quella foto del 3 gennaio di cinque anni fa…

quella foto del 3 gennaio di cinque anni fa…

Oggi Facebook mi ricorda una foto scattata cinque anni fa, il 3 gennaio 2017…

E’ una foto che mi ricorda una bella giornata trascorsa con Daniele, fratello di Susanna, e con Lina, sua moglie…

nel pomeriggio andammo a fare quattro passi alla Fascia di Rispetto di Pra’, un delizioso frammento del ponente cittadino, con il porticciolo ed il canale di calma stretti tra la ferrovia (a monte) e l’area portuale…

uno spazio che ha rappresentato, per i praesi, una sorta di “risarcimento” per lo scippo della spiaggia, eliminata qualche decennio fa per lasciare spazio all’espansione del porto.

Nel momento dello scatto di quella foto ricordo che feci fermare per qualche secondo Susanna, Daniele e Lina, attendendo che le due figure sullo sfondo fossero perfettamente al centro a mo’ di silhouette…

Quel giorno, ovviamente, scattai altre foto, tra le quali immagini che evidenziano (se ce ne fosse bisogno…) quanto sia intenso il rapporto affettuoso tra Susanna e Daniele.

Stranamente non le pubblicai né su Fb né qui, sul mio blogghiario…
Rimedio immediatamente, almeno qui…

Fascia di rispetto di Pra’, 3 gennaio 2017
(clicca per ingrandire)
Daniele e Susanna, 3 gennaio 2017
(clicca per ingrandire)
Daniele e Susanna, 3 gennaio 2017
(clicca per ingrandire)
Daniele, 3 gennaio 2017
(clicca per ingrandire)
Susanna e Lina, 3 gennaio 2017
(clicca per ingrandire)

Qui invece una bella foto scattata qualche giorno fa da Susanna, sempre alla Fascia di rispetto di Pra’, postata su Fb, cui segue un mio commento…

Fascia di rispetto di Pra’, 29 dicembre 2021 – foto di Susanna Giorato –
(clicca per ingrandire)

Il contesto è molto bello, fa pensare immediatamente ad un luogo tranquillo, privo di inquinamento…

poi, sulla sinistra passano tre treni merci in pochi minuti (sui due livelli di rotaie) e sulla destra, pochi metri aldilà del canale di calma, nello spazio portuale, in 5 minuti passano 12 camion…
e chissà quanti ne passano in un’intera giornata…

diciamo che, se ci si accontenta, l’occhio è molto appagato…

…ci sono in acqua 6 armi di canottaggio con giovani atleti che stanno facendo un duro allenamento…

…alcuni pescatori con le loro canne, prolungamento delle loro speranze di pigliare qualcosa, sono lì da chissà quanto…ma pigliare qualcosa non è la cosa più importante, è già bello essere lì…

…un paio di pescatori stanno preparando le reti che saranno calate domattina, quando andranno a tirare quelle calate stamane…

…e tante persone che si gustano questo scampolo di primavera invernale, anziani, famiglie, bambini con l’immancabile monopattino in diverse versioni, l’oasi felina che invoglia ad accarezzare gatti sonnecchiosi (io no, sono allergico al pelo del gatto…)…

insomma, ci sono tanti aspetti positivi…

ma per i nostalgici del periodo in cui lì c’era la spiaggia, e che l’hanno vissuta, occorre comunque sapersi accontentare…

anche perché oggi non c’è alternativa…

è importante comunque aspirare, sempre, a qualcosa di meglio, a non appisolarsi (come i gatti) sull’onda del “meglio qualcosa che niente”…

è il motto che sta alla base del declino di ogni città, pezzettino per pezzettino…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.