La curiosa, paradossale storia del PalaCep…

La curiosa, paradossale storia del PalaCep…

 

 

una storia, che sembrerebbe ora a lieto fine, che attraversa undici anni, dal 2009 ad oggi, con un percorso spesso paradossale, sconcertante…

 

 

Il PalaCep, uno dei “gioielli” non solo del Cep ma dell’intera città, è stato inaugurato nel luglio 2009 e nel corso degli anni ha fatto da cornice ad eventi sportivi, eventi di spettacolo (anche di rilievo nazionale), feste di fine anno di scuole materne ed istituti scolastici del territorio, mostre di vario tipo, raduni regionali degli scout, funzioni religiose, incontri interregionali di comunità di fede islamica…insomma, di tutto e di più…

nei giorni scorsi il Comune di Genova ha deliberato una somma notevole (oltre 400mila euro) per la messa a norma dell’impianto per quanto riguarda le normative antincendio e la sua regolarizzazione con i VV.FF. come previsto dalla normativa vigente.

Qualcuno si è chiesto come mai fosse necessario, a distanza di poco più di un decennio, un intervento di questo tipo…

bella e legittima domanda, la cui risposta sta nei dettagli, spesso assolutamente paradossali, che hanno caratterizzato la storia di questo impianto…

una storia che merita di essere raccontata, fin dall’inizio

 

Dapprima si pattinava all’aperto…

 

Il Circolo Arci Pianacci è stato inaugurato ufficialmente l’8 marzo 1997 e nello spazio ora occupato dal PalaCep c’era una pista da pattinaggio all’aperto, con un ottimo fondo in quarzo cemento, ma con almeno due limitazioni: le dimensioni erano, sia pure di poco, inferiori a quelle necessarie per gare a livello regionale ed il suo utilizzo era condizionato sia dalle temperature (non solo il freddo invernale ma anche il cocente sole estivo) che, comprensibilmente, dagli eventi atmosferici.

Nei primi anni comunque, pur con tutte queste limitazioni, questo spazio ha rappresentato una preziosa opportunità sia per l’HP Voltri che per la più giovane Artistic Roller Team.

Pianacci, 1998
(clicca per ingrandire)

La nostra struttura non poteva ancora contare sul campetto da calcio a 5 in erba sintetica (a quei tempi in quello spazio c’era un poco utilizzato campo da basket) e la pista venne spesso utilizzata sia mini tornei di calcio, eventi scolastici e, nel corso dell’estate, per moltissimi  eventi ad ingresso gratuito (serate danzanti, spettacoli di diverso tipo) che richiamavano ogni estate centinaia di cittadini al Cep.

Già dai primi anni venne più volte segnalata al Comune la necessità di una copertura, che potesse consentire tutto l’anno l’attività di pattinaggio e, nel corso dell’estate, annullare il “rischio pioggia” per gli eventi di spettacolo.
Una richiesta che si frantumò sempre contro l’assenza delle risorse economiche necessarie.

 

“Nasce” il PalaCep

 

La svolta a cavallo tra il 2005 ed il 2006.

Il Comune aveva deliberato la realizzazione della passeggiata a mare di Voltri, nel mezzo della quale era posizionata una tensostruttura con pista da pattinaggio priva sia di agibilità che di servizi igienici (gli atleti dovevano chiedere “ospitalità” per le loro necessità fisiologiche ad un vicino istituto scolastico).

Roberto Bruzzone, presidente del Municipio VII Ponente, caldeggiò la soluzione che avrebbe risolto sia il “blocco” della passeggiata che quelli di un impianto inadeguato: la copertura della pista da pattinaggio del Pianacci!

Un’intuizione che partiva da una concreta analisi: un impianto sportivo dedicato ad uno sport “povero” poteva essere meglio gestito se inserito in un contesto associativo che potesse farsi carico, ed “assorbire” meglio, alcuni dei costi gestionali che avrebbero rappresentato una forte criticità in una gestione diretta da società sportiva.

Fu così convincente da ottenere anche l’allargamento della pista, portandola a 44 metri x 24 metri, dimensioni idonee a gare anche nazionali.

Bruzzone non riuscirà a vedere il risultato della sua intuizione…
mancò, a soli 44 anni, il 30 agosto 2007, pochi mesi dopo essere stato rieletto Presidente della Circoscrizione; la passeggiata a mare, oggi a lui dedicata, fu inaugurata a settembre 2008.

Nel frattempo i lavori per la realizzazione del PalaCep, che avrebbero dovuto iniziare il 20 agosto 2007, con una previsione di spesa di 300.000 euro e tre mesi di cantiere, subirono diversi ritardi, iniziando di fatto oltre un anno più tardi, a fine settembre 2008 (a fondo pagina, una galleria fotografica, cronologica, dei lavori, curata da Mario Kostovich).

I lavori, anzichè 90 giorni, durarono ben nove mesi, nel corso dei quali si verificarono ben 3 nevicate (!!!) ed una tempesta d’acqua sahariana proprio pochi giorni dopo il posizionamento, il quel momento non ancora steso, del telone di copertura, che si macchiò irrimediabilmente con chiazze rossastre ancora visibili sulla sommità…

PalaCep, 28 novembre 2008
(clicca per ingrandire)
PalaCep, 10 dicembre 2008
(clicca per ingrandire)
PalaCep, 7 gennaio 2009
(clicca per ingrandire)

Il PalaCep venne inaugurato il 5 luglio 2009, benché mancassero all’appello diversi elementi facenti parte del progetto, messi a capitolo e finanziati:

_i servizi igienici/spogliatoi “dedicati”, previsti accanto all’ingresso carrabile lato Firpo
_la segnaletica luminosa esterna (percorso di sicurezza)
_le tribune per gli spettatori sul lato lungo
_la soletta in cemento con tribuna retrattile sul lato corto (utilizzabile anche come palco largo 24 metri)
_l’impianto di amplificazione con controllo limitazione decibel…

tutti interventi che non saranno più realizzati…

Anzi…
Venne chiesto al Pianacci un supporto per il completamento dell’impianto di riscaldamento che riuscimmo a fornire aggiudicandoci un bando da 40.000 euro, che utilizzammo per coprire i costi delle condotte interne.

Sul lato lungo, nella vana attesa, venne installato, con un minimo adattamento, il nostro palco spettacoli da esterni (14 metri x 4 metri), indispensabile già dall’inaugurazione..

 

5 luglio 2009, PalaCep – L’allestimento per l’inaugurazione
(clicca per ingrandire)

Alla serata inaugurale, a PalaCep stracolmo, furono presenti le più alte cariche istituzionali locali: il Sindaco Marta Vincenzi, il Presidente della Regione Claudio Burlando, il prefetto Anna Maria Cancellieri, molti assessori comunali e regionali, il presidente del Municipio Mauro Avvenente e, per la prima volta al Pianacci, Don Andrea Gallo.
Sul palco un parterre de rois: Gino Paoli, accompagnato dai Gnu Quartet, e notissimi attori: Andrea Jonasson, Paolo Graziosi, Franca Nuti, Giancarlo Dettori, Ugo Maria Morosi, Massimo Mesciulam, Elisabetta Arosio, Daniele Gatti.

In collegamento telefonico la “benedizione” di Beppe Grillo, che l’anno precedente al Pianacci, nel corso della “Notte grigio topo”, aveva annunciato ufficialmente la nascita delle liste a 5 Stelle…

5 luglio 2009 – inaugurazione del PalaCep – la platea
(clicca per ingrandire)


La serata inaugurale mise però in evidenza uno dei primi problemi
: il notevole riverbero che, di fatto, impediva un buon ascolto ai 2/3 di spettatori più distanti dal palco.
Cercammo inutilmente l’aiuto del Comune ma, vista la “titubanza” (e la consueta assenza di risorse economiche), decidemmo di procedere per conto nostro, risolvendo il problema grazie a circostanze il cui singolare sviluppo meriterebbe un racconto a parte…

Nel corso della settimana di ferragosto l’amico Ivano Foglino, ex residente al Cep e titolare dell’azienda Musiquarium, con l’ausilio della sua compagna Gianna e di alcuni suoi dipendenti, montò i teli antiriverbero che in tutti questi anni e fino ad oggi hanno consentito al PalaCep di offrire un’ottima acustica.
Un problema brillantemente risolto con il solo costo dei materiali (circa 10.000 euro), mentre i costi di mano d’opera (complessivamente alcune decine di ore per ognuno dei 5 addetti…) furono generosamente omaggiati da Ivano Foglino, nel ricordo del papà Bruno, socialmente e politicamente molto attivo nel periodo “più buio” del quartiere ed al quale è stata dedicata la Sala per la pratica del tiro con l’arco del Pianacci. 

 

PalaCep, teli antiriverbero
(clicca per ingrandire)

 

Il PalaCep divenne immediatamente un importante punto di riferimento per l’attività di pattinaggio e per altri eventi, compreso quello che poi sarà l’unico veglione di Capodanno (Capodanno 2010) con la presenza di un mito degli anni ’60, Michele, e l’orchestra di Dina Manfred.

31 dicembre 2009 – PalaCep, allestimento per Veglione Capodanno
(clicca per ingrandire)

 

31 dicembre 2009 – PalaCep Veglione di Capodanno

 

Tutto bene quindi???
Purtroppo no…

 

Il “tappullo”

 

Uno dei più seri problemi si era manifestato già prima dell’inaugurazione, un problema non ancora risolto…

La posa del cemento per la realizzazione della pista venne effettuata in due giorni consecutivi, uno a pieno sole e l’altro con cielo nuvoloso…
questo molto probabilmente, in aggiunta all’assenza di giunti, comportò un’asciugatura non omogenea, che si tradusse presto in una serie incredibile di spaccature, un evidente errore da parte dell’azienda incaricata dei lavori, ed immediatamente provvedemmo ad informare il Comune, con tanto di documentazione fotografica, già nel mese di giugno, prima dell’inaugurazione… 

 

un esempio delle crepe presenti nel 2009
(clicca per ingrandire)

Ci venne assicurato che, nel giro di breve tempo si sarebbe affrontato il problema, e ci fu chiesto di produrre possibili soluzioni..
grazie ad un sopralluogo da parte dell’azienda Vesmaco, leader internazionale di settore, venne identificata la soluzione ideale: un “tappeto” bituminoso di circa 2 cm (che avrebbe provveduto ad “assorbire” i movimenti) rivestito da materiale utilizzato in tutto il mondo per opere di questo tipo, con un costo complessivo stimato in circa 30.00 euro.

 

pista con fondo Durflex Vesmaco
(clicca per ingrandire)


In un mondo perfetto, o addirittura “normale”, il committente (Comune) avrebbe imposto al “colpevole” (l’azienda incaricata dei lavori) il compito di accollarsi i costi dell’intervento.

Purtroppo alcune dinamiche legate a pregressi rapporti tra azienda e Comune indussero quest’ultimo ad accettare una soluzione di ripiego, meno onerosa e più vantaggiosa per l’azienda: il rivestimento della pista con uno strato di resina, che venne effettuato l’anno successivo…
con un risultato sicuramente elegante ma poco efficace, perché la resina, anelastica, in breve iniziò a presentare una ragnatela di spaccature, con necessità di continui interventi estemporanei da parte della società di pattinaggio che sono stati il (poco) leit motiv di tutti questi anni…

 

Il “mistero” dell’impianto di amplificazione…

 

I continui “richiami” al mancato completamento dell’impianto, benché gli interventi fossero stati a suo tempo finanziati, indusse il Comune, credo nel 2011, a prendere in considerazione quanto meno l’installazione dell’impianto di amplificazione con le caratteristiche previste.
Il Comune chiese al Pianacci di produrre un preventivo e ci affidammo nuovamente a Musiquarium, che trovò una soluzione ad hoc da importare dagli USA, un impianto con possibilità di controllo automatico dei decibel emessi, con un costo attorno a poco più di 10.000 dollari.

Il Comune alcuni mesi dopo, nel corso di una riunione pubblica in Municipio a Voltri, comunicò lo stanziamento di 40.000 euro per quell’intervento, e ricordo ancora le espressioni di stupore quando chiesi conto di uno stanziamento almeno triplo rispetto al valore dell’intervento.

Attendiamo ancora risposta ma, soprattutto, si attende ancora l’ordine di fornitura di quell’impianto strafinanziato…

Ponemmo fine all’estenuante attesa acquistando da Musiquarium, con nostre risorse, un impianto meno sofisticato, ovviamente meno costoso, senza il controllo automatico dei decibel, ma più che sufficiente (con 4 casse laterali e due frontali) per un’ottima resa acustica e per le nostre esigenze.

Sempre con nostre risorse abbiamo più volte dovuto risolvere problemi “figli” di cattive scelte effettuate in origine, quali ad esempio le costose sostituzioni di molte “mappe” delle porte a vetri con telaio in alluminio, troppo esili per sopportare non solo il peso ma anche l’usura derivante dalle ripetute aperture e chiusure quotidiane.

 

PalaCep: pattinaggio tutti giorni,
ma anche 69 eventi, alcuni di rilievo nazionale…

 

In questi anni la cura dedicata anche ai minimi dettagli del “nostro” impianto ha consentito non solo di poter offrire, quotidianamente ed indipendentemente dagli eventi atmosferici un impianto accogliente ed unico in città per le decine di giovani sportivi che praticano il pattinaggio artistico, ma anche di ospitare, dall’inaugurazione ad oggi, ben 69 eventi, di spettacolo e non, sia di interesse locale che di rilevo nazionale, oltre alla quotidiana attività svolta da decine di atleti di che praticano pattinaggio artistico… 

un allenamento di pattinaggio al PalaCep
(clicca per ingrandire)

 

PalaCep 2010, Concerto Bandabardò
(clicca per ingrandire)
PalaCep 2010, concerto Toots & The Maytals
(clicca per ingrandire)
2011: Beppe Grillo, Don Gallo e Celentano sul palco del PalaCep
(clicca per ingrandire)
PalaCep, 2011: Omar Taiebi, Don Gallo e Moni Ovadia
(clicca per ingrandire)
PalaCep 2012, saggio Ginnastica Regina Margherita
(clicca per ingrandire)
 PalaCep 2012, concerto di KyMani Marley
(clicca per ingrandire)
PalaCep 2013, Messa delle Palme
(clicca per ingrandire)
PalaCep 2017, serata danzante
(clicca per ingrandire)
PalaCep 2019, Saggio Scuola Materna
(clicca per ingrandire)
PalaCep 2019, Mostra-Fiera RadioAmatori
(clicca per ingrandire)
 
PalaCep 2019, Mostra Giochi da Tavolo
(clicca per ingrandire)
PalaCep 2019, Raduno regionale Scout AGESCI
(clicca per ingrandire)

 

2017, la “circolare Gabrielli”
ed alcune sconcertanti “scoperte”…

 

In questo pluriennale percorso ad ostacoli, che ci ha visti gestire brillantemente la sia pure incompleta struttura sportiva, si arriva al 2017.
Il 3 giugno, in occasione della finale di Champions League in cui è impegnata la Juventus, in piazza San Carlo viene montato un maxi schermo, la piazza è piena e l’uso delinquenziale di spray urticante scatena il panico, con 1500 feriti e la morte di due donne ed un uomo,
Il capo della polizia Gabrielli emana la circolare, che prenderà il suo nome, con le normative, più rigide, per la gestione degli eventi pubblici sia all’aperto che al coperto, una normativa che troverà applicazione ovviamente anche impianti come il nostro.
Due occasionali presenze di pattuglie dei VV.FF. al PalaCep mettono in evidenza la necessità di fornire le certificazioni di sicurezza relative all’impianto,  che provvediamo a richiedere agli uffici del Comune.

E’ il mese di agosto del 2017, e da qui ha inizio la fase paradossale, la più sconcertante di questa storia.

La richiesta formale da parte nostra non sortisce effetto, la richiesta ufficiale formulata da professionista su nostro incarico evidenzia il fatto che negli archivi del Comune non vi sia traccia del PalaCep, costruito dal Comune, con finanziamento pubblico, in uno spazio di proprietà del Comune stesso…
ne consegue che non ci sia traccia delle certificazioni , e quindi manco dell’agibilità…

ingenuamente confidiamo sul fatto che semplicemente non si riescano a trovare, impossibile che non siano mai esistiti…

invece…

il 25 ottobre 2017, dopo un incontro al mattino con l’Assessore Fanghella e con il Consigliere Delegato Baroni, inviamo mail (con cc al Municipio) al Geom. Rostagny, tecnico del Comune in quel momento prossimo alla pensione, che nel 2009 fu uno dei direttori dei lavori per la realizzazione del PalaCep.
Viene espressamente richiesta copia delle certificazioni necessarie per le pratiche con i VV.FF.

Non riceveremo mai risposta scritta, e nel corso di un colloquio telefonico la “palla” viene passata all’altro direttore dei lavori e ad un suo stretto collaboratore, già da tempo in pensione.
Il successivo contatto con entrambi ci dà una sconcertante certezza: le certificazioni, e di conseguenza l’agibilità, non sono mai state portate a termine nel 2009 perché, a quanto pare, non è mai stata data questa disposizione…
ci sono alcune documentazioni con il dettaglio di alcune parti progettuali, che recuperiamo, ma per l’iter burocratico occorre ben altro…
c’era quindi, nel 2009, piena consapevolezza di questa situazione, senza che ne fossimo stati messi a conoscenza…

Pianacci, lìautocertificazione di agibilità (1997)
(clicca per ingrandire)

Nel frattempo avevamo contattato, e relazionato, l’Assessore Piciocchi, cui viene inviata (29 marzo 2018) una relazione dettagliata, nella quale evidenziamo un altro aspetto sconcertante: nel corso di un lungo incontro in uno degli uffici di archivio del Comune non solo non vengono rinvenuti documenti relativi al PalaCep ma addirittura i documenti più “aggiornati” relativi all’Area Pianacci (inaugurata l’8 marzo 1997) risalgono al 1990…

il che vuol dire che in Comune non esiste un documento che attesti l’agibilità dell’intera Area Pianacci, realizzata dal Comune, con risorse pubbliche (oneri urbanizzazione IACP), nel corso degli anni ’80…

un’accurata ricerca in uno dei faldoni presenti in segreteria al Pianacci mi consente di ritrovare un documento del 15 gennaio 1997, poche settimane prima dell’inaugurazione…
l’Ing. Borneto, presidente IACP, comunica al Comune che non avendo avuto alcun riscontro la richiesta di agibilità dell’Area Pianacci inviata circa due mesi prima, la stessa, in virtù del cosiddetto “silenzio-assenso“, è da ritenersi acquisita dal 21/09/1996, una vera e propria autocertificazione…

 

 

a maggio 2018 il PalaCep ospita un evento di grande prestigio, un Concerto dell’Orchestra Sinfonica del Teatro Carlo Felice, già programmato da mesi…
è l’ufficio sicurezza del teatro stesso a garantire le misure di sicurezza necessarie per evitare un increscioso annullamento dell’evento…

continua il nostro “pressing”, e chiediamo un incontro al Sindaco Bucci che inspiegabilmente (per noi) delega l’Assessore alla Cultura, Elisa Serafini che però nel frattempo (luglio 2018) rinuncia al suo incarico, e l’incontro non viene più “riassegnato”…

Per prudenza, nell’ottobre 2018, con costi a nostro carico (circa 3500 euro) provvediamo a conseguire diverse certificazioni:

_uscite di sicurezza
_idranti ed estintori
_classificazione del telone con cui è stata realizzata la tensostruttura
_collaudo statico del palco

oltre al “Piano di Emergenza” per i diversi tipi di spettacolo.

Tutto quanto assolutamente in regola, utile per la nostra tranquillità, inservibile però per le procedure con i VV.FF. in quanto manca tutta la certificazione (e la classificazione dell’impianto) che il Comune avrebbe già dovuto produrre nel 2009…

Trasferiamo comunque agli uffici del Comune tutta la documentazione che siamo riusciti a produrre, i documenti di progetto ed altri documenti (copie fotostatiche) risalenti agli anni ’80/’90, reperiti in alcuni faldoni giacenti presso il nostro Circolo.

 

La luce in fondo al tunnel,
ma le cose si complicano…

 

Le continue mail di segnalazione reiterate nei mesi successivi (cui si aggiungono anche alcune interrogazioni presentate in Consiglio Comunale dal consigliere Fabio Ariotti) portano finalmente, nei primi mesi del 2019, ed a seguito dell’interessamento dell’Assessore Piciocchi, all’avvio di sopralluoghi tecnici da parte del Comune , coordinati dall’Ing. Bonavita, finalizzati alla necessaria procedura di prevenzione incendi e CPI/SCIA.

Il tempo scorre, e nel corso di un incontro in Comune (25 ottobre 2019) ci viene comunicata la volontà di completare la messa a norma entro Natale 2019, ma le cose si complicano ulteriormente.

I sopralluoghi hanno infatti evidenziato la mancanza di collaudo dell’impianto di riscaldamento, che avrebbe dovuto essere effettuato prima dell’inaugurazione, e l’assenza di alcune sue parti fondamentali (serrande tagliafuoco), che richiederanno smontaggio, installazione delle serrande, rimontaggio e collaudo, ammesso e non concesso che le parti mancanti siano ancora  reperibili in commercio.

Le “dimenticanze” del 2009 comportano un’ulteriore complicazione: nonostante sia fruito da 11 anni, l’impianto va considerato come “nuovo” e quindi anche l’impianto elettrico, il gruppo di continuità ed altri elementi, a suo tempo probabilmente a norma, e che probabilmente avrebbero potuto fruire di deroga, devono far riferimento alle nuove normative, con necessità di corposo adeguamento.

La progettazione degli interventi necessari si completa nel mese di agosto 2020, con la necessaria delibera di finanziamento da parte del Comune, che come detto stanzia oltre 400.000 euro.
L’intervento comporterà anche il rifacimento del fondo della pista da pattinaggio, con una soluzione analoga a quella che avevamo (allora senza successo) suggerito nel 2009 e con lavori (oggi ben più onerosi) affidati alla stessa azienda che avevamo allora identificato (Vesmaco).

Si stima che la gara per l’affidamento dei lavori possa essere presentata entro fine anno, con presumibile inizio dei lavori a marzo, loro conclusione entro giugno/luglio e successiva pratica con i VV.FF. per la concessione dell’agibilità.

In buona sostanza il PalaCep potrebbe essere pronto ed a norma per la fine dell’estate 2021.

Fino ad allora potrà ospitare solo attività senza pubblico e senza assembramenti, cioè solo allenamenti e niente gare o eventi di altro tipo.

 

L’ultima paradossale “curiosità”…

 

Concludo Il racconto di questa vicenda, per molti versi paradossale, con un’ultima “curiosità”: non esiste un solo documento di affidamento del PalaCep alla nostra Associazione, e l’impianto non è nemmeno citato nel contratto sottoscritto con la Direzione Patrimonio nel 2016 (d’altro canto, senza il nostro interessamento e le nostre continue sollecitazioni, ad oggi il PalaCep continuerebbe a “non esistere” negli archivi del Comune).

Ci hanno consegnato le chiavi, un affidamento informale e lo abbiamo promosso, sviluppato ed accudito come meglio non sarebbe stato possibile per un’associazione basata su esclusivo volontariato.

A proposito, credo sia bene ricordarlo di nuovo, la nostra non è una società sportiva: il nome “Consorzio Sportivo Pianacci” è il nome antico, che abbiamo mantenuto, tra virgolette, di quella che è una Associazione di Promozione Sociale.

Motivo per il quale abbiamo sempre evidenziato la necessità di normare un impianto sportivo in un contesto gestito da un’associazione che non può modificare la sua natura, che è, deve e può solo continuare ad essere associativa ad indirizzo sociale.

Perlomeno finché riuscirà a “stare in vita”, visto che oggi deve affrontare alcune criticità amplificate dalle conseguenze del lockdown…

Ma questa, nel caso, sarà un’altra storia…

 

(qui un estratto della galleria fotografica, cronologica, dei lavori, curata da Mario Kostovich)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.