…io, i bambini del PON, lo squalo e la balena…

…io, i bambini del PON, lo squalo e la balena…

Martedì 28 giugno.
Mi aggiro sul parquet della Sala Foglino, curioso, con la mia fotocamera…



“Che animale ho disegnato?”, mi chiede un bimbo.
“Vediamo…per me è uno squalo…”, rispondo…
“Sì è uno squalo!!!” mi conferma, però non mi sfugge un attimo di titubanza…
“Ma se avevi detto che era una balena!!!…” lo “sbugiarda” la bimba che stava disegnando con lui…
“E’ vero, che stupido sono…” cerco di riparare…”Si vede perfettamente che è una balena, uno squalo sarebbe molto più corto…”…

Da alcuni anni i PON dell’Istituto Comprensivo Scolastico Voltri II trovano negli spazi (anche al coperto) ben curati del Circolo ARCI Pianacci la loro perfetta collocazione per il variegato programma che rende particolarmente intense le due settimane (e forse una terza) in cui sono coinvolti complessivamente oltre 80 bambini (dalla prima alla terza elementare la prima settimana, dalla quarta alla seconda media la seconda settimana).

Attività ludico-didattiche, danza, freestyle, basket e beach volley, dalle 9 alle 15, con lo spazio “pranzo/merenda/ricreazione” a rotazione, che fa improvvisamente esplodere il gioioso vociare dei bambini, la più bella colonna sonora che si possa immaginare al Pianacci…

con la mia fotocamera (o con lo smartphone) passerei ore ad immortalare le diverse espressioni che solo la spensieratezza dei bambini sa regalare…

l’impegno nella gestione (non solo burocratica) delle diverse attività organizzate al Pianacci o, come in questo caso, il supporto ad attività organizzate da altri ed ospitate nei nostri spazi, è veramente pesante e con il passare degli anni lo si sente sempre più (mi sto avvicinando, a grandi balzi, alla soglia dei 70 anni…)…

spesso ci si domanda se e quanto ne valga la pena…

poi arrivano le giornate come queste, in cui i 50 bambini del PON si sommano ai 15 del Campus con il Centro Zenit, agli altrettanti coinvolti nelle attività del progetto di inclusione sociale attraverso lo sport, agli Over 60 che con costanza frequentano il corso di attività motoria (all’aperto)

fai la conta ed arrivi a 100…
cento persone…
cento famiglie…


in più ci sono bambini ed adulti (più bambini che adulti) che frequentano ogni giorno gli spazi anche senza essere coinvolti in attività strutturate, che trovano ogni pomeriggio il supporto di Davide, un giovane animatore che è rapidamente diventato il personaggio più “gettonato” dai bimbi di ogni età (anche dalle signore “più attempate”, ancora sensibili all’indiscutibile fascino del bel ragazzo…)…

e lì accanto il PalaCep, ogni giorno popolato da giovani delle diverse età che inseguono il sogno di un successo sportivo, già raggiunto dalle ragazze che pochi mesi fa hanno partecipato ai campionati mondiali di pattinaggio in Paraguay…

quando tocchi con mano giornate come questa la stanchezza ed i dubbi svaniscono in un nanosecondo

sai già che l’indomani mattina, presto, anche senza averne alcun obbligo, sarai di nuovo lì, a gustarti l’arrivo a frotte dei bambini, il saluto ai loro genitori, la partecipazione attenta alle diverse attività…
poi alle 15 la corsa verso i genitori o i nonni, pronti a raccontare loro, immediatamente, e con sano entusiasmo, i particolari di quello che hanno fatto nel corso della mattinata…

un altro brano di una “colonna sonora” ogni giorno spontaneamente diversa ed ogni giorno incredibilmente più bella…

sarai lì, anche non necessariamente con la fotocamera e lo smartphone, pronto a cogliere le espressioni di gioia che magicamente si trasformano in una preziosa pozione che va ad addolcire, fino ad annullarle, le fatiche che inesorabilmente, anno dopo anno, si fanno sentire sempre di più…

e chissà che prima o poi questa magica pozione non riesca a dare ad un povero vecchietto come me anche la lucidità necessaria per non far brutte figure, evitando che si possa confondere tra uno squalo ed una balena…

(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.