…dal picnic sulla neve al tramonto sulla spiaggia… una giornata perfetta…o quasi…

…dal picnic sulla neve al tramonto sulla spiaggia… una giornata perfetta…o quasi…

 

 

come spesso accade, il veleno è nella coda…anche in una giornata perfetta…o quasi…

 

 

negli ultimi tre mesi, così come capitò da marzo a giugno, non sono praticamente uscito da casa, fatte salve un paio di volte in cui, restando a bordo dell’auto, ho accompagnato Susanna per negozi privi di parcheggio e le tre/quattro volte in cui c’è stata necessità di presenza al Pianacci per sopralluoghi ecc.

Un auto isolamento a scopo cautelativo (vista l’età “a rischio”) che non mi è particolarmente pesato, e che ho utilizzato per mettere ordine al corposo archivio di foto, video ecc che da anni avevo accumulato, per mancanza di tempo, un po’ alla rinfusa sul mio pc…

ieri però la quotidiana “tentazione” di Susanna (“andiamo a farci un giro?”) ha fatto breccia: giornata di pieno sole e proposta di fare un salto sul monte Beigua, sicuramente ancora innevato, dal quale si possono gustare panorami mozzafiato sul blu intenso del sottostante mar ligure…

partiamo, ed usciti dall’autostrada ci inerpichiamo da Varazze verso le alture.
La strada però si restringe sempre più, l’incrocio con altra vettura che procede in senso opposto è veramente ai limiti, superiamo un paio di tratti in cui piccoli movimenti franosi sono protetti da tronchi d’albero, con operazioni ancora in corso…

insomma, prevale la prudenza ed alla prima occasione facciamo dietro front…

si torna a Voltri e proviamo a salire verso il passo del Faiallo…
anche da lì si possono gustare panorami mare-monti da mozzafiato e la strada è molto più larga…

non manca molto alla meta, ma improvvisamente ci si deve bloccare: il passo del Faiallo è chiuso e lì, dove c’è la barriera, tutti gli spazi di possibile parcheggio sono già ampiamente occupati…

scendiamo di un paio di chilometri, e ci addentriamo verso il piccolo borgo della cosiddetta “Cappelletta di Masone”…

il colpo d’occhio, pur in assenza della contemporanea vista mare, è piacevolissimo: siamo a soli 20 minuti da Voltri (anche se nel frattempo se ne sono andate due ore…) e ci troviamo catapultati in uno scenario da “Vacanze di Natale sulla neve”…

 

Cappelletta di Masone
(clicca per ingrandire)

 

Cappelletta di Masone
(clicca per ingrandire)

 

Cappelletta di Masone
(clicca per ingrandire)

 

una collina coperta da una coltre bianca ancora soffice, genitori indaffarati a trainare su e giù eccitatissimi bambini, pronti a catapultarsi in discese a bordo di piccoli coloratissimi “bob” di plastica…

c’è anche posto per parcheggiare e nel baule ci sono i provvidenziali moon boot (mai usati prima, c’è ancora l’etichetta originale…) che Susanna aveva provveduto a recuperare…
nel suo zaino ci sono due fragranti panini imbottiti con porchetta e freschissimi papasinni, provvidenzialmente acquistati strada facendo a Prà, al negozio di alimenti sardi…
c’è tutto l’occorrente per un piacevole picnic…

ma, e qui Susanna è categorica, solo dopo la “passeggiata” sulla neve…
il tempo di salire sulla collina, girare dalla parte opposta, e ci si trova immersi in un silenzio irreale, circondati dal bianco accecante della neve e dal blu intenso del cielo senza nuvole…
se non fosse per quel campanile che, come in una classica cartolina, spunta dalla cima della collinetta, sembrerebbe proprio di essere soli in cima ad una montagna sperduta…

 

Cappelletta di Masone
(clicca per ingrandire)
Cappelletta di Masone
(clicca per ingrandire)
Cappelletta di Masone
(clicca per ingrandire)

dato il prolungato periodo di isolamento in casa, la mia autonomia, in termini di “mobilità”, è particolarmente limitata…
soprattutto se si deve camminare, con i moon boot, su una collina nella quale ad ogni passo si sprofonda per almeno trenta centimetri nella neve ancora soffice…

Susanna, che ogni giorno si concede una “passeggiata” di una decina di chilometri, è decisamente più in forma…
mi occorre un pretesto…

e lo trovo…
fortunatamente anche lei è presa dai morsi della fame…

i panini con la porchetta vengono divorati in un amen, appoggiati ad una provvidenziale staccionata…

incrociamo Lucia e Gian,   i nostri vicini di pianerottolo, (il mondo è proprio piccolo…), abituali ed allenati “ciaspolatori”…
riesco a rintuzzare il loro invito a raggiungere “Forte Geremia”…
“è qui vicino, sono solo dieci minuti…”
per me potrebbero essere letali…

fortunatamente si alza un filo di brezza, per nulla caldo, che toglie anche a Susanna questa “tentazione”…

due palle di neve, un rapido selfie, e decidiamo di tornare, con calma, a Voltri…

 

Cappelletta di Masone, io e Susanna
(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)

due passi sulla passeggiata a mare…

il bar “Fuori rotta” sulla passeggiata è provvidenziale, mancava proprio un tonificante caffè…

gli altri avventori sono invece in gran parte impegnati a consumare stuzzichini e spritz sui tavolini all’aperto, totalmente occupati…
sono le 16.40, sarebbe un po’ presto per un aperitivo…
d’altro canto, con i bar aperti solo fino alle 18, si fa di necessità virtù…
ed anche l’aperitivo anticipato è una buona “risposta” alle comprensibili limitazioni…

 

 

13 gennaio 2021, aperitivo al bar “Fuori rotta”
(clicca per ingrandire)

 

 

c’è tempo per assaporare, sulla passeggiata a mare, tutti i colori del tramonto, che con le sue calde tonalità riesce a dare al bagnasciuga fantastiche sfumature dorate…

 

tramonto sulla spiaggia di Voltri
(clicca per ingrandire)

 

 

sfumature dorate sul bagnasciuga della spiaggia di Voltri
(clicca per ingrandire)

sembra impossibile poterseli gustare proprio lì, a venti minuti di distanza dall’altrettanto fantastico borgo innevato sulla strada per il Faiallo…

ma è, semplicemente, la Liguria…
che sa offrire quest’alternanza di diversi scenari, in grado di trasformare una qualsiasi giornata in qualcosa da conservare nel cassettino dei piacevoli ricordi…

insomma, si è capito…
una giornata perfetta!!!

beh, perfetta…quasi perfetta…

eh sì, come spesso accade il veleno è nella coda…

in breve: arriviamo a casa e, giunti nel box, mi viene in mente che nel pomeriggio era in programma la partita Fiorentina-Inter, ottavi di finale di Coppa Italia…
e la vincente incontrerà il Milan, privo dello squalificato Donnarumma…
sarebbe meglio incontrare la Fiorentina, ma non ci dovrebbe essere partita…
la vittoria dell’Inter è assolutamente scontata…

giusto per curiosità, controllo sullo smartphone…

wow!, grande sorpresa…
la partita è ai supplementari, 1-1, e mancano solo due minuti ai calci di rigore…

vuoi vedere che…
in due minuti arriviamo alla porta di casa, Susanna non capisce perché mi precipiti subito ad accendere il televisore…

non sa che non voglio perdermi manco un frammento di quella che potrebbe essere (per me), hai visto mai?, una piacevole sorpresa…
pochi secondi, lo schermo si illumina ed ecco inquadrate le squadre…

che, con mia viva sorpresa, stanno però lasciando il campo…

insomma, in quei due miseri, ultimi minuti il “solito” Lukaku, lasciato inopinatamente tutto solo in mezzo all’area viola, ha siglato il definitivo 2-1 che qualifica l’Inter, togliendomi la goduria (e la “sofferenza” interista) dei calci di rigore…

 

il gol di Lukaku al 119^ minuto…
(clicca per ingrandire)

 

120 secondi, solo 120 secondi, sufficienti ad intaccare l’integrità di una giornata fin lì perfetta…

per sbollire la rabbia, quasi quasi vado a piedi fino al “Forte Geremia”…

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.