le commoventi “sorprese” in una scatola di stoffa fucsia…

le commoventi “sorprese” in una scatola di stoffa fucsia…

 

 

una scatola di stoffa fucsia…ero certo, o quasi, di aver già curiosato lì chissà quante volte ed invece…

 

uno dei vantaggi della quarantena forzata è la possibilità di dedicare tempo, senza sentirne i limiti, a piacevolezze cui, in condizioni “normali”, risulterebbe difficile dedicare tempo, tutto il tempo che occorre…

ed è così che, dopo chissà quanti anni, mi è capitato di aprire una scatola di stoffa fucsia,  seminascosta nel ripiano più alto di uno scaffale…

ero certo, o quasi, di aver già curiosato lì chissà quante volte ed invece…

il quartetto campione italiano di staffetta 4x800m nel 1931
(clicca per ingrandire)

una busta con una miriade di foto degli anni ‘30, rigorosamente in bianco e nero…
le imprese sportive di mio zio Aristide Bonfà, due volte campione italiano nel mezzofondo, nelle staffette 4×800 (nel 1931) e 4×1500 (nel 1932)…

il quartetto della gloriosa Pro Patria che poteva contare anche su Luigi Beccali, che poi sarebbe diventato campione olimpionico nel 1932…

la convocazione in Nazionale nel 1935…

mi son messo di buona lena ed ho registrato, con i corretti richiami bibliografici,  la sua pagina wikipedia, ad oltre 40 anni dalla sua scomparsa…

ma di questo parlerò un’altra volta…

 

ci sono anche un paio di riviste, stampate nel 1990 a Barzanò…
perché sono lì?
non ricordo di averle mai viste…

inizio a sfogliarle, la curiosità è comprensibilmente crescente…
ma non c’è fretta, ho tutto il tempo che occorre…

presto si svela l’arcano, e mi sale un filo di commozione, che poi si tramuta in un palpitante orgoglio…
l’ho già ricordato alcune volte, anche nel recente passato…

mio papà era originario di Barzanò (paese in cui sono nato pure io) e lì ha vissuto gli anni dell’infanzia, le esperienze dell’adolescenza, le prime esperienze di lavoro…fino agli anni in cui tutto è stato stravolto dagli eventi bellici…
prima la dura esperienza della campagna di Russia, poi la Resistenza…

ho già avuto modo di citare, anche nel recente passato, episodi dei quali non mi aveva mai parlato, in cui venivano magnificate la sua capacità organizzativa, la sua audacia…
episodi dettagliatamente citati in un libro scritto nel novembre 1945 da una partigiana, Irene Crippa
avevo poi trovato un documento di encomio siglato dal Gen. Alexander, comandante delle truppe alleate…
infine un foglio dattiloscritto , un documento “interno” alla squadra partigiana di una ventina di uomini guidata da lui, “il pantera”…

quelle riviste del 1990 che mi accingevo a leggere contenevano però un documento per me inedito: alcuni stralci del diario della Contessina Edoarda Della Porta, detta “Dodi…”

la Contessina “Dodi” Della Porta
(clicca per ingrandire)

“Dodi” Della Porta era figlia del Conte Gianfranco Della Porta, un personaggio centrale nella storia della Resistenza in Brianza.
Diplomatico di carriera, fu ufficiale di cavalleria nella Grande Guerra, rivestì importanti ruoli consolari in molte capitali, anche oltreoceano…
Ministro Consigliere d’Ambasciata a Berlino, rientrò a Barzanò e nel 1943 non esitò a schierarsi “dalla parte della gente”…

i Della Porta vivevano in una grande villa con immenso parco
e con i ruderi di un castello medievale, a tutti gli effetti il quartier generale della Brigata “Fratelli Besana”, sostenuta dal Conte che ne assunse il comando, unitamente al ruolo di Vice Comandante della Divisione Puecher.

Mio papà era uno degli uomini di fiducia del Conte, e suo abituale autista.

 

“Dodi” ha quindi vissuto dall’interno, anche in modo attivo, le vicende della Resistenza in Brianza, ha avuto modo di conoscere alla perfezione tutti gli uomini che ruotavano attorno alla villa di famiglia, e di condividere emozioni, angosce, speranze con loro e con il Conte, da lei sempre chiamato “papi”…

 

Come detto, “Dodi” ha tenuto un preciso diario di quel periodo e, leggendone gli stralci pubblicati da quelle riviste sono arrivato a questo passaggio, in cui mio papà è citato come “Pepino”, con una sola “p”, come nella pronuncia dialettale……

“28 aprile 1945

Il Comando di Barzanò sembra essere diventato uno dei centri più importanti della regione intera.
Non c’è cosa che non passi da questo cortile che non venga discussa nell’anticamera dove suona costantemente il telefono.
Dopo le prime ore incominciano a spiccare le personalità e gli uomini si rivelano nell’atmosfera sconvolgente ed elettrica.

Pepino dalla camicia blu, l’uomo che è sempre stato in contatto con Papi, un ragazzo di 24 anni dalla tempra straordinaria, energico, pieno di buon senso e intelligente con un ascendente pazzo sugli uomini, particolarmente sui suoi 21 che ha scelto e organizzato lui da ormai più di 15 mesi.

Capelli neri ondulati, faccia irregolare, marcata, ma così viva che può essere quasi bella in certi momenti. Barba lunga dopo le tre notti insonni.
Occhi buoni che ti guardano con una devozione commovente, nervi perfettamente a posto.

Un vero capo.”

 

dal diario di “Dodi” Della Porta
(clicca per ingrandire)

Queste righe le ho lette per la prima volta in questi giorni…

chissà, forse senza la “quarantena” forzata non avrei mai più avuto l’opportunità di farmi attrarre da quella scatola di stoffa fucsia…

non avrei mai provato curiosità per quelle riviste stampate a Barzanò oltre 30 anni fa…
non avrei potuto leggere il “ritratto” di mio papà, tracciato 75 anni fa da una nobildonna che aveva avuto modo non solo di apprezzarne le qualità ma anche di saperle descrivere con un’efficace e per me commovente sintesi…

il libro, l’encomio, il documento dattiloscritto…ora il diario di “Dodi”…

ho appreso tutto troppo tardi…

ed ora la mia ammirazione, condita da un pizzico di rammarico in più, è tutta lì, in quella scatola di stoffa fucsia…

(clicca per ingrandire)

 

altri links

25 aprile 2020
25 aprile 1945, quel giorno in cui il partigiano “Pantera”, mio papà…

19 marzo 2016
Belin, Peppino…però potevi dirmelo… 

25 aprile 2015
Peppino Besana, partigiano…mio papà…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.