Un saluto alla capolista…

Un saluto alla capolista…

 

3 novembre 2013

 

Tornato pochi minuti fa dalla trasferta (vincente) a Torino.

C’è sempre una prima volta… (mai vinto nelle precedenti 12 occasioni contro Torino…), e se proprio dev’essere, che sia così…
giocato non benissimo, ma con un carattere che ormai non dovrebbe più stupirmi ed invece son sempre lì a sorprendermi, commuovermi…

Bello vedere sugli spalti molti “amici”… parenti di giocatrici, anche di quelle che non sono nemmeno in panchina… vuol dire sentirsi comunque parte di una bella avventura, indipendentemente da quanto si è (oggi) protagonisti/e o meno…
ed è lo spirito che vorrei vedere sempre nelle mie giocatrici, il campionato è molto lungo, ci sarà bisogno di tutte, anche di quelle che oggi soffrono, con noi, sugli spalti…

Senza nulla togliere a nessuno, vorrei però citare in particolare Luca Bianchi

era impegnato con il calcio al Don Bosco, con i suoi bambini… poi treno preso al volo, fino a Torino Lingotto, autobus ed ingresso “trionfale” al PalaCus proprio sulla palla a due…
le vittorie sono ancor più belle quando sono accompagnate dall’affetto e dalla passione di chi ha condiviso anche i momenti meno “trionfali”…
ed ora non può rinunciare a soffrire sugli spalti, senza sapere come andrà a finire, perché comunque vada, quando c’è questo spirito, è già un successo…

per quanto mi riguarda, sarà bene che stia attento alle coronarie… due partite ai supplementari, un’altra risolta all’ultimo minuto…
e stanotte chi prende sonno ???…

ma è giusto così, le vittorie vanno assaporate fino in fondo, sempre nel rispetto degli avversari…
perché la vita è fatta a scale…

(questa è una citazione comprensibile solo alla cerchia ristretta della squadra… ma oggi ci sta a pennello…)

un saluto alla capolista…

(belin, ma che faccio??? mi saluto da solo???)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.