…un poliziotto che spara nel Wisconsin è anche un problema nostro, non solo del Wisconsin…

…un poliziotto che spara nel Wisconsin è anche un problema nostro, non solo del Wisconsin…

 

 

…un poliziotto che spara nel Wisconsin è anche un problema nostro, non solo del Wisconsin…

Marco Belinelli, ovvero: non fa statistica, ma anche questa è una bella “tripla”.
Chapeau!

28 agosto 2020
(da “La Giornata Tipo”)

Chi non è nero non è in grado di comprendere davvero quello che hanno sofferto.
E che stanno soffrendo ancora.

Alcuni miei compagni mi hanno raccontato di episodi di cui sono stati protagonisti loro malgrado.
E solo a causa del colore della loro pelle.

Ed essere stelle del basket non li ha aiutati. (…)

Credo che lo sport abbia un potere enorme.
Noi atleti dobbiamo essere i primi ad amplificare certe storture attraverso le nostre piattaforme.

I confini ormai non esistono più.
Lo abbiamo visto con George Floyd, quando tutto il mondo si è inginocchiato.

Un poliziotto che spara nel Wisconsin è anche un problema nostro, non solo del Wisconsin. (…)

Noi sportivi abbiamo un peso: dobbiamo sfruttarlo.
Il razzismo non è un problema politico ma sociale.

Non possiamo coprirci gli occhi e fare finta che non accada nulla.
Ci sono cose più importanti di una partita di basket.

(Marco Belinelli sul Corriere di oggi)

 

(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.