Un pensiero “da vecchi”?

Un pensiero “da vecchi”?

 

21 luglio 2015 

 

pomeriggio di ieri, appuntamento a Milano, con spostamento in parte in metropolitana ed in parte (tragico) a piedi.

Durante i due tragitti in metropolitana mi sono divertito a fare un sondaggio (visivo) su esattamente 100 persone, che sono risultate così impegnate: 75 lettura smartphone (con atteggiamento del tipo: può crollare il mondo ma non disturbatemi), 3 lettura libro, 1 lettura giornale cartaceo (!!!), 8 suddivisi in 4 coppie a parlare tra di loro, 1 sembrava russasse (ma forse era solo un’impressione), gli altri 12 immersi nei loro pensieri o semplicemente utenti non impegnati in altro che a viaggiare.

Il mio amico Enrico Testino sostiene che i 75 rappresentino una positiva tendenza ad interessarsi delle “cose di tutti”, lasciandomi un po’ perplesso…

ha rincarato la dose citando De André: “Io penso che non è che i giovani di oggi non abbiano valori, hanno sicuramente dei valori che noi non siamo ancora riusciti a capir bene, perché siamo troppo affezionati ai nostri”...

il che è sicuramente vero, ma tra i 75 impegnati in quel modo parecchi erano tutt’altro che giovani…

Non so, non riesco ancora ad interpretare questi dati, forse non andrebbero nemmeno interpretati ma presi come tali e basta…
mi rattrista che solo l’1% fosse impegnato con un giornale cartaceo…

negli anni 70, quando frequentavo l’università a Milano, sia in treno che in metropolitana si sgomitava per riuscire a sfogliare il proprio giornale in mezzo agli altri che cercavano di sfogliare il loro…

ma questo è un pensiero “da vecchi”….

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.