Peccato…

Peccato…

 

13 maggio 2013

 

Non ce l’abbiamo fatta.
Loro , almeno oggi, erano più forti.
E quando l’avversario è più forte puoi solo prenderne atto, e lavorare per migliorarti ancora, con la consapevolezza (e l’orgoglio) di essere stati gli ultimi loro avversari.
Sono orgoglioso delle “mie” ragazze e dello staff tecnico, abbiamo raggiunto un livello mai raggiunto in precedenza da una squadra femminile di basket a Genova e siamo riusciti a portare tanta, tantissima gente al PalaDonBosco.
Passata la comprensibile delusione, spero che alle nostre giocatrici rimanga impresso un ricordo piacevole: l’applauso, lunghissimo, che ha accompagnato la loro uscita dal campo.

 

Link all’articolo

(Beppe D’Amico, per “Il Secolo XIX”)
Finale playoff di A3 femminile
NBA A UN SOFFIO DAL SOGNO MA LA STAGIONE RESTA D’ORO
Le genovesi sconfitte da Torino: non basta una grande De Scalzi

IL SOGNO della Wideurope Nba Genova di salire, al primo anno di A3 subito in A2, è svanito di un soffio in gara-2 di finale playoff contro la Pallacanestro Torino: in un PalaDonBosco gremito come al solito le ragazze del tecnico Giovanni Pansolin hanno perso per 71-58 contro le piemontesi.
Un vero peccato per la Nba, che comunque può festeggiare una annata fantastica per almeno tre motivi.
Primo, negli annali del basket rimarrà per sempre scritto che le rosanero sono state, per la prima volta nel basket genovese in rosa, le prime a raggiungere una finale in una massima competizione nazionale.
Inoltre, per la Nba, si é trattata di una stagione da record, contrassegnata da una regular-season disputata ai massimi livelli e continuata con playoff unici conclusi con la finale.
In ultimo, la migliore giocatrice del campionato é stata la Mvp De Scalzi, che ha brillato anche in gara-2.
Insomma, la Nba si ritrova con una squadra già competitiva per l’anno prossimo, un team che non dovrebbe essere difficile rafforzare ulteriormente per farne una delle formazioni tra le più forti, se non la più forte, della prossima stagione.
Su questa scommessa si misura la volontà e la forza della società.
Stando ai fatti, la Nba è giunta seconda e, promossa la rivale più forte che era Torino, dopo l’estate delle genovesi potranno dire di essere già in partenza di campionato, se non le favorite assolute per la prossima promozione, almeno tra le “papabili” più che accreditate sin dalla vigilia .
Inoltre, stando ai rumors di questo finale di stagione, diverse squadre di A3 forse non ce la faranno a iscriversi al campionato, facilitando così in parte il ruolo di prima della classe che la Nba dovrebbe andare a ricoprire.
Resta però adesso la delusione di un obiettivo mancato, anche se le rosanero non si possono davvero incolpare di nulla, avendo disputato una stagione eccezionale e avendo giocato anche i due match di finale dando il massimo.
Una finale giocata a viso aperto e senza timori reverenziali, ribattendo colpo su colpo alle avversarie, sino a quando, nel terzo quarto, la Pallacanestro Torino ha preso il largo approfittando di alcune buone azioni e del passaggio a vuoto delle genovesi.
Che sia stata una bella partita, lo hanno dimostratogli applausi finali che i tifosi della Nba hanno tributato alle loro ragazze, un applauso che racchiude anche la gratitudine per un anno vissuto all’insegna delle soddisfazioni.
Perla Nba,in doppia cifra la DeScalzi, la Cerretti, la Piermattei e la Algeri.
Un saluto al campionato, in definitiva, degno di un top-team anche se amaro, con però il poter contare già su un acquisto di una top player: tra qualche mese, infatti, tornerà in campo la fuoriclasse Cecilia Flandi, messa ko a gennaio da un brutto infortunio lasciando orfana di lei la squadra per tutto il girone di ritorno e i playoff.
E chissà cosa avrebbe fatto la Nba con il trio De Scalzi-Flandi-Cerretti in campo. Lo si saprà ad ottobre, quando la Nba tornerà sul parquet da probabile favorita.

IL TECNICO STA LAVORANDO ALLA CAMPAGNA ACQUISTI
PANSOLIN HA GIÀ LA TESTA NEL FUTURO
«AD AGOSTO TORNEREMO PIÙ FORTI»
A BOCCE FERME, ma a caldo subito dopo la partita decisiva, a riassumere tutta una stagione, è stato coach Giovanni Pansolin, amareggiato per la sconfitta, ma sereno e felice. Soprattutto in prospettiva futura, sapendo di avere tra le mani un’ottima squadra in grado di migliorarsi ulteriormente.
«Abbiamo perso contro una squadra forte e che ha meritato il risultato finale, e che inoltre è riuscita a rendere difficile ogni cosa che provavamo a fare – è stata la sincera analisi di coach Pansolin a fine partita -. Comunque il nostro resta davvero un anno pazzesco che ci ha permesso di risvegliare l’attenzione per la pallacanestro femminile a Genova e, speriamo, di porre le basi per qualcosa di ancora più bello che ci attende tutti l’anno prossimo. È l’ultima partita –ha proseguito Pansolin – ed i miei personali ringraziamenti vanno a tutti, giocatrici, staff tecnico, dirigenti tutti, in particolare, però, a Manuela Pietronave che ha sopportato tutte le mie preoccupazioni verso la salute e il benessere delle giocatrici, e ad Andrea Brovia senza il quale, probabilmente, non saremmo riusciti a fare tutto quello che abbiamo fatto. È triste – ha concluso Pansolin – quando il pianista smette di suonare, la festa è finita e gli amici se ne vanno, ma noi siamo sereni, sappiamo che è un arrivederci ad ottobre quando speriamo di trovare tutto il calore che il pubblico di Genova è stato capace di darci durante questo mese di playoff, e non solo. Un grazie, dunque, anche a tutti loro, alla nostra ‘fossa” che ci è sempre stata vicina, l’estate che verrà ora ci servirà per formare un team ancora più che competitivo, e su questo tema mi sto già confrontando con la dirigenza».
In attesa dei colpi di mercato, per ora la Nba si riposerà tra un torneo estivo e l’altro, fino ad inizio preparazione prevista per agosto.

 

Link all’articolo

(Federico Grasso, per “Il Corriere Mercantile”)
Sfuma il sogno della promozione
WIDEUROPE SCONFITTA MA BRAVA LO STESSO
Torino centra la serie A/2

La Pallacanestro Torino promossa in A2 fra gli applausi di tutto il palazzetto, la Wideurope NBA-Genova costretta a guardare ai ripescaggi a testa altissima, battuta da una formazione che a tratti ha giocato un basket perfetto.
Ieri sera al PalaDonBosco è stata una di quelle feste che purtroppo non capitano spesso sotto la lanterna.
Anzi, era la prima volta in assoluto di una finale promozione per la serie A in città.
Tutto era iniziato nel migliore dei modi: tribune piene di palloncini rosanero da un lato e arancioblu dall’altro, tamburi a festa che risuoneranno a lungo nella notte sampierdarenese, bandiere e striscioni.
Gelo assoluto nel minuto di silenzio in memoria delle vittime della tragedia del Porto di Genova, non l’unico momento toccante in una gara di pallacanestro femminile che non ha avuto nulla da invidiare alle migliori esibizioni maschili.
Il primo tempino e stato giocato con vantaggi minimi su entrambi i fronti: Torino ha provato ad allungare sul 9-4, ma una ritrovata Belfiore si è fatta sentire sotto i tabelloni, con una partenza cui però le avversarie hanno trovato le giuste contromisure nel corso della gara.
La seconda frazione è stata la più difficile: tutti si attendevano la maggior stazza fisica delle piemontesi, e invece ad avere la meglio sono state le due undersize Di Giacomo e Michelini, brave a far correre le compagne e segnare punti veloci in contropiede.
Devastante il parziale del tempino, 18-9, propiziato anche da qualche passaggio a vuoto nel tiro da fuori delle padrone di casa.
E così “l’omaggio a Masini”, tributato durante l’intervallo, fra i sorrisi increduli dei supporter torinesi, da tutto il popolo rosanero (alla scarsa attenzione ottenuta dalla finale su alcuni media) ha avuto un secondo bersaglio negativo per la sorte, che in almeno tre occasioni ha premiato con il fondo della retina tiri ospiti che sembravano destinati a uscire.
AI rientro dall’intervallo lungo Genova ha provato ad alzare la pressione, con difesa allungata a tutto campo per soffocare sul nascere le fonti del gioco torinese, ma la magistrale circolazione di palla delle ospiti ha vanificato spesso gli sforzi liguri. Tuttavia, punticino dopo punticino, la Wideurope si è riportata in scia.
Sul -7 (38-45) e palla in mano è stato coach Petrachi a chiamare timeout: il ruggito del PalaDonBosco ha salutato il canestro del -5, ma a raffreddare gli animi ci ha pensato una tripla di Salvini, decisiva come la compagna di reparto Coen nel gestire gli ultimi minuti della terza frazione.
Nel tempino conclusivo si è completato il capolavoro torinese.
L’ultima genovese ad alzare bandiera bianca è stata Federica Cerretti, che con cinque punti in fila ha provato a far respirare le rosanero.
Ma sul -10 (48-58) l’aria si é fatta improvvisamente sottile; con il passare dei minuti il distacco è rimasto invariato nonostante gli ostinati tentativi di De Scalzi e compagne, e a due giri di lancette dalla sirena di fine campionato sono iniziate le standing ovation per tutte le protagoniste di una stagione fantastica.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.