Sostiene Picetti

Sostiene Picetti

 

3 gennaio 2016

 

 

Gigi Picetti

L’amico Gigi Picetti, è un romantico uomo di cultura; se non vi basta aggiungo che Don Andrea Gallo gli ha voluto veramente bene, e d’altro canto non si può fare a meno di volergli bene….

Leggete l’articolo pubblicato da Repubblica Genova, chi non lo conoscesse (penso ai miei amici “non liguri”) in due minuti può colmare la lacuna ed essere informato su quello che sta capitando ad uno degli “ultimi romantici”…

Su Fb è nato un gruppo a suo supporto, si chiama “Sostiene Picetti” . Questo è il link  ed in un secondo potete aggiungere la Vostra iscrizione, fornendo un sostegno all’iniziativa dei suoi amici: fidatevi, lo merita!

Negli anni ’50 ha aperto La Bicocca, il primo locale musicale di Genova, e negli anni ’80 ha dato vita all’associazione culturale La Panteca.
Ha collaborato con Dario Fo e fondato l’Archivolto insieme a Mario Menini e Eugenio Bonaccorsi.

Personaggio storico della vita notturna genovese, Gigi Picetti, alla soglia dei 77 anni, di cui sessanta passati a fare attività di volontariato sociale, potrebbe ritrovarsi senza un tetto.
«Il 15 gennaio dovrò lasciare la casa-laboratorio in vico Superiore del Ferro, sede del Folk Club Oltremare fondato da Beppe Gambetta», racconta amaro. Sfrattato. Perché secondo A.r.t.e. (proprietaria dell’immobile) «sono un occupante abusivo», spiega.

Uno spaccato della storia di Genova, quella custodita nel suo archivio, fatto di video e documenti, potrebbe finire per strada.
Da quando ha saputo dello sfratto, Picetti conta i giorni.

«Il tempo si accorcia, manca davvero poco al 15 gennaio», confida preoccupato.
Ma quello che teme di più non è rimanere senza un tetto sulla testa («posso andare a dormire da un amico»), ma rischiare di perdere il materiale che custodisce nelle quattro stanze di vico Superiore del Ferro.
«Mi serve un casa-laboratorio con scaffali e spazi dove tenere quanto raccolto in questi 60 anni e continuare la mia attività sociale», confida. «Ho tanti progetti di volontariato da portare avanti: faccio scuola di teatro, sto preparando delle canzoni sulla pace insieme a una ragazza che ha subito maltrattamenti e che grazie alla musica è riuscita a superare grosse difficoltà, stiamo facendo un video che raccoglie testimonianze di guerra». Per questo chiede agli enti locali un posto dove, pagando l’equo canone, possa vivere e trasferire la sua fucina di idee. «Mi andrebbe bene anche un posto da ristrutturare – confida – visto che ho degli amici artigiani disposti ad aiutarmi e a fare tutti i lavori necessari gratuitamente».

Alla notizia dello sfratto la macchina della solidarietà si è messa in moto.
«Dei musicisti con cui ho lavorato vogliono fare un concerto di sensibilizzazione per trovarmi uno spazio in cui trasferirmi».

Intanto anche dal Comune, fa sapere Picetti, c’è la volontà di assegnargli un luogo alternativo in cui continuare l’attività sociale, «la responsabile dell’emergenza abitativa mi ha assicurato che si stanno dando da fare», conclude.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.