

·        consente agli imprenditori politici del controllo sociale di rafforzare il loro potere.

Tutti responsabili, verdi, rossi, bianchi, neri.

“Costruito il fantasma” non resta che rendere “credibile” la sua effettiva pericolosità sociale.

Il punto d’eccellenza di questa lavorazione consiste nell’antica tecnica ecclesiastica del “batti e ribatti”.

Ribadisci mille volte una bugia e quella infine, diventerà luogo comune, verrà ritenuta dai più, verbo di verità.

L’ignoranza dei nostri giorni è il sapere 24 ore al giorno, ogni giorno, mettendo sullo stesso piano didattico: film, telegiornali intrattenimenti, dalla macchina multimediatica.

Dobbiamo lasciarci sopraffare dalla Paura?

Per ritirarsi in se stessi?

Per ritirarsi in silenzio?

Per chiudersi in “ghetti” ????

per indossare identità e divise di comodo?

La paura, se non si vince, genera ansia, malessere…

si finisce per cadere nell’indifferenza morale, e mettere a sacrificio, sullo stesso Rogo, insieme ai capri espiatori, anche la propria libertà.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield