Toots, la leggenda del reggae al PalaCep

Toots, la leggenda del reggae al PalaCep

 

3 luglio 2010

 

(clicca per ingrandire)

“Che Estate alla Pianacci” ha ospitato il 1 luglio al PalaCep l’anteprima del GoaBoa Festival, con una delle due date italiane di una vera e propria leggenda del reggae, Toots&The Maytals.

Oltre 1000 spettatori, provenienti non solo dalla Liguria ma anche da Milano, Pisa, Bergamo ed altre città, hanno fatto da festosa cornice all’evento che ha aperto l’estate musicale al Cep, un quartiere che ormai può essere considerato, a pieno titolo, nuovo luogo per gli eventi della città di Genova.

Toots al PalaCep
(clicca per ingrandire)

Oltre 13.000 mq di verde con strutture gestite dalla onlus “Consorzio Sportivo Pianacci”, già da tempo “restituiti” alla città con una nuova, positiva visibilità ed ora in grado di ospitare grandi eventi e le centinaia di persone, provenienti anche da fuori regione, che gli eventi riescono a coinvolgere.
Un tempo il quartiere era una specie di Bronx cittadino, ora, parafrasando una nota pubblicità, si potrebbe dire… il Cep, c’è!

 

 

Questo Il commento di Benedetto Marchese per genovapost.it

TOOTS & THE MAYTALS BRILLANO NELLA NOTTE REGGAE DEL CEP 

 
GenovaNella calda serata di ieri salendo verso il Palacep per il concerto di Toots & The Maytals sembrava quasi di ascoltare in sottofondo “Pressure Drop”, uno dei pezzi più belli ed importanti in assoluto della storia del reggae.
La stessa della quale il gruppo scelto per anticipare l’edizione 2010 del Goa Boa, ha contribuito a scrivere pagine fondamentali in quasi cinquant’anni di carriera.
Non solo con brani divenuti veri e propri inni del genere, ma anche contribuendo attivamente nella diffusione del reggae, definito così proprio dal titolo di una loro canzone, anche al di fuori dei confini della Giamaica grazie al successo del film “The Harder they come” in Gran Bretagna in un periodo sociale e culturale di grande importanza.
La passione per certe sonorità dei tantissimi che ieri sera hanno acclamato il passaggio genovese di Toots Hibbert, è stata costruita proprio sulle produzioni della band; ognuno dei presenti ha avuto un fratello, un amico o un vicino di gradinata allo stadio che almeno una volta gli ha fatto ascoltare “Monkey man” o “Louie Louie”.
Chi invece le ha conosciute negli anni attraverso le interpretazioni di Joe Strummer e dei Clash, degli Specials o di Amy Winehouse, è poi tornato alle origini, alle versioni originali firmate a cavallo degli anni Sessanta e Settanta dai Maytals e dal loro carismatico leader che ieri sera ha dato il meglio di sé in un concerto che ha aggiunto un tassello importante al solidissimo capitolo che lega Genova al reggae e allo ska. Dreadlocks e camicie a quadrettini fianco a fianco nell’impianto sportivo di Pianacci e di un quartiere che ha accolto nel migliore dei modi l’appuntamento, dimostrandosi all’altezza della situazione.
Evento aperto dall’esibizione dei sempre ottimi Eazy Skankers, che hanno creato il clima ideale per introdurre il gruppo giamaicano che ha inserito Genova nelle sue tre date italiane per presentare il nuovo album ma soprattutto i brani leggendari.
E allora ecco subito in apertura “Pressure drop”, con il pubblico che risponde con la pelle d’oca e tutta la voce possibile al ritornello di un Hibbert in grandissima forma e con la voce praticamente intatta nonostante i 65 anni.
Il modo migliore per iniziare un vero e proprio viaggio nello storico repertorio della band con classici senza tempo come “Time Tough”, “Pomp and Pride”, “Sweet and dandy”, e ancora “Louie louie”, “Country Road” e “Bam Bam”, quest’ultima meno convincente rispetto alle altre.
Il caldo del Palacep non spegne l’entusiasmo di una platea che segue la voce di Toots duettando nei passaggi più noti ed accoglie con veri e propri boati “Funky Kingston” e “Moneky Man” che segna forse il punto più alto di un concerto che celebra senza malinconiche parodie un’icona del reggae.
Il finale è atteso, scontato, ed allo stesso tempo emozionante perché a Toots è sufficiente l’intro di “54-46 That’s my number” per trascinare i presenti in una versione lunga quasi quindici minuti del capolavoro ripreso recentemente da Shane Meadows per il suo “This is England” e cantato a memoria da un pubblico che accomuna navigati rude boys e giovani appassionati.
Sulle note finali il vecchio Toots saluta, sorride e se ne va nell’emozionante notte di un Cep che brilla grazie alla sua voce e al suo carisma.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.