Rapinatore a 18 anni imparando dalla Tv

Rapinatore a 18 anni imparando dalla Tv

 

10 dicembre 2014

 

Mimmo Lombezzi è un noto e bravo giornalista.

Mimmo Lombezzi (Terra, Rete4)

Per conto della rubrica “Terra!” (Rete4) nell’ambito di un’inchiesta sull’occupazione delle case popolari è venuto a Genova, al Cep, e tra i tanti casi possibili da proporre all’attenzione pubblica ha scelto il singolare caso della famiglia Ciurcina, Attilio Ciurcina il papà, ed i figli Eleonora Ciurcina e Jonathan Ciurcina.

Oggi l’ho informato sulla nuova storia che riguarda Jonathan...

gli ho inviato gli articoli del Secolo XIX e del Corriere Mercantile e lui, dimostrando grande sensibilità, ha postato questo commento sul suo profilo Facebook.

Lo ringrazio, condivido pienamente la sua analisi, e vorrei che tanti tra i miei amici di Facebook facessero una serena riflessione su queste storie.

Non pretendo che tutti la pensino come me e Mimmo Lombezzi, ma provate a leggere queste righe….

 

JONATHAN: RAPINATORE A 18 ANNI IMPARANDO DALLA TV.

Il SecoloXIX di oggi racconta di una rapina che sembra un film e in parte lo è.

Tre ragazzi del Cep, uno dei quartieri difficili di Genova, assaltano l’autogrill del Turchino con una pistola-giocattolo e scappano con 500 euro.
Il ‘colpo’ è fatto a regola d’arte, quasi da manuale, ma l’allarme attiva una volante che li becca prima che abbiano il tempo di spartirsi il bottino.

Tutti e tre sono disoccupati.

Interrogati, uno dichiara che aveva solo dato un passaggio agli altri due e non sapeva nulla delle loro intenzioni, un altro tace, mentre il più giovane, Jonathan Ciurcina,18 anni, dice “Ero fumato, stavo guardando in tv la storia di una banda di rapinatori, così ho chiamato gli amici e ho assaltato l’Autogrill“.

Jonathan l’avevo intervistato non più di 3 settimane fa per un servizio di “Terra!” sulle case occupate (cfr link) .

Figlio di un disoccupato che sta per essere sfrattato, aveva occupato un alloggio dell’Arte quando la sua ragazza è rimasta incinta, poi, dopo che è stato sfrattato, ne ha occupato un altro.
Ci sono centinaia di case vuote che non vengono assegnate perchè Arte non ha i soldi per ristrutturarle. mi diceva Eleonora, la sorella di Jonathan – perchè non le assegnano ? Potremmo ristrutturarle noi. C’è gente pronta a darsi fuoco se arriva l’ufficiale giudiziario” .

La storia di Jonathan, prima abusivo e ora rapinatore a soli 18 anni, dovrebbe far riflettere i saccheggiatori ‘liberisti’ di Roma e i loro complici pidini, perchè racconta dove può portare la disperazione mentre chi ci difende dal Komunismo trapana casse pubbliche.
Non intendo certo giustificare Jonathan o quello che ha fatto, dico solo che quando l’ho incontrato, non ho avuto certo l’impressione di avere a che fare con un teppista e tantomeno con un violento.
Piuttosto con uno che a un certo punto si è trovato come un animale in trappola: nessun lavoro, nessuna possibilità di costruirsi una vita con la sua ragazza, nemmeno un posto dove vivere.

Jonathan è di fronte a un bivio.
Dipenderà dall’intelligenza del giudice spingerlo verso una direzione o verso l’altra.

Secondo me è giusto dargli un ‘altra possibilità.

E visto che molti Vip si battono per Corona – che aveva tutte le porte aperte – io voglio spendere una parola per Jonathan, se fosse nato in un paese normale, in cui i giovani hanno almeno una possibilità di trovare un lavoro e un tetto, avrebbe fatto una vita normale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.