PD ed i nuovi significati: Piccole Dimensioni? Poppe Dirigenti? Ah, saperlo….

PD ed i nuovi significati: Piccole Dimensioni? Poppe Dirigenti? Ah, saperlo….
 

4 maggio 2010

 

(dall’agenzia CepKronos)

sarà questo il nuovo logo?
sarà questo il nuovo logo?

Dopo la rivelazione choc del sindaco di Genova, Marta Vincenzi, che, riferendosi al suo partito, ha dichiarato “ora nel partito fanno a chi ce l’ha più lungo”, togliendo quindi il velo sul vero significato della necessità, da tutti sentita, di un ruolo più incisivo dei “membri” del partito, non sono mancate puntualizzazioni e vivaci reazioni.

Il segretario regionale Mario Tullo, nascondendo a fatica una comprensibile, virile soddisfazione, nel corso di un festante happy hour tra compagni, tra una pacca sulle spalle e l’altra, ha dichiarato: “Ringrazio Marta! Questa è la dimostrazione che PD non significa, come qualcuno ha spesso insinuato, Piccole Dimensioni…. Anzi, già da ora preannuncio l’intenzione di presentare una mozione che, in occasione del prossimo cambio di nome del partito, preveda che vengano ripristinati nel logo i simboli della tradizione, la falce ed il martello, con accanto il nuovo simbolo, il centimetro, segno inequivocabile della “crescita” del partito! I leghisti ce l’hanno duro? Bene, noi ce l’abbiamo lungo, e siamo pronti a misurarci con loro!”

Lorenzo Basso, segretario genovese del Pd, raggiunto da una nota d’agenzia nel corso di un workshop tenutosi in un convento della riviera di levante, non è riuscito a trattenere la sua soddisfazione . “Finalmente sarà chiaro a tutti : sono certamente “Basso” ma non sono assolutamente “corto””, suscitando un comprensibile imbarazzo, ed anche una malcelata curiosità, tra le novizie presenti.

Claudio Burlando e Paolo Veardo, entrambi molto al di sopra dell’altezza media, hanno diramato congiuntamente una nota d’agenzia con la quale precisano, a scanso di equivoci, che la propensione al proporzionale non può (anzi: non deve!) essere interpretata secondo i dettami della tradizione popolare (la nota teoria ad “elle”, pollice ed indice, che vorrebbe far intendere che la maggiore altezza sia inversamente proporzionale alle dimensioni…sì, sì, ci siamo capiti..).

La possibilità che le prossime primarie siano quindi decise non dalle preferenze ma dai centimetri ha destato viva preoccupazione tra i “senatori” del partito, confermata dai dati dell’Agenzia del farmaco, che segnala un’impennata delle prescrizioni di Viagra e Cialis

Ma non sono mancate le polemiche, soprattutto tra le iscritte al partito.

Nel corso di un’infuocata direzione una compagna, che sicuramente non può fare a gara con chi ce l’ha più lungo ma che senza dubbio la sa…lunga…, dopo aver criticato i compagni per l’ennesima dinamica maschilista all’interno del partito, ha concluso il suo intervento con una precisa accusa (“tante parole, come sempre, cari compagni…ma quando c’è da passare ai fatti sapete proporre solo erezioni anticipate!”) che ha scatenato l’entusiasmo della componente “rosa” del partito; una compagna, che preferisce al momento l’anonimato, sta raccogliendo adesioni per una mozione volta a proporre la distribuzione delle cariche di partito non in base agli attuali centimetri celati negli slip ma in base alla taglia del reggiseno (“facciamo a gara a chi le ha più grosse!”, il motto che ha mandato in visibilio le poche, ma dotate, esponenti “rosa” del partito).

Tutto questo pare abbia già convinto il sindaco di Genova ad un deciso dietrofront.
Nelle ultime ore sta infatti prendendo corpo la notizia che riferisce di una Marta Vincenzi che, colpita dalle scomposte reazioni alla sua singolare sortita, voglia ritrattare il tutto tornando a quanto enunciato qualche giorno prima : Basta con i faccendieri di partito!.

In questo caso avrebbe la certezza di non urtare la suscettibilità di altri compagni: infatti tra i “faccendieri” arrestati e recentemente condannati c’era un importante consulente…
Il suo portavoce…

(ovviamente l’agenzia CepKronos, e la nota d’agenzia, sono frutto della mia fantasia…tranne le prime due e le ultime due righe. Quelle sono drammaticamente vere…)
Carlo Besana

 

Link all’articolo

(Diego Curcio, per “Il Corriere Mercantile)
SATIRA
L’agenzia” di Besana
NASCE CEPKRONOS E SE LA PRENDE CON IL SINDACO VINCENZI

Una risata vi seppellirà, diceva un vecchio detto anarchico. Anche se, in questo caso, più che di funerali, si parla di un estremo tentativo di ricostruzione o quantomeno di ricollegamenti fra i partiti e la gente.
La formula è quella della satira, qualche volta anche un po’ triviale, ma sembra garbata e divertente, e l’autore (ancora una volta) è il vulcanico Carlo Besana, presidente della Pianacci e cuore pulsante del Cep di Prà.
L’ex farmacista (recentemente candidato al consiglio regionale con la lista Burlando, ma rimasto fuori dalla sala verde) ha deciso di varare la prima agenzia d’informazione periferica della città, la CepKronos.
A ricevere le sue attenzioni, in questo primo lancio su facebook, è stato il Partito democratico genovese, reo, secondo Besana, di un’eccessiva autoreferenzialità che spesso sfocia nell’autolesionismo.
Il titolo dell’intervento è emblematico: “Pd e i nuovi significati: Piccole Dimensioni? Poppe dirigenti? Ah saperlo…” e inizia e finisce con due dichiarazioni vere del sindaco Marta Vincenzi rilasciate nei giorni scorsi: «Ora nel partito fanno a chi ce l’ha più lungo» e «Basta con i faccendieri di partito! ». Due frasi che danno lo spunto al presidente della Pianacci per lanciare un’allarme sulla dialettica interna e esterna al Pd. Con tanto di frecciatina finale al primo cittadino e al suo ex consulente Stefano Francesca coinvolto nello scandalo di mensopoli.
«ln un momento in cui la politica è sempre più lontana dalla gente e raccoglie sempre meno consensi spiega Besana il Pd, che nasce dalla ceneri di li primo un grande partito popolarere, è forse il più scollegato di tutti. Ha perso la capacità di dialogare con gli elettori, perché non è riuscito a rinnovare il proprio linguaccio ed è ancorato a vecchie liturgie».
Il riferimento, oltre che alla situazione generale, è diretto anche al segretario genovese del Partito democratico Victor Rasetto, l’unico dirigente che ha risposto, direttarnente su facebook, al lancio di CepKronos. Un intervento pacato, per dire che, in fondo, «il Pd è un oggetto ancora fragile, non lo abbiamo creato per chi ne fa parte, non è un bene privato dì proprietà di una comunità chiusa. Ma al contrario una istituzione civile, dove rigore e umiltà valgono ancora, un’istituzione che svolge una funzione pubblica e che come tale appartiene a tutti i cittadini che intendono abitaril» .
«Ma io – risponde Besana – resto sempre un loro elettore. Anche se con le mie provocazioni cerco di scatenare un po’ di discussione».
Chissà quale sarà il tema della prossima CepKronos?  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.