Le spiagge della costa nord, nord occidentale ed occidentale di Antigua

Le spiagge della costa nord, nord occidentale ed occidentale di Antigua

 

Antigua, le spiagge della costa nord, nord ovest ed ovest
gallerie fotografiche della pagina web
“Antigua, le spiagge sono solo l’inizio…”
dalla quale sono tratti i commenti che le precedono

 

(clicca per ingrandire)

 

Le spiagge della costa nord,  nord occidentale ed occidentale di Antigua

Jolly beach, Hermitage bay, Morris bay, Carlisle bay, Darkwood beach,
Little Ffryes beach, Ffryes beach, Dickynson bay, Runaway bay, Deep bay,  
Hawksbill beach, RumBus beach

 

Jolly Beach

…Jolly Beach si trova nella baia di Jolly Harbour, un porto turistico molto animato, che sulle prime non ci convince molto.
E’ sufficiente però seguire l’indicazione Castaway e ci ritroviamo, complice anche la stupenda giornata di sole, in un primo scorcio di paradiso…
una lunghissima spiaggia, bianchissima, che si affaccia su un mare incredibilmente turchese…
la parte sulla destra è quella più affollata, ma basta spostarsi di qualche decina di metri (con una suddivisione naturale data da una piccola duna) e ci si ritrova nella parte più libera…i dubbi sono amletici: guardare estasiati? tuffarsi subito in quelle calde acque invitanti? scattare foto per immortalare questa meraviglia?
c’è solo l’imbarazzo della scelta…
il contesto è meraviglioso e già sembra “valere la vacanza”…
non lo sapevamo, ma nei giorni successivi avremmo visto cose anche più paradisiache…

 

 

Hermitage Bay

…L’istinto ci porta a percorrere Valley Road, sempre nella direzione della costa occidentale dell’isola, ed all’altezza di Jennings puntiamo verso Hermitage Bay, una baia isolata, e stranamente poco “reclamizzata” dalle guide turistiche, che compare nella sua straripante bellezza al termine di uno sterrato, peraltro non troppo sconnesso, di circa 3-4 chilometri…
la sabbia è bianchissima quasi accecante…
le gradazioni di colore del cielo e del mare, dal bianco al turchese ed al blu intenso, sembrano opera di un abilissimo artista, che sembra divertirsi a stupirci, di minuto in minuto, con nuovi, ripetuti colpi di pennello…
abbiamo la percezione che sull’isola sia impossibile (almeno per i nostri gusti) poter trovare qualcosa di più stupefacente…
e sarà proprio così, senza nulla togliere alle altre meravigliose spiagge che avremo il privilegio di incontrare in questa vacanza…

 

 

Morris Bay e Carlisle Bay

Prima di arrivare al villaggio di Old Road, dal quale, svoltando verso l’interno dell’isola, inizia la Fig Tree Road, incrociamo una bellissima baia, Morris Bay…
la voglia di un altro bagno prende il sopravvento, ed è un piacere immergersi in queste acque limpidissime… il fondo, pure sabbioso, è più compatto rispetto a Jolly Beach, e questo giova all’assoluta trasparenza…aggiungiamoci anche la sensazione di essere in una nostra spiaggia esclusiva (solo quattro-cinque persone negli oltre 800 metri, se non più, della spiaggia)…aggiungiamoci anche la palma piegata verso il mare, che fa tanto “cartolina dai Caraibi”, ed il gioco è fatto…

lasciamo Morris Bay ma, arrivati ad Old Road, non prendiamo subito la via della foresta pluviale…
ci concediamo un’altra “divagazione”, e ci spostiamo fino a Carlisle Bay, altra tranquillissima baia che prende il nome dall’omonimo lussuoso resort che si affaccia sulla spiaggia, anche questa con acque incredibilmente trasparenti…

 

Darkwood beach

scendendo verso Cades Bay e Morris Bay, avevamo percorso la Valley Road, una lunga strada che si affaccia su diverse bellissime spiagge…
una di queste è Darkwood Beach, sulla quale venerdì 6 aprile abbiamo trascorso parecchie ore…anche qui, ma ormai non è più una novità, una spiaggia dalla sabbia soffice, impalpabile, accecante, bagnata da un mare cristallino con diverse gradazioni dal turchese al blu.
Un chioschetto sulla spiaggia consente di affittare lettini ed ombrellone, oltre a poter gustare bibite, cocktail locali e pasti veloci.

 

Little Ffryes e Ffryes beach

Percorriamo l’ormai “solita” Valley Road ed oltrepassata la Valley Church seguiamo l’indicazione del Cocobay resort, che si affaccia sulla Little Ffryes beach.
ogni volta per me e Susanna è lo stesso stupore, alla vista di dolci gradazioni di turchese e blu, che sembrano essere pennellate direttamente sulla sabbia bianca dalla mano di un artista…
una spiaggia ad arco, deserta… sembrerebbe, come tante altre, quasi una nostra esclusiva…
con le piante di coconoba che arrivano fino a pochi passi dall’acqua, ed offrono un naturale, dolce riparo dal sole cocente…
la “colonna sonora” offerta dalla dolce risacca ci tiene compagnia per un paio d’ore, in cui la tentazione di un bagno ristoratore trova soddisfazione di frequente…

ci accorgiamo poi di una stradina sulla nostra sinistra, e di una coppia che si addentra verso il promontorio che delimita la baia…
prevale la curiosità, andiamo a dare uno sguardo…
pochi passi, il tempo di “aggirare” il promontorio, e si presenta ai nostri occhi un’altra meraviglia, la Fryes Beach…
in buona sostanza la “sorella maggiore” della spiaggia che ci aveva coccolati fin lì, più vasta, con due soli bagnanti…la coppia che avevamo visto passare pochi minuti prima…
anche qui cediamo volentieri alla tentazione di un incontro ravvicinato con queste acque turchesi…
sul promontorio il noto Dennis Cocktail Bar&Restaurant, tradizionale luogo in cui poter pranzare o sorseggiare cocktails al tramonto…ma per noi è già tempo di tornare al resort, con un motivo in più, anzi due, per apprezzare questa meravigliosa isola…

 

Runaway bay e Dickynson bay

prendiamo All Saints Road poi Anchorage Road, attraversiamo Yorks e raggiungiamo Runaway beach…
una lunga spiaggia tranquilla che sicuramente avremmo maggiormente apprezzato se non avessimo passato qualche ora ad Hermitage Bay…

proseguiamo lungo la strada verso Dickenson Bay, e siamo attirati dal Mc Kinnons Salt Pond, un grande lago salato sul quale possiamo ammirare le evoluzioni di molti pellicani (che peraltro ho trovato particolarmente brutti…soprattutto rispetto agli aironi ammirati il giorno prima)…
arriviamo finalmente a Dickenson Bay, una delle spiagge più animate, con diversi locali che si affacciano sulla spiaggia, compreso il noto e vasto Sandals Resort.
la spiaggia è ancor più grande della Runaway, anche qui la sabbia è soffice ed il mare turchese, ma devo confessare che, indipendentemente dal raffronto con l’Hermitage, rispetto alla fama che l’accompagna, la percezione è stata di netta delusione…
intendiamoci: sempre “tanta roba” ma ho l’impressione che sia molto “spinta” per la vicinanza con la capitale St John’s, che la rende comoda meta per le migliaia di crocieristi che arrivano ogni giorno sull’isola…

 

Deep bay

Da St John’s si raggiunge rapidamente la Five Islands Peninsula e puntiamo direttamente su Deep Bay e, rispetto alla sera precedente, la differenza è notevole…
la spiaggia è deserta ed assolata…
utilizziamo una palma (e la sua ombra) ed un pallet come occasionale “ombrellone” che comunque non sfruttiamo…
mentre Susanna si dedica alla ricerca di conchiglie, salgo per un breve tratto sulla collina che domina la baia.
In cima ci sono le rovine di Fort Barrington, ma mi fermo più o meno a metà: il colpo d’occhio è fantastico, con la visione dall’alto della dolcissima baia curva di Deep Bay e del vicino lago salato naturale… 

 

Hawksbill beach

lasciamo Deep Bay e, percorrendo Grey’s Farm Main Road raggiungiamo rapidamente l’altra baia della Five Island Peninsula, Hawksbill Bay.
E’ una lunga baia sulla quale si affacciano quattro spiagge, e scegliamo di puntare su Hawksbill Beach, sulla quale si affaccia l’omonimo resort.
La spiaggia è deserta, ma ormai questo “privilegio” non ci sorprende più…
Ci sorprende invece un’improvvisa (e quasi minacciosa) nuvolaglia che probabilmente non ci consente di apprezzare appieno questa spiaggia, non molto grande, dal fascino selvaggio con una rigogliosa vegetazione che si riflette nel mare cristallino.

Lasciamo Hawksbill beach e sull’omonima strada (Hawksbill Road) incrociamo un coloratissimo chiosco bar in legno; ne approfittiamo per un piacevole ristoro scambiando due chiacchiere (nei limiti della nostra conoscenza della lingua inglese…) con la simpatica coppia di gestori…
la tranquillità di Hawksbill Road viene violata dall’arrivo di capre e cavalli…e nel frattempo la nuvolaglia si è dissolta…

 

RumBus beach

Nel pomeriggio ci spingiamo fino a Darkwood, che avevamo già apprezzato il 3 aprile.
Troviamo alcuni degli amici conosciuti all’Ocean Point.
Il tempo di un drink, un altro piacevolissimo bagno…e poi decidiamo di spostarci di poche centinaia di metri, per gustarci il tramonto al Rumbus Beach…
Arriviamo alle 17, manca più o meno un’ora e mezza al tramonto, ma non vogliamo farci mancare nulla…
il posto è molto carino anzi, decisamente figo…
deve il nome ad un vecchio autobus rosso trasformato in bar, ed è strutturato con diversi gazebo in legno con due lettini, amaca…

crepi l’avarizia, ci pigliamo tutto…gazebo, lettini, amaca e due deliziosi rum punch…
il tramonto, pur apprezzabile, non è proprio il migliore della nostra vita, ne abbiamo visti di migliori…
ma l’atmosfera fa passare la “classifica” in secondo piano…è un bel momento, e ce lo gustiamo fino in fondo…
uscendo, Susanna va a curiosare (e filmare) all’interno della “coda” del bus…c’è anche una variopinta “cameretta”…
chissà, saperlo prima…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.