quando torno a Costa Masnaga, ogni giornata si trasforma in una giornata fantastica…

quando torno a Costa Masnaga, ogni giornata si trasforma in una giornata fantastica…

“A Carlo, papà della nostra piccola, ma gloriosa società Basket Costa.
Con riconoscenza.
Comune di Costa Masnaga”

E’ la frase incisa sul portachiavi-ciondolo consegnatomi ieri, a nome dell’Amministrazione Comunale, dal Sindaco di Costa Masnaga, Sabina Panzeri, nell’ambito del “Tributo allo Sport” che il Comune ha voluto organizzare per celebrare i “decennali” delle gloriose realtà sportive locali: Il Basket Costa (50 anni) , l’U.C. Costa Masnaga (70 anni) e la Scuola di Danza Ida Petrullo (30 anni), società alle quali l’Amministrazione Comunale ha anche destinato un contributo economico, rappresentato sul palco dalla firma in diretta di un mega-assegno.

la firma dell’assegno
(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)

Un tributo che ha compreso anche Silvia Valsecchi, cittadina masnaghese, ciclista su strada e su pista che di recente ha abbandonato l’attività dopo aver conquistato diversi allori nazionali ed internazionali.

Silvia Valsecchi e Sabina Panzeri
(clicca per ingrandire)

Era presente la dolcissima Anna Ranieri (presidente del Basket Costa), mamma di Bicio (deus ex machina della società) e di Roberta (mia “capitana” negli anni ’70), nonché moglie del compianto Nino, che fu preziosissimo collaboratore nel periodo in cui ci occupavamo, insieme a Graziella Consonni, della società sportiva e del Comitato Provinciale Unicef promosso ed ospitato proprio dal Basket Costa…

dal giorno in cui, diversi anni fa, è mancato Nino, Anna non ha più messo piede nella palestra di Costa Masnaga…

ieri ha fatto un’eccezione, stimolata con le giuste argomentazioni da Sabina Panzeri, che mi ha chiamato alcuni giorni fa, per invitarmi a questo evento, preannunciandomi la presenza di Anna, che non vedevo da qualche decennio…

il piacere di rivedere Anna sarebbe già stato motivo più che sufficiente per indurmi a lasciare il sole delle spiagge liguri per un “blitz” a Costa Masnaga…
figuriamoci poi se a chiedermelo è il primo cittadino di una località che non è mai uscita dal mio cuore, nonostante i 30 anni fin qui vissuti all’ombra della Lanterna…

Susanna, Anna, Matteo Trassini ed io
(clicca per ingrandire)

e così io e Susanna, partiti di buon’ora, siamo arrivati puntualissimi a Costa Masnaga, portandoci una buona scorta di fazzoletti

ne eravamo certi, l’emozione avrebbe più volte preso il sopravvento…
e non è, come avrei scommesso, perché ormai sono ben avviato verso i 70 anni…

anche Sabina Panzeri, molto più giovane, giustamente incurante del suo ruolo istituzionale, non si è fatta pregare (e nemmeno io…) per versare qualche lacrima, sia durante l’incontro con Anna che durante l’intervento sul palco, nel quale ha ricordato i suoi trascorsi di giocatrice nelle formazioni giovanili del Basket Costa

Bicio, Anna e Sabina Panzeri
(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)

una società che già a metà degli anni ’90 si era messa in luce a livello nazionale con la prima conquista della Serie A1 femminile, un traguardo che Sabina Panzeri ha ricordato chiamando sul palco l’allora presidente Matteo Trassini, altra persona squisita che è sempre un piacere rivedere…

emozioni, emozioni a go-go che pure io non sono riuscito a controllare…

ad ogni parola dedicata al ricordo di una straordinaria avventura, cestistica e non, che per me è durata dal 1972 al 1992, anno in cui io e Susanna ci siamo trasferiti a Genova, si è palesata davanti ai miei occhi, come mossa da un proiettore impazzito, una miriade di immagini, piacevoli e struggenti, che mi hanno costretto a più di un’interruzione nel corso del mio pur breve intervento…

(clicca per ingrandire)

un intervento nel quale ho voluto sottolineare la costante presenza di membri della famiglia Ranieri in tutta la storia di questa gloriosa società…

dapprima Nino (e Anna), quasi in contemporanea Roberta, poi Bicio, dapprima assistente nello staff tecnico poi con ruoli sempre più importanti ed insostituibili fino ai giorni nostri…

con Roberta (e suo marito Frank) sempre presenti (in cucina) nelle sagre che consentono al Basket Costa di autosostenersi economicamente, spesso con l’aiuto dei loro figli Mara (quando è a Costa) ed Andrea, che con lo stesso Frank ed i figli di Bicio, Niccolò, Simone “Aimo” e Maddalena, sono parte attiva dell’imponente staff tecnico della società.
E non si può fare a meno di sottolineare il ruolo centrale di Giulia, la dolcissima moglie di Bicio, che oltre a compiti tecnici ed organizzativi dei quali si è fatta carico fin dall’inizio, si è dovuta occupare della numerosa famiglia, con l’aggiunta del delicato, e complicato, compito di riuscire a trovare, quotidianamente, l’equilibrio e la pazienza indispensabili per interpretare al meglio il ruolo di moglie di un personaggio vulcanico ed iper impegnato…

Un coinvolgimento totale che, come ho ricordato ieri, tempo fa mi fece parodiare lo slogan “Dove c’è Barilla c’è casa”, adattandolo con un più che realistico “Dove c’è Ranieri c’è basket”

(clicca per ingrandire)

L’emozione si ammanta di sorpresa quando, tra i collaboratori dell’U.C. Costa Masnaga, intravvedo un volto che mi ricorda qualcuno…

e ricordo bene, nonostante siano passati (credo) almeno quarant’anni dall’ultima volta che ci siamo visti…

E’ il mitico Magistri, il gestore del bar dell’oratorio di Lambrugo, lo stesso che frequentavamo io e gli altri ragazzi di allora e nel quale si formò il nucleo della formazione maschile che diede il via al Basket Costa nel 1972…

Oggi la “compagnia” dei piccoli ciclisti lo aiuta a sentirsi sempre giovane, nonostante i quasi ottant’anni…

io e, a sinistra, il mitico Magistri
(clicca per ingrandire)

infine, la “scoperta”, a quasi 69 anni, di una singolare “paternità”, con l’aggiunta di una testimonianza, istituzionale, di gratitudine, che mi riempie il cuore di gioia, e con la quale, inconsapevolmente, Sabina Panzeri è andata, in buona sostanza, esattamente dopo trent’anni, a chiudere il cerchio dell’unico rammarico che ha contraddistinto la mia lunga esperienza masnaghese…

(clicca per ingrandire)

novembre 1992, mancano poche settimane al trasferimento mio e di Susanna a Genova e Fabio Cavagna, firma del quotidiano “La Provincia”, realizza un’intervista per tracciare un bilancio dei primi sette anni di vita del Comitato Provinciale per l’Unicef, che avevo fondato nel 1985, trovando la sua sede naturale a Costa Masnaga, presso gli uffici del Basket Costa e che a seguito del mio trasferimento si sarebbe spostato a Como (a quei tempi non esisteva ancora la provincia di Lecco).

Proprio all’ultima sua domanda, non ero riuscito a nascondere “un piccolo rammarico, che in tutti questi anni non vi sia mai stato un riconoscimento dalle autorità comunali. Una gratificazione che riterrei di essermi proprio meritato. Un modesto rimpianto sopraffatto da tante emozioni e altrettanta felicità”.

A distanza di trent’anni, grazie a Sabina Panzeri, il cerchio si chiude…

e quando a Genova mi chiederanno, come è spesso capitato, “brianzolo? da quale parte della Brianza?“, potrò rispondere come ho sempre fatto, ma con un pizzico di orgoglio in più: “da Costa Masnaga“, anche se in realtà, nato a Barzanò e vissuto a Lurago d’Erba e per un breve periodo a Como, non sono mai stato un cittadino residente a Costa Masnaga…

per metabolizzare tutte queste emozioni, abbiamo proseguito la nostra giornata con una tappa quasi obbligata a Pusiano (pranzo delizioso con risotto al pesce persico e cotoletta alla milanese, quella vera, “con il manico”…) per concludersi con un rapido rientro a Genova, giusto in tempo per assaporare la gioia per le inattese vittorie dell’Italia di basket sulla Serbia (campionati europei) e per il titolo mondiale conquistato dagli azzurri del volley in Polonia…

sì, quando torno a Costa Masnaga ogni giornata si trasforma in una giornata fantastica…

(clicca per ingrandire)
Link all’articolo
“quando ti chiama un primo cittadino…”
– 9 settembre 2022 –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.