Se la Lega divide, perché si deve chiamare “Lega” e non “Sega”? Ah, saperlo…

Se la Lega divide, perché si deve chiamare “Lega” e non “Sega”? Ah, saperlo…

5 febbraio 2010

Ieri, giovedì 4 febbraio, dopo la presentazione del video “Facciamo un Ramadan”, Edoardo Rixi, segretario provinciale della Lega Nord di Genova, ha diramato il comunicato stampa (bisognerebbe chiamarlo “Comunicato STOMPA”, visti gli errori…dira, bisonga,fà,fururo, provicniale…ma non leggono neanche i loro comunicati prima di mandarli?…mah!..) qui sotto riportato.

Ancora più sotto la mia replica

Comunicato stampa Lega Nord Genova
CARO BESANA, QUESTA VOLTA HAI FATTO UN VIDEO BELINATA, UNA BESANATA

Nessuna strategia della paura, parlano i fatti. E’ ora di finirla di dira che “bisonga essere accoglienti” a prescindere. I Genovesi hanno sempre accolto tutti i migranti ma non accettano le imposizioni. La Moschea se Ranieri ed il Sindaco la vogliono convincano democraticamente i cittadini, non la impongano.
Non possono contare più 4000 musulmani che 600.000 genovesi.
Capisco che Besana ha bisogno di voti ma perchè non fà un video su Burlando “contro mano” in autostrada?

Ora basta con le belinate e le besanate, pensiamo alle cose serie. Il fururo della nostra Liguria non può certo essere quello di avere una moschea in ogni città.

La realtà è che salvo pochi fortunati i cittadini liguri sono divenuti i nuovi migranti, sono costretti ad andare oltre appennino per trovare un lavoro che da noi non c’è. Bisogna pensare a questo, non alle Moschee o a far venire nuovi extracomunitari ad ingrossare le file dei disoccupati.
Edoardo Rixi – Segretario Provicniale Lega Nord Genova.

 

LA MIA RISPOSTA
AL COMUNICATO DELLA LEGA NORD

Edoardo Rixi nega l’attuazione di una vera e propria strategia della paura, dice che parlano i fatti…appunto!
La Lega ed i suoi sodali , per provare a raccattare voti , non hanno avuto problemi ad evocare e cavalcare spudoratamente sentimenti di paura.

La paura è insita nell’uomo, che istintivamente prova paura soprattutto per ciò che non conosce. Ma può essere affrontata, con efficacia, attraverso il dialogo e la comprensione.

Mi permetto di citare il Cardinale Tettamanzi: «Cavalcare la paura della gente è un rischio. Anzi, non è nemmeno più un rischio, è un dato di fatto preoccupante. Il primo a gridare con forza “Non abbiate paura” è stato Gesù. Parole ripetute all’inizio del pontificato da Giovanni Paolo II e adesso anche da papa Benedetto. Dobbiamo avere il coraggio di parlare con speranza. La gente ha bisogno anche di segni concreti, dei gesti di speranza, l’ unica cosa che riesce a superare la paura. E non basta la speranza ingenua. Serve la consapevolezza del fatto che solo lavorando assieme per risolvere le difficoltà è possibile superare la paura. Quindi non bisogna alimentare la paura, che è uno dei deterrenti peggiori al dialogo, al confronto e alla collaborazione, unica strada per raggiungere la buona convivenza.”

Non pretendo che gli adoratori del Dio Po, gli stessi che si ergono ora a difensori dei simboli cristiani, strumentalizzando il crocifisso in una poco credibile difesa del tricolore (un tempo da loro equiparato alla carta igienica), possano avere la cultura e la sensibilità del Cardinale Tettamanzi, del Cardinale Bagnasco, di Papa Giovanni Paolo II e di Papa Benedetto XVI… la rozzezza di pensiero (il termine è assolutamente generoso) elargita a piene mani nel corso degli ultimi mesi (a proposito: se è vero, come è vero, che l’amministrazione pubblica si era “dimenticata” per molti anni del Lagaccio è altrettanto vero che la Lega, Rixi compreso, se ne è “ricordata” solo quando ha intuito l’utilità di una “crociata raccatta voti”….) trova, ahimè, piena conferma nelle parole del suo segretario.

Al Cep i percorsi di condivisione e di partecipazione dei cittadini alla vita del quartiere hanno consentito di difendere i diritti della gente, senza distinzione tra la gente “ligure” e gli altri. Sono percorsi difficili, lunghi ma ricchi di soddisfazione. Ho avuto il privilegio di esserne parte attiva, negli ultimi 13 anni, senza la spinta data dalla necessità, come dice Rixi, di ottenere consenso da qualcuno. Quello è un problema che lascio volentieri a lui…

In un comunicato precedente Rixi invitava il presidente Burlando a prendere le distanze da me…non credo che il presidente Burlando ne senta la necessità, anche perché penso abbia cose più importanti a cui pensare…a me basta che siano evidenti le distanze che mi separano dai contenuti degli interventi di Rixi, sempre più vicini a ricordare un triste ventennio del secolo scorso…

In quanto ai giochi di parole sui cognomi, qui devo ammetterlo, non posso competere con Rixi…un cognome che, curiosamente, in una tradizionale terra leghista, il Veneto, significa letteralmente “riso”…che, secondo tradizione, abbonda nella bocca degli stolti….appunto….!

Carlo Besana

un’ultima considerazione, a margine del comunicato inviato ieri :
il termine “Lega”, fa pensare immediatamente a qualcosa che unisce, che lega, per l’appunto
le iniziative attuate dalla Lega Nord, soprattutto quando ci sono di mezzo i diritti degli immigrati, tendono invece a dividere, in modo netto, come riesce a fare solo una sega…

che sia in atto una trasformazione da “Lega Nord” a “Sega Nord” ??? ah saperlo….

pare sia già pronto il nuovo logo, in cui Alberto da Giussano, anziché esibire la spada, esibisce, per l’appunto, una sega….pare che l’Umberto abbia un po’ di dubbi, per via di pericolosi doppi sensi…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.