un’altra magia… Gnu Quartet, Giulia Ottonello, Alessandro, Faber…

un’altra magia… Gnu Quartet, Giulia Ottonello, Alessandro, Faber…
 
23 agosto 2009
 
Dopo il Ferragosto al Cep, con oltre 2000 presenze complessive tra la serata danzante con Michele ed il concerto dei Buio Pesto, ero consapevole che alla serata, raffinatissima, con le proposte di qualità assoluta dei Gnu Quartet non avremmo fatto “il pienone”.

Confesso però che confidavo, per la chiusura della rassegna 2009, in una presenza diciamo “più massiccia”.
Anche se lo stupendo concerto, nel corso del quale il quartetto genovese ha proposto alcuni bellissimi brani inediti, ha comunque potuto contare su 120 persone che, in una serata caldissima, hanno fatto una scelta musicale ben precisa.

Il Cep però mi ha abituato alle improvvise magie, ed il 22 agosto non ha fatto eccezione.
Racconto qui un momento, dopo lo spettacolo, vissuto grazie agli artisti presenti e, in buona parte, alle persone presenti, al caso e alle situazioni che al Cep si stanno creando da anni.

Terminato lo spettacolo, due “Gnu” (Stefano Cabrera e Roberto Izzo) si sono seduti nello spazio all’aperto sul retro del circolo, per rifocillarsi in compagnia di due loro amiche, una delle quali la notissima Giulia Ottonello, vincitrice di “Amici” nel 2003.
Poco distante da loro, un gruppo di ragazzi/e (età più o meno dai 13 ai 16 anni), impegnati in parte a giocare a ping pong (il piacevole e singolare “must” estivo 2009 del Pianacci..).

Riconosciuta Giulia Ottonello è inevitabilmente iniziata, dapprima timidamente, la richiesta di autografi foto ecc.
Con molta simpatia e disponibilità, Giulia si fa coinvolgere ed il mitico Alessandro Frau (uno dei ragazzi) le propone un duetto canoro, utilizzando il telefonino come base musicale; il repertorio spazia da Anna Tatangelo a Laura Pausini con il coinvolgimento corale degli altri ragazzi, finché dalle custodie vengono estratti violoncello e violino, e Stefano Cabrera e Roberto Izzo si uniscono alla compagnia.

Giulia Ottonello, accompagnata dai due musicisti, incanta letteralmente i ragazzi: violino, violoncello ed una splendida voce riescono laddove

Giulia Ottonello e Sandro Frau
Giulia Ottonello e Sandro Frau

normalmente arriva la musica techno.

Ma la magia ha in serbo il colpo d’ala: la jam session si chiude con “amore che vieni, amore che vai”, brano scritto 41 anni fa da Fabrizio De André; può sembrare un azzardo invece i ragazzi rimangono incantati ad ascoltare, ed Alessandro Frau corregge Giulia su una piccola incertezza nel testo (“venuto dal sole o da spiagge gelate ,perduto in novembre o col vento d’estate”).
Alessandro stupisce anche i suoi amici (“ma conosci le parole”?)…non stupisce il sottoscritto.

Il papà di Alessandro, Andrea, mancato un paio d’anni fa, era un grande appassionato di Faber, conosceva tutte le sue canzoni e nel corso di una serata tributo a De André, il 20 agosto 2005, mi aveva letteralmente emozionato con la sua passione.
Proprio come ha fatto suo figlio Alessandro, visibilmente emozionato (ed io pure) in una magica notte, a quattro anni esatti di distanza…

Anche allora, come ieri, un violento acquazzone segnò il confine tra la tarda serata e la notte…

misteri e magie del Cep…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.