Il musicista con quattro mani ed altre meraviglie tra ravioli e canzoni…

Il musicista con quattro mani ed altre meraviglie tra ravioli e canzoni…

Se volete un consiglio, scegliete quel che vi pare tra antipasto o secondi piatti, ma non perdetevi i ‘ravioli al tuccu’…sono impareggiabili!!!”.

Ivano Foglino e Maurizio Pigoni non erano mai venuti alla “Vecchia Dogana” di Rossiglione.

Ieri sera non si son voluti perdere lo spettacolo musicale che spesso, nelle sere d’estate, allieta la cena dei clienti al fresco del delizioso giardino del ristorante…

sui ravioli però Ivano si è mostrato un po’ scettico…
”Mah, dubito che possano essere meglio di quelli che faceva mia suocera, i migliori che abbia mai mangiato in vita mia…”

e scettico pure Maurizio, più incline a scegliere un piatto con il pesto…

entrambi però, per qualche strana congiunzione astrale, dopo essersi diviso il ricco tagliere di formaggi e salumi, eccoli lì, con i loro dubbi, alle prese con i ravioli, pronti a mettere alla prova le mie certezze…

ed è così, ma ne ero certo, che si ricredono…

Maurizio quasi tentato dal raddoppio…
ed Ivano, che senza nulla togliere alle prelibatezze gastronomiche cucinate dalla suocera, alla fine confessa: ”I ravioli al tuccu di mia suocera sono i migliori che abbia mai mangiato…ma questi sono diversi… sì, sono più buoni …sono una roba unica…”

Ecco…
una “roba unica”…
come queste serate, con straordinari musicisti…

“Vecchia Dogana”, 27 agosto 2022: da sinistra Mauro Culotta, Alfredo Vandresi ed Enrico Bianchi
(clicca per ingrandire)

Mauro Culotta alla chitarra, Alfredo Vandresi alla batteria ed Enrico Bianchi, voce solista e magistrale tastierista, con la mano sinistra che sopperisce all’assenza della chitarra basso, mentre le altre tre mani girano vorticosamente tra tastiere, pulsanti che attivano i cori quando serve, cursori che regolano il volume e posizionano meglio il microfono, che invia alle casse la sua straordinaria voce che giunge a noi in tutta la sua estensione e le sue capacità di modulazione…

tranquilli, non è un errore di stampa: so far di conto, e le mani di Enrico Bianchi devono essere almeno quattro, perché con due mani sarebbe impossibile fare quello che fa lui, per giunta benissimo…

e così tra “29 settembre” ed “Eppur mi son scordato di te”, che aprono la serata, e ”Gimme some lovin’”, che la chiude con il festoso coinvolgimento del pubblico, ecco servito uno straordinario, appetitoso menu musicale con un’infinità di portate, che volteggiano tra i successi dei Creedence, di Alan Parson Project, Pink Floyd, Procol Harum, Steve Winwood, Eric Clapton, Gens ed altri ancora…

fino alla struggente “Se io fossi un angelo” dedicata al ricordo di Tonino Cripezzi dei Camaleonti e di Vittorio De Scalzi del New Trolls, ed altri artisti che ci hanno lasciati in questi ultimi mesi e che continueranno a vivere nei ricordi di tutti noi…

Il tutto accompagnato a tavola dai competenti commenti tecnici di Ivano e Maurizio, ai quali mi abbevero voracemente nel corso della serata…

eh sì, Maurizio ed Ivano sono due musicisti, chitarrista il primo, bassista il secondo, che per una strana, piacevole coincidenza, con le rispettive mogli, si trovano seduti allo stesso tavolo cui siamo destinati io, Susanna ed i nostri amici Alessandra e Stefano…

Ivano è il tecnico che nel 2009, dopo la sua inaugurazione, risolve i problemi acustici del PalaCep (con provvidenziali teli fonoassorbenti) e proprio lì, il 25 settembre dello stesso anno, si esibisce per la prima volta con un nuovo gruppo, i Lokomotiv di Roberto Ballerini, con Ivano al basso e Maurizio alla chitarra…

lo stesso gruppo che apre la mitica serata al PalaCep del 3 dicembre 2011, quella con Adriano Celentano, Biagio Antonacci e Gino Paoli
con Gianna (moglie di Ivano) nel coro che accompagna l’esibizione di Gino Paoli…

e Maurizio che, come in un sogno, si ritrova sul palco ad accompagnare Adriano Celentano che, inaspettatamente, torna quella sera a cantare dal vivo dopo una quindicina d’anni…

con tutta la tensione dell’inconfondibile giro di chitarra che, nel palpabile, emozionato silenzio dei 1500 presenti, apre l’immortale “Ragazzo della via Gluck”…

per un curioso caso, il tavolo da 8, ieri sera, ci raduna insieme dopo tanti anni…

l’occasione per “ringiovanire” di undici anni, perché il ricordo di quella serata magica è ancora talmente vivo in noi da darci l’impressione che il tutto sia accaduto pochi giorni fa…

un’occasione meravigliosamente inattesa e decisamente unica…

proprio come i “ravioli al tuccu” della “Vecchia Dogana”, che per Ivano si sono rivelati inaspettatamente unici…


con tutto il rispetto per la suocera che “buoni come i suoi non li ho mai mangiati”…

vero Ivano?



ps: ieri sera volevo gustarmi la serata senza il benché minimo “ostacolo”, e non ho portato con me, diversamente dal solito, l’attrezzatura fotografica, oltre a non effettuare manco un minuto di diretta Fb (alcuni video sono invece presenti sulla bacheca di Susanna). Le uniche due foto, scattate con lo smartphone, sono quelle presenti in questo post.

in primo piano Susanna.
Poi, da sinistra: Ivano, Carlo, Gianna, Gina, Maurizio, Stefano, Alessandra
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.