“Un’avventura” piacevole, con la “firma” di Aldo De Scaldi e Pivio…

“Un’avventura” piacevole, con la “firma” di Aldo De Scaldi e Pivio…

 

 

90 minuti di piacevole evasione dal “bombardamento” quotidiano sempre più angosciante

 

Ieri sera non appena è comparso Briatore, quasi fosse un esperto di pandemie, io e Susanna abbiamo deciso di concederci una visione più “leggera”…

abbiamo scelto il film “Un’avventura”.

Un film recentissimo che qualche critico cinematografico ha accostato ai “musicarelli” degli anni ’60, quelli che venivano girati sull’onda di un successo musicale del periodo.

Un accostamento ingeneroso, perché pur non potendo aspirare a “passare alla storia”, è un film più che discreto, più accostabile ad un musical.

A dispetto del titolo (la canzone con la quale Lucio Battisti partecipò al suo unico Festival di Sanremo da protagonista, in coppia con Wilson Pickett), il film si sviluppa su un ventaglio di successi di Battisti, credo almeno una decina, i cui testi hanno fatto da filo conduttore alternato alla recitazione (non a caso le due principali protagoniste si chiamano Francesca e Linda).

90 minuti di piacevole evasione dal “bombardamento” quotidiano sempre più angosciante.

Con l’aggiunta di due “chicche” (per me):
il film è “firmato” anche da Pivio Pischiutta e dall’amico Aldo De Scalzi, che hanno magistralmente riarrangiato i diversi mitici brani adattandoli alle diverse qualità vocali degli interpreti ed alle necessità dei tempi di recitazione e ballo, il tutto senza togliere l’immortale fascino della produzione di Lucio Battisti e Mogol.

L’altra “chicca”: lo spazio, importante, dato ad uno dei successi forse meno noti, “Nel sole nel vento nel sorriso e nel pianto”, inciso dai Ribelli nel 1968 con la straordinaria voce solista di Demetrio Stratos.

Uno dei brani battistiani cui sono più affezionato, come sa anche l’amica Manuela che anni fa, sapendo di farmi un regalo gradito, realizzò una pergamena con il testo della canzone…

 

 

 

 

Nel sole, nel vento, nel sorriso, nel pianto…
(di Mogol-Battisti)

Mio padre disse:
“Ragazzo mio, e vuoi andare, addio”.
Mia madre disse:
“Bambino mio, ti guidera’ Iddio”.

La solitudine si paga in lacrime,
E l’ho pagata anch’io .
Ma se ho vissuto poi
Se sono un uomo ormai,
Lo devo a lei, la donna che, è insieme a me.

Perché lei è vicino a me
Nel sole, nel vento, nel sorriso e nel pianto .
Lei è vicino a me, con tutto il suo cuore,
Con tutto il suo amore,
In ogni istante, in ogni momento.
Ooh… ooh

Io sono un uomo ormai
Non piango quasi mai,
E tutto questo lo devo a lei, lo devo a lei .

Perché lei è vicino a me
Nel sole, nel vento, nel sorriso e nel pianto .
Lei è vicino a me, con tutto il suo cuore,
Con tutto il suo amore,
In ogni istante, in ogni momento.

Lei è vicino a me
Nel sole, nel vento, nel sorriso e nel pianto.
Lei è vicino a me
Con tutto il suo cuore, con tutto il suo amore,
In ogni istante…

 

(clicca per ingrandire)

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.