“Dio non commette errori. E non credo abbia iniziato il 21 febbraio 1980.”

“Dio non commette errori. E non credo abbia iniziato il 21 febbraio 1980.”

 

Tiziano Ferro: “La felicità non è un privilegio, è un diritto…”

La straripante simpatia di Fiorello, la brillante conduzione di Amadeus, le 24 canzoni in gara, molte decisamente belle, le “stravaganze” di Achille Lauro, il Cantico dei Cantici illustrato da Roberto Benigni, gli intensi monologhi sulle discriminazioni subite dalle donne…

il Festival di Sanremo 2020 potrebbe essere ricordato per ognuno di questi punti di forza…

A me piacerebbe invece che fosse ricordato anche, se non soprattutto, per il coraggioso monologo proposto da Tiziano Ferro, nella serata finale, in fascia oraria di massimo ascolto.

Un inno all’amore ed alla tolleranza, per il quale ha preso spunto dalle sue esperienze personali…

L’emarginazione sofferta nell’infanzia a causa della timidezza e dal sovrappeso, con criticità nei rapporti anche con i genitori.

La necessità di imparare a “resistere” durante i periodi difficili, trasformandoli in opportunità per conoscere meglio le difficoltà ed imparare ad evitarle o a superarle.

E la tolleranza, fondamentale per combattere l’omofobia, perché la felicità, anche quella sua e del suo compagno,  non è un privilegio, è un diritto che non può essere negato a nessuno.

Questo il testo del suo monologo.

“Tra due settimane compio 40 anni e voglio celebrarli così.

“A 40 anni, per la prima volta ho sognato Dio.
Aveva il viso di un adolescente e mi diceva che ho strappato a morsi la vita che volevo.

A 40 anni, ho scoperto che non voglio essere una persona alterata dal male.
Dove l’arroganza urla, il silenzio elegantemente afferma.

A 40 anni ho imparato che non bisogna negarsi all’amore del padre e della madre, mai, né per orgoglio né per timore.
L’amore è un lavoro lento e faticoso, fatto di mediazione e di pazienza. Basta ascoltare.

A 40 anni so che nessuno può vedere quanto è bello l’amore se non condividi col mondo il tuo sorriso da innamorato.
Ci ho messo 40 anni, ma adesso so che il brutto tempo non esiste.
È tutto un susseguirsi di stagioni.
Solo questione di ripararsi o scoprirsi al momento giusto.

A 40 anni guardo il mondo attraverso il filtro delle mie cicatrici.
E grazie a loro curo le ferite che arriveranno.

Ho 40 anni e voglio dire al mondo che nessuno dovrebbe mai decidere di vivere soffrendo.
E nessuno dovrebbe mai voler morire.
Perché subire non è una disgrazia, è una scelta.
E la felicità non è un privilegio, è un diritto.

A 40 anni penso proprio non ci sia bisogno di raccontare da che parte sto.
La mia storia si scrive da sé.

Maniacalmente innamorato delle persone, tutte.
Estremista da sempre dalla parte dei deboli.

Dio non commette errori.
E non credo abbia iniziato il 21 febbraio 1980.

Non sono sbagliato. Nessuno lo è.

Non accetto speculazioni sul tema.
Non provateci nemmeno.
Ho 40 anni ormai”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.