Si é spenta “la luce”…

Si é spenta “la luce”…

 

5 settembre 2015

 

Stamane l’ultimo saluto ad Alberto Cabassi, detto (cestisticamente) “la luce”.

Chiesa piena, molti volti del basket di un tempo che non hanno voluto far mancare ad Alberto una presenza che lui avrebbe sicuramente gradito.
C’è anche chi, come l’amico Giorgio Fugazzi, detto Fungo, non ha potuto essere presente perché all’estero (a Dubai) per lavoro.

Giorgio iniziò i suoi primi passi importanti di basket giocato proprio accanto ad Alberto, uno dei miti di quei tempi.
Lo abbiamo informato, ha inviato alcune righe pregandoci di farle pervenire alla famiglia.

“Ciao Alberto,grazie per tutto quello che mi hai insegnato e per i bei momenti passati insieme in gioventù (la mia..); al ragazzino e’ ormai passata la paura del primo canestro, tu, continua a farne in paradiso. Attento alle mazzate; non esagerare che ti mandano di sotto. Fungo”.
Ho chiesto a Giorgio l’autorizzazione a postare queste sue parole.
Lui ed Alberto non si vedevano da tempo immemorabile, ma da queste righe traspare tutto l’affetto (e l’ammirazione) assolutamente rimaste immutate nel tempo, inossidabili.

Di primo acchito mi vien da pensare che facciano parte del basket (o dello sport) di un tempo che fu, quando “essere squadra” non era un termine abusato
o forse penso così perché sto inesorabilmente invecchiando anch’io….

 

Link all’articolo

(Beppe D’Amico, per “Il Secolo XIX”)
L’ADDIO A CABASSI, LEGGENDA DEL BASKET
Una carriera passata tra Cus, Saiwa ed Emerson in serie A. Fu uno dei tedofori alle olimpiadi di Tokyo.

Il basket genovese e ligure piange una delle sue leggende.
E’ mancato, infatti, Alberto Cabassi, e lo ha fatto in punta di piedi, quasi inaspettatamente, come è sempre stato nel suo stile sobrio ed elegante mostrato sia sul parquet che nella vita.

Una vita passata tra sport e lavoro, con una grande passione, anzi un grande amore, verso la pallacanestro che ha trovato in lui un vero cultore, sempre pronto a tenersi informato sui team genovesi e liguri, grazie ad una fitta rete di amicizie, nel basket e non solo, che Cabassi ha sempre tenuto e rinforzato negli anni con la sua competenza e la sua simpatia.
Basket che lo appassionava così tanto che anche a 74 anni continuava a giocarlo “in amichevoli” tardo pomeridiane con gli amici di un tempo tra le mura della palestra dell’Ardita Juventus a Nervi.

Insieme a Cabassi, che tra l’altro ebbe l’onore di essere uno dei tedofori della fiamma olimpica passata per Genova in occasione delle Olimpiadi di Tokyo 1964, se ne va dunque un pezzo della storia del basket dei tempi d’oro sotto la Lanterna, un lutto pesante per il mondo della pallacanestro e dello sport genovese.
Una perdita che, con una valenza ben più grave, si aggiunge all’addio della NBA Genova alla A2 femminile.

Ma chi è stato Cabassi? La sua promettente carriera inizia con la Speranza San Fruttuoso con il Professor Toselli. Da lì, il salto verso il Cus Genova è breve, e dal Cus ancora più veloce verso la Saiwa giunta in serie A, Saiwa dove incontra, tra gli altri, Braggio, Masnata e Dal Pozzo. In seguito,tutto il basket genovese passa sotto l’egida del marchio Italsider del Professor Bertoldi.

Un vero talento, insomma, che sboccia ancora di più nell’Athletic del presidente Gino Negro e di coach Luciano Bertolassi: l’arrivo porta fortuna, e il sodalizio viene promosso in B ed in seguito il salto in A2 con il nome di Ausonia. Inizia poi subito il periodo indimenticabile dell’Emerson, dove Cabassi riveste il doppio ruolo di dirigente e giocatore insieme a Gualco, Carraria, Salvaneschi, Marquinho nazionale brasiliano, un team che sale in A1 ed arriva a disputare la Coppa Korac.

Svanita la parentesi Emerson con i diritti andati al Novara, Cabassi ritorna al Cus sempre come dirigente e giocatore, e qui incontra il rimpianto coach Panichi, ed in seguito arriverà anche il periodo Erg insieme a Giacoma e Salvaneschi tra gli altri, mentre a fine carriera vince due campionati di Promozione con il Cornigliano e l’Athletic insieme ai vecchi amici Lasagni, Canepa, Brancucci e Ghirardo.
Ma l’amore per il basket non finisce, e proprio con Giacoma e con Besana darà vita alI’Auxilium femminile che dalla C arriverà sino alla A.

I funerali di Cabassi, galantuomo e talento del basket, si terranno sabato alle 10 presso la Chiesa interna all’Ospedale San Martino di Genova.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.