Una scelta… colitica

Una scelta… colitica

 

4 luglio 2012

 

Piazza Sciesa, a Genova Pra’, è stata sottoposta ad un importante intervento di restyling, con quota dei finanziamenti Fasr-Por destinati a Prà (14 milioni di euro).

La piazza ha cambiato volto ma, tra lo sconcerto di moltissimi cittadini, la Civica Amministrazione ha deciso di installare, in bella vista, un vespasiano (per chi non ne conoscesse il significato … un cesso…).

Perplessa la cittadinanza, che nel corso di un’assemblea pubblica, qualche giorno fa, non ha per nulla nascosto il disappunto per una scelta scellerata e, per di più, priva dei percorsi di condivisione garantiti a suo tempo dagli amministratori.

I praini si sarebbero aspettati di tutto, ma non che nel bel mezzo di una nuova, gradevole piazza, anzi “la piazza”, venisse posto proprio un cesso, di quelli tanto in voga nell’anteguerra e progressivamente eliminati ormai in tutte le città (da wikipedia: gli orinatoi pubblici stradali, un tempo molto presenti nelle città, erano detti vespasiani).

Ma la nostra città deve differenziarsi…

Immaginiamo anche che la scelta sia avvenuta al termine di un lungo percorso di discussione tra da consulenti di settore, grandi nomi dell’arredo urbano, esponenti di grido dei diversi partiti.a me, francamente, così, senza voler offendere nessuno, vien da dire che la scelta, più che politica, sembra sia stata. colitica…

E magari all’insegna di quella parola, “solidarietà”, così frequentemente, ed a sproposito, sbandierata ai giorni nostri…
d’altro canto, come dare torto a chi magari provi ad azzardare che il vespasiano così come è stato realizzato, sia stato pensato proprio come uno strumento, tramite il quale ognuno potrà rendersi conto dei bisogni dell’altro….

A me viene in mente, invece, una vecchia canzone (più o meno 1972-1973) di Giorgio Gaber (“La marcia dei colitici”), che con crescente melodia così recitava:

 

E noi colitici
un po’ individualisti ma simpatici
insieme diventiamo più politici
ma democratici.
Ci organizziamo ed uniti marciamo
sicuri del successo.
Al cesso!

E se qualcuno volesse sbizzarrirsi per individuare un personaggio storico nel cui ricordo celebrare quest’esemplare opera urbanistica, io faccio già la mia proposta: Giuliano La Prostata….

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.