Un mese fa, a Costa, tra Don Gallo e Candido Cannavò…

Un mese fa, a Costa, tra Don Gallo e Candido Cannavò…

…fa due passi si ferma, si gira, e mi guarda con l’espressione del tipo:
”Dai, dimmi che mi hai escluso…poi ti dirò chi sei…”…

Mancano un paio di settimane alla chiusura del 2021, ma so già che, qualunque cosa accada,  in un’ipotetica classifica annuale delle mie giornate “speciali” non mancherà, sul mio podio, il 14 novembre 2021…

Tutto è iniziato qualche settimana prima, quando Bicio Ranieri, il deus ex machina del Basket Costa, società che ho contribuito a “far nascere” circa mezzo secolo fa (nel 1972), mi ha telefonato per chiedermi “un favore”: ero stato designato a condurre un evento speciale che si sarebbe tenuto a Costamasnaga a metà novembre…

sulle prime ho fatto un po’ fatica a capire, o forse non mi poteva sembrar vero che mi si potesse chiedere “un favore” che in realtà era un sorprendente regalo…

infatti, proprio lì, a Costamasnaga, 36 anni fa…

L’inevitabile amarcord…

l’8 aprile 1985, per ufficializzare la partnership tra la società di Costamasnaga (a quei tempi “Polisportiva Costamasnaga”) ed il Comitato Italiano per l’Unicef, era stato organizzato un memorabile evento, con prestigiosi ospiti sportivi, tra i quali Mike D’Antoni, play del Billy Milano che poi, tornato negli States, sarebbe diventato un brillante allenatore nell’NBA…

quel giorno la conduzione dell’evento era stata affidata ad Aldo Giordani (l’indimenticabile “voce del basket” di quegli anni), poi trattenuto in redazione perché si vociferava di improvvisi sviluppi “di mercato” proprio per il Billy Milano, alle soglie dei playoff della Serie A1, ed avrebbe dovuto comprensibilmente “stare sul pezzo”…

si fece “perdonare”, ospitandomi la settimana successiva nella redazione di via Vitruvio, e segnando il 2 maggio 1985 il nostro “esordio” sulla rivista SuperBasket, della quale era direttore…

Superbasket -1985 – ed il ball handling di Mike D’Antoni a Costa Masnaga
(clicca per ingrandire)

Alle 14 il palazzetto di Costa era già stracolmo, e toccò a me, per la prima volta in pubblico per giunta davanti a così tanta gente, prendere il microfono e condurre le oltre 3 ore di sport e spettacolo…

Negli anni successivi la “festa per l’Unicef” si tenne ogni anno, il lunedì di Pasqua, e fino al mio trasferimento a Genova (1993) non fui assalito dal benché minimo dubbio…

il “conduttore” l’avevamo in casa!!!…

e fu così che ebbi il privilegio di ospitare (ed intervistare) personaggi sportivi (tantissimi) ma anche giornalisti come Mario Pastore (a quei tempi direttore del Tg2), una giovanissima ma già in rampa di lancio Antonella Clerici (due anni consecutivi) e tanti altri personaggi del mondo dell’informazione e dello spettacolo…

con Mario Pastore (1989) ed Antonella Clerici (1988)
(clicca per ingrandire)

uno sviluppo nel solco tracciato qualche decennio fa…

ora, a circa 30 anni dal mio trasferimento a Genova, Bicio mi proponeva un salto all’indietro nel tempo, e già questo era per me motivo di piacevole, incommensurabile sorpresa…

non solo…

il fatto che Bicio avesse pensato proprio a me…

beh, a quanti capita di avere nella vita, di vivere, dopo trent’anni, una delicatezza, un’attenzione di questo tipo???

Come si può capire, non avrei declinato l’invito per nessuna ragione al mondo, ancor più per il tipo di evento che mi era stato proposto di condurre…

una vera chicca, nel rispetto della tradizione del Basket Costa, nel cui sviluppo Bicio ha percorso il solco che con Graziella Consonni e Nino Ranieri, papà di Bicio, avevamo tracciato fin dall’inizio della nostra storia…

evidenziare la forza ed i valori dello sport sia come strumenti efficaci per promuovere aggregazione e coesione sociale che per creare occasioni per favorire il contatto ed il dialogo tra le più svariate diversità.

E “Drop the Mask! Basket senza barriere” (questo il titolo dell’evento), ideato e fortemente voluto da Bicio Ranieri e da Davide Marson, “patron” del Basket Costa, ne ha rappresentato una perfetta sintesi, unendo tante realtà differenti con due passioni in comune: la prima, ovviamente, è la pallacanestro, la seconda è l’amore per la vita.

Un pomeriggio nel quale attraverso il gioco della pallacanestro si è assistito ad una completa integrazione tra giocatori disabili e giocatori normodotati, con la rottura delle “barriere” che spesso sono, in realtà, più nella nostra testa che nei fatti.
Atleti con disabilità psichica e psicofisica e atleti normodotati in campo insieme, nel rispetto delle diverse abilità, consapevoli di far tutti parte di un’unica squadra il cui sguardo è proiettato verso l’alto.

Il parquet del palazzetto di Costamasnaga ha unito, in un pomeriggio speciale, Basket Costa (con un “estratto” dal minibasket alla Serie A1 femminile), Virtus Cermenate, la formazione svizzera dell’Arbedo 79 e PGC Cantù, con una selezione della Social Osa “overlimits”, storica società milanese che da anni si dedica all’avviamento al basket di ragazzi affetti da disabilità mentale e sindrome di Down, ed i prestigiosi cestisti in carrozzina della Briantea 84, società canturina che ha fatto incetta di titoli nazionali e non solo.

Charly Recalcati e Viviana Ballabio…grazie!!!

E, come dicevo, Bicio mi ha fatto questo grosso ed inaspettato regalo, pensando a me per la conduzione di  questo fantastico evento, con il compito aggiuntivo di provare a portare a Costamasnaga un paio di personaggi di prestigio del mondo del basket…

mi ha fatto ringiovanire di almeno trent’anni…

trovare due personaggi di prestigio non è stato difficile, non tanto per le mie capacità quanto per la loro squisita disponibilità…

l’amico Charly Recalcati, pluriscudettato sia da giocatore che da allenatore, e medaglia d’argento con la nazionale alle Olimpiadi di Atene, ha “dato buca” a sua nipote, all’esordio nel suo campionato di basket, pur di essere presente a Costamasnaga…

e Viviana Ballabio, una delle giocatrici più vincenti del nostro basket, ha fatto i salti mortali per conciliare il pranzo programmato con sua mamma (a San Fermo della Battaglia, non proprio dietro l’angolo) con la sua presenza, nel primo pomeriggio, a Costamasnaga…

entrambi sono stati salutati da una meritata standing ovation, accompagnati l’uno dalle note della sigla delle premiazioni olimpiche, l’altra da quelle dell’intramontabile, e sempre struggente, “Momenti di gloria”…

io e Susanna con Viviana Ballabio e Charly Recalcati – foto di Maurizio Astori –
(clicca per ingrandire)

“Drop the Mask!”…Candido Cannavò…Don Gallo…

e sono stati, giustamente, più volte, applauditi i vari protagonisti sul parquet, che hanno letteralmente incantato tutti gli spettatori con le loro abilità ed hanno contribuito a farmi sentire “a casa mia”

non solo perché ci trovavamo nella “mia” Costamasnaga, benché questo aiutasse non poco…
ma perché mi hanno fatto sentire idealmente al centro della mia esperienza (non solo cestistica) a Genova, che mi ha visto anche fondatore e presidente dell’NBA-Zena

nel 2010, a poco meno di un anno dalla scomparsa di Candido Cannavò, storico direttore de “La Gazzetta dello Sport”, ci proponemmo come testimonial della nascente Fondazione a lui dedicata.

Candido Cannavò, tra le tante sue nobili iniziative, aveva scritto nel 2005 un libro che, partendo dalla storia di Simona Atzori (ballerina e pittrice nata senza braccia), aveva raccontato sedici storie di uomini e donne che hanno avuto il coraggio della non-rassegnazione, mettendo in evidenza le grandi abilità dei “diversamente abili”.

Con un titolo che già diceva tutto…“E li chiamano disabili”.

La nostra proposta fu accolta, nella stagione 2010-2011 la nostra divisa ebbe i colori a lui più cari (il rosa ed il nero) e sulle maglie comparve il logo della Fondazione a lui dedicata.

Decidemmo di andare oltre il rettangolo di gioco…

Acquistammo diverse decine di copie di quello splendido libro ed in occasione delle gare interne ne fu donata una copia ad ogni giocatrice avversaria, con l’auspicio che la curiosità potesse spingerle alla lettura e, perché no?, ad una sana e necessaria riflessione…

(clicca per ingrandire)

Tifoso numero 1 delle nostre ragazze era il compianto Don Gallo, il prete degli ultimi, molto legato al ricordo di Candido Cannavò che nel 2008 gli aveva dedicato un capitolo nel libro “Pretacci – Storie di  Uomini che portano il Vangelo sul marciapiede”.

Don Gallo, fondatore della Comunità San Benedetto al Porto, era anche autore di libri di grande successo, e nel campionato di Serie A3 2012-2013 decidemmo di regalare alle squadre avversarie un suo libro con dedica personalizzata.

Quell’anno ci capitò di incontrare in campionato anche il Basket Costa.
Era il 12 gennaio 2013, pochi mesi prima che Don Gallo ci lasciasse…

A lui, nonostante l’età, non faceva difetto la memoria, e facendo riferimento alle origini “masnaghesi” mie e di Susanna, scrisse questa particolare dedica: ”A Basket Costa per l’Unicef. Un caldo abbraccio. Grazie per averci regalato Susanna e Carlo”
ancora oggi il ricordo di questa dedica mi emoziona…
impagabile…

(clicca per ingrandire)

Quando, nel 2014, al Pianacci fu realizzato un grande murale (circa 60 mq) dedicato al suo ricordo, gli autori (Drina e Giuliogol), accanto al suo ritratto, aggiunsero la frase tanto cara a Don Gallo, incisa anche sul grande crocifisso in metallo che non passava inosservato sulla sua scrivania: “Dimmi chi escludi e ti dirò chi sei”

una frase che ci porta immediatamente a fare il confronto con il noto proverbio “Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei”…

“Dimmi chi escludi e ti dirò chi sei”…
Don Gallo aveva “fatta sua” questa frase di Don Luigi Di Liegro, compianto fondatore della Caritas, e sosteneva che il proverbio andava cambiato ed avrebbe dovuto essere, questa frase, il preambolo di ogni costituzione…

(clicca per ingrandire)

Dimmi chi escludi e ti dirò chi sei…

Con “Drop the Mask! Basket senza barriere” e con in mano il microfono, non solo mi ritrovavo al centro del palazzetto che aveva indirizzato il mio impegno, sportivo e sociale, con il basket in Brianza…

con quel parquet ricco di grandi significati mi trovavo anche al centro della mia storia personale genovese, tra “E li chiamano disabili” e “Dimmi chi escludi e ti dirò chi sei”…

E se la sigla delle premiazioni olimpiche e “Momenti di gloria” erano state le note ideali per accompagnare la presentazione di Charly Recalcati e Viviana Ballabio…
beh, per me in quel momento sarebbe stato necessario scomodare Frank Sinatra o Paul Anka con la loro sempreverde “My way”…

a svegliarmi da questa beatitudine ci pensa uno dei ragazzi down della SocialOsa Overlimits…

l’evento è terminato, si è proceduto alle premiazioni, ed è stato premiato anche un suo compagno…

mi si avvicina, penso che mi voglia salutare, ed invece mi chiede: “Perché hanno premiato solo lui e non un altro, me ad esempio???”

Sulle prime, un po’ vigliaccamente, sarei tentato di dirgli che è “colpa” dell’organizzazione, di chiederne conto a Bicio e Masha Maiorano…

ma un rigurgito di dignità me lo impedisce, e farfuglio un generico ed insignificante: ”Beh, era previsto un solo premio…”

Lui mi guarda, sembra annuire, si allontana…

ma dopo due passi si ferma, si gira, e mi guarda con l’espressione del tipo:
Dai, dimmi che mi hai escluso…poi ti dirò chi sei…”

e se ne va, con malcelata soddisfazione…

“Drop the Mask” nella sintesi-video di Maurizio Astori

Gallerie fotografiche

Una selezione delle foto di Alessandro Vezzoli

Le foto di Susanna Giorato

le foto di Alessandro Vezzoli sono ovviamente tutt’altra cosa, però Susanna ha cercato di fare del suo meglio…

I “curiosi” premi di “Drop the Mask! Basket senza barriere”

“Canestro estroso”

Simone Campari

premiato dal Sindaco di Costamasnaga
Sabina Panzeri

“Difesa maniacale”

Luka Buksa

premiato dal coach di Basket Costa
Paolo Seletti

“Scarpe sgargianti”

Andrea Bosa

premiato da Assessore
del Comune di Oggiono

“Look aggressivo”

Mattia Oltolina

premiato dal dirigente Basket Costa
Masha Maiorano

“Atletismo sincopato”

Momo

premiato da
Viviana Ballabio

“Assist didascalico”

Valeria Pirovano

premiata da
Charly Recalcati

“Dribbling indiavolato”

Lorenzo Bassoli

premiato dal patron Basket Costa
Davide Marson

“Drop the Mask! Basket senza barriere” – Costamasnaga, 14 novembre 2021 –
“puzzle” con foto scattate da Alessandro Vezzoli e Susanna Giorato
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.