Padre Luigi…e quel magico, significativo “cerchio” al Cep…

Padre Luigi…e quel magico, significativo “cerchio” al Cep…

 

.

 

…un cerchio ideale…quello che racchiude belle storie, belle famiglie, giovani cresciuti al Cep che sanno fare scelte coraggiose, inusuali per i nostri tempi…

 

 

Luigi Territo ha 40 anni…quindi quando io e Susanna siamo arrivati al Cep, nel novembre 1995, era un ragazzino di 15 anni.

A marzo 1997 ho iniziato ad occuparmi del Circolo Arci Pianacci e spesso ci è capitato di ospitare, all’aperto, nello spazio ora occupato dal PalaCep, funzioni religiose, celebrate sulla pista da pattinaggio.

Proprio quell’anno, a novembre 1997, è nato Davide, il più piccolo dei fratelli Pone, una bella famiglia “guidata” da papà Ciro, uomo il cui impegno è sempre stato rivolto non solo alla sua famiglia ma all’intera comunità, attraverso una costante, importante collaborazione con la parrocchia del quartiere.

Don Ciro, a sinistra
(clicca per ingrandire))

 

Per tutti era “Don Ciro”, un appellativo rafforzato all’inizio degli anni 2000, quando venne nominato diacono, cioè un padre di famiglia abilitato a servire la Parrocchia nel ministero dell’altare, della parola e della carità e, su delega del parroco, abilitato ad amministrare anche alcuni sacramenti.
Ruolo che ha svolto egregiamente per 14 anni, fino al 2014, anno in cui ci ha lasciati.

 

Alle funzioni religiose ovviamente Don Ciro era sempre presente sull’altare, e la S. Messa era accompagnata dai canti e dalla musica di un gruppo di giovani, tra i quali spiccava Luigi Territo, che per me e Susanna era nel frattempo diventato “il figlio della pediatra”.

La mamma di Luigi è infatti la Dr.ssa Francesca Giannì, ora in pensione, per molti anni pediatra al Cep, con lo studio sulla piazza della nostra farmacia.

 

 

Il 2003 fu un anno particolare…

Il 18 aprile si tenne la storica processione della Via Crucis che, partendo dalla Chiesa di via Cravasco, si concluse sulla pista del Pianacci, accompagnata dalle note della colonna sonora di “Mission”, di Ennio Morricone, e con la partecipazione della Comunità Islamica del Cep.

Una “Via Crucis vivente”, in costume…
donne col velo ad offrire calde tazze di tè ai fedeli…
sull’altare lo scambio di ramoscello d’ulivo tra il parroco Padre Juan ed Omar Taiebi, referente della Comunità Islamica del Cep…

e gli “onori” di un servizio trasmesso prima dal TgLiguria ed il giorno successivo dal Tg2 nazionale.

 

 

Nel mese di maggio, nel corso della festa patronale, vennero organizzati tre giorni di festa che avevano al centro la cerimonia dell’intronizzazione della statua della Madonna, realizzata da artigiani trentini e donata dalla comunità parrocchiale.

La statua della Madonna
(clicca per ingrandire)

 

Concerto di Musica Sacra – Luigi Territo
(clicca per ingrandire)

 

 

Il 16 maggio si tenne, presso la Chiesa di via Cravasco, un concerto di Musica Sacra, con il coinvolgimento di giovani della parrocchia tra i quali Luigi, che diede prova di saper suonare altri strumenti oltre alla chitarra…

 

 

 

 

 

 

 

Sabato 17 il programma fu invece incentrato al Pianacci.
Nel pomeriggio una processione, con la statua della Madonna preceduta dalla Banda Colombi, partì da via Novella per raggiungere la pista del Pianacci, accolta da petali di rosa indirizzati verso la statua, al suo passaggio tra i fedeli…

La S. Messa venne celebrata dal parroco Padre Juan Soto, sacerdote di origine argentina ed ovviamente erano presenti e molto partecipi sia Don Ciro che i ragazzi con chitarre e voci, compreso Luigi…

Luigi Territo (con chitarra) ed altri giovani
(clicca per ingrandire)
Padre Juan Soto
(clicca per ingrandire)

 

 

prova di ballo per il piccolo Davide Pone
(clicca per ingrandire)

 

 

La sera ospitammo uno spettacolo di danze filippine, espressamente richiesto dal vice parroco, Wilfredo Ninofranco.
All’obiettivo della mia fotocamera non sfuggirono i passi di ballo mossi dal piccolo Davide Pone, il figlio più piccolo di Don Ciro…

 

che tornò “protagonista” qualche mese più avanti…

 

 

 

 

Il 16 ottobre 2003, d’intesa con Franco Maggi presidente del municipio, festeggiammo al Pianacci il compleanno di Giulia Battaglia, che l’8 ottobre aveva compiuto 100 anni.
A far da gioioso contorno, una scolaresca mista, composta sia da bambini della Scuola Materna che di una prima elementare del quartiere.
Due bimbi, maschio e femmina, furono incaricati di portare il loro saluto all’anziana festeggiata.
Il maschietto, già allora brillante, era proprio il piccolo Davide Pone

 

gli auguri del piccolo Davide Pone alla centenaria Giulia Battaglia
(clicca per ingrandire)

 

Sempre in quel 2003 Luigi Territo, ventitreenne, lasciò il quartiere, per entrare in seminario…

Sono trascorsi 17 anni da quel 2003…

nel frattempo Luigi Territo, dopo avere studiato Conservazione dei Beni Culturali ed aver vissuto un’esperienza nella vita monastica, è entrato nella Compagnia di Gesù.
Ha studiato filosofia e teologia a Roma, dove ha fatto anche il suo magistero al Centro Astalli, al fianco di tanti amici rifugiati, un’esperienza che gli ha dato modo di assaporare la bellezza del dialogo interreligioso ed il desiderio di farsi compagno di strada di ogni viandante che cerca se stesso e Dio.
A Napoli, dove ora vive, ha studiato Teologia Fondamentale ed ha seguito corsi di Islamistica all’Università Orientale ed il 28 febbraio 2020 è stato ordinato presbitero.

(clicca per ingrandire)

 

Stamane Luigi Territo, o meglio Padre Luigi Territo, è tornato al Cep, per celebrare la prima S. Messa in parrocchia, la “sua” parrocchia…

 

possiamo solo immaginare l’emozione dell’elegantissima Francesca, sua mamma, nel ricevere la Comunione dalle mani di suo figlio…

per l’occasione è tornato a Genova anche suo fratello Daniele che, prima di trasferirsi, alcuni anni fa, in Trentino, ha avuto un ruolo concreto nello sviluppo del “Mime Sport Friendly”, una delle associazioni (con finalità benefiche) che maggiormente si sono messe in evidenza in questi anni nel Ponente cittadino…

sull’altare, da sinistra, Don Giorgio, Padre Luigi e Davide
(clicca per ingrandire)

 

 

 

sull’altare, con Padre Luigi e con Don Giorgio Rusca, parroco del Cep, c’era un giovane, bellissimo, entrato in seminario quattro anni fa
l’ex “piccolo” Davide Pone…

oggi ha 23 anni, la stessa età che aveva padre Luigi quando lasciò il quartiere e Genova per entrare in seminario…

prima della funzione siamo andati a salutarlo e lui, con un luminoso sorriso contagioso, ha espresso un auspicio che sa di certezza: ”La prossima volta tocca a me…”…

 

 

 

 

(clicca per ingrandire)

 

oggi, al centro della chiesa, a dominare la scena c’era la statua della Madonna, la stessa di quel lontano 17 maggio 2003, una presenza che sembrava chiudere un cerchio ideale…

quello che racchiude belle storie, belle famiglie, giovani cresciuti al Cep che sanno fare scelte coraggiose, inusuali per i nostri tempi…

durante la celebrazione della S. Messa, queste storie erano, per me, tutte simbolicamente racchiuse lì, in un piccolo cerchio che riusciva ad abbracciare altare, fedeli, la statua…

spaziando con gli occhi dalla statua della Madonna ai volti partecipi e commossi lo sguardo è inevitabilmente andato verso l’alto…

non per ammirare preziosi affreschi, quelli si trovano in altre chiese, qui no…o non ancora…

guardando verso l’alto ho avuto, al contrario, l’impressione che qualcuno stesse invece guardando, da lassù…

era sicuramente Don Ciro, che da un punto di osservazione privilegiato poteva ammirare questo cerchio che racchiudeva anche tutta la sua vita…

tutta la sua famiglia, al completo, impegnata nei canti e nelle letture…

sull’altare, a sinistra, Don Giorgio, il parroco che non è riuscito ad affiancare, il primo dopo i 14 anni vissuti lì da diacono, arrivato al Cep pochi mesi dopo la sua scomparsa…

sempre sull’altare, sulla destra, il “piccolo” Davide, impegnato a vivere una sorta di “prove generali” di quello che accadrà un giorno, quel giorno che riempirà  Don Ciro di nuovo, giustificato orgoglio…

al centro Padre Luigi, il primo tra i “suoi” giovani del Cep a seguire la via che lui, da diacono, aveva cercato, e sperato, di indicare…

nel solco dell’evangelista Matteo: “Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini”
(Matteo, 4-19)  

Buona pesca, Padre Luigi!!!

 

 

Padre Luigi Territo con la mamma Francesca Giannì
(clicca per ingrandire)
Padre Luigi Territo con Davide Pone
(clicca per ingrandire)
io, Francesca Giannì, Padre Luigi Territo e Susanna
(clicca per ingrandire)
 
 

 

io, Padre Luigi Territo e Susanna
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.