io, Tiziano Ferro, la “nostra” defaillance, il “nonsoche” di Susanna e…Peppe Vessicchio…

io, Tiziano Ferro, la “nostra” defaillance, il “nonsoche” di Susanna e…Peppe Vessicchio…

 

sembrava proprio una serata perfetta…

 

ce l’avevo fatta, fino alla fine…
o quasi…

prima serata di Sanremo 2020…
ho seguito uno ad uno i cantanti in gara, gli ospiti, i monologhi…

li ho commentati tutti, interagendo come sempre su FB con Veronica Mauro e Daria Irene Burla, cui si è aggiunto l’inatteso Enrico Testino, che ha seguito la serata commentandola con me via whatsapp…

ho respinto l’invito dell’amico Ivano Foglino, che premeva affinché guardassi altro…

ce l’ho fatta anche a dare, in contemporanea, una sbirciata ai commenti del Direttore Paolo De Totero, compreso un commento “volante”…

ho risposto a Luca Corsolini, che via whatsapp mi chiedeva notizie mentre stava seguendo ad altro ed a coach Andrea Brovia, alla ricerca di un recapito telefonico…

ho ingaggiato l’ennesimo “duello social” legato al mio “pensiero” su Junior Cally

ho seguito, con crescente commozione,  l’intenso monologo di Rula Jebreal, e lo confesso, mi è scesa qualche lacrima…

poi la classifica, e lì come sempre nelle prime serate incrocio i miei “cartellini” personali ed esco sconfitto dalle giurie (i miei Fab Four della prima serata sono stati Irene Grandi, Anastasio, Achille Lauro e Raphael Gualazzi…tutti lontani da “Le Vibrazioni”…)…poi sabato farò i miei pronostici, slegati dai miei gusti, così, per giocare…

insomma, mi era riuscito di fare come la RAI, di tutto, di più…

il veleno però, come sempre, era lì, nella coda…

rimasto solo sul divano dopo la proclamazione della classifica, ho atteso pazientemente l’inizio dell’Altro Festival…

ho visto il promo di Marzullo, poi il Tg della notte, poi è iniziato Marzullo…
solo lì mi sono ricordato che l’Altro Festival è su Rai Play…
una defaillance letale…me lo sono perso…

mi sono sentito come…
come Tiziano Ferro, che è inciampato, per l’emozione, sul finale di “Almeno tu nell’universo”, ed era quasi disperato…
si sa, il palco di Sanremo è insidioso per tutti, per lui ma anche per i comuni mortali spettatori come me…

lui, però, è stato più fortunato…
ha avuto lì, a portata di mano, la spalla di Amadeus e l’applauso consolatorio del pubblico del Teatro Ariston…

io invece ho guardato sconsolato il tasto verde del telecomando, l’ho premuto e nel silenzio spettrale della notte ho raggiunto, nel buio più totale, la camera da letto…

Susanna stava russando sonoramente ma con un nonsoche di ammaliante…

quasi un susseguirsi di leggiadre…Vibrazioni…

addirittura, ho avuto la sensazione che lì, da qualche parte, al buio, ci fosse Peppe Vessicchio a dirigerla, per condurla in cima alla classifica…

eh sì, è proprio così, da sempre…

anche con le sue (e mie) defaillances…

Sanremo è Sanremo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.