Pianacci, si riparte ma i problemi rimangono

Pianacci, si riparte ma i problemi rimangono

 

8 gennaio 2013

Proprio in extremis, il 31 dicembre (e grazie alla determinazione del Sindaco Marco Doria – grazie!!! ) è arrivato il rinnovo della concessione al Circolo Pianacci; una soluzione utile ma pur sempre transitoria. Rimangono sempre più che mai attuali tutte le criticità che si fondano sull’incapacità da parte di pezzi della Civica Amministrazione (in primis il Municipio) a dialogare con le realtà associative del territorio.

Link all’articolo

(Diego Curcio, per “Il Corriere Mercantile”)
La struttura ha riaperto
PIANACCI SI RIPARTE. I PROBLEMI RIMANGONO
Associazione o società sportiva? Nessuno ancora scioglie il nodo

Caso Pianacci, atto terzo.
Dopo le polemiche per la mancata proroga della concessione e quelle sulla gestione dell’area (a proroga firmata in extremis l’ultimo giorno disponibile, il 31 dicembre scorso), sabato pomeriggio ha riaperto lo spazio simbolo del riscatto del quartiere collinare del Cep.
I soci, dopo una riunione convocata nei giorni scorsi, hanno deciso di renderne nuovamente fruibile quest’area rubata al degrado, in attesa di un incontro con il sindaco Marco Doria, per chiarire una volta per tutta le questioni relative al bando di gara per la gestione delle strutture.
Le soluzioni sul piatto sono due: o continuare a considerare il Pianacci uno spazio associativo e quindi permettere agli attuali (e omonimi) gestori – o a chiunque vinca il bando di gara – di proseguire la strada intrapresa diciassette anni fa con gli abitanti del quartiere; o far prevalere il carattere sportivo della struttura (che comprende una pista di pattinaggio coperta e un campetto a 5) e quindi aprirsi a nuovi soggetti che possano far fronte ai costi elevati che questo indirizzo comporta, riducendo però il carattere sociale dell’area.
Insomma, due visioni completamente diverse della questione. Anche se, comunque si risolva la vicenda, per la prima volta dopo tanto tempo – forse – si riuscirà finalmente a dare maggiori certezze a chi dovrà gestire questo spazio.
Naturalmente Pianacci spera nella prima ipotesi, anche per non vanificare un lungo e fruttuoso lavoro durato anni.
«Quanto accaduto in questi giorni al Cep – scrive il direttivo dell’associazione – è il simbolo di quanto facciano fatica a dialogare istituzioni e comunità. Una delle funzioni di chi amministra deve essere quella di facilitare le strutture sociali della città e non di complicarne il lavoro appassionato e volontario. Sia chiaro: questa è una osservazione purtroppo trasversale a tutte le forze politiche e partitiche che potrebbero amministrare la cosa pubblica a Genova. Crediamo sia stato doveroso riaprire e ridare la frequentazione della Pianacci ai bambini, ai giovani, alle famiglie e agli anziani che per la prima volta dal 1996 hanno visto l’area chiusa per 4 giorni consecutivi. Uno spazio che è il centro di una vasta area del Cep e che accoglie quotidianamente tutti, come per esempio decine di minori che giocano nel campetto, che dovrebbe essere affittato secondo i criteri del Comune. Se il bando di gara per la sua gestione fosse emesso considerando l’area Pianacci una struttura prevalentemente sportiva potrebbe, a nostro avviso, costituire un elemento di rischio per la continuazione delle attività sociali sviluppate nel quartiere dalla nostra associazione. Il vicesindaco Stefano Bernini ha ribadito la volontà di incontrare gli assessori competenti e il Municipio, oltre che l’associazione stessa per affrontare e risolvere la questione».
Proprio il parlamentino del ponente, nel giorni scorsi, per bocca del suo presidente Mauro Avvenente aveva sottolineato come l’area avesse anche una vocazione sportiva.
Ma i dati diffusi dalla Pianacci sembrano dimostrare il contrario.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.