Non solo basket…

Non solo basket…

 

14 settembre 2013

 

Luca Bianchi, supertifoso NBAZena, firma la petizione Almo Nature
(clicca per ingrandire)

Non solo lo sport, anche la cronaca si occupa dell’Almo Nature NBA-Zena.
Bruno Viani, giornalista del Secolo XIX, ha intervistato le giocatrici dell’NBA-Zena non tanto sugli aspetti sportivi (già seguiti dalla redazione sportiva) quanto sul loro “quotidiano” e sul significato che può avere far parte di un team che sa guardare anche oltre il rettangolo di gioco.
Tutto questo proprio nel giorno in cui il back office del PalaDonBosco è stato raggiunto anche dal leggio Almo Nature, con le schede che consentono la raccolta di firme contro la sperimentazione sugli animali , un’iniziativa fortemente sostenuta dall’azienda genovese.
Prima firmataria di questa sessione non poteva essere che la “mitica” Loretta, che per il suo amore per gli animali è simpaticamente chiamata “San Francesco” dai suoi colleghi del PalaDonBosco….
a seguire tutte le ragazze dell’NBA-Zena, oltre a diversi utenti del PalaDonBosco.
Al termine, foto per tutte in mezzo al campo… cani compresi…

 

Link all’articolo

(Bruno Viani, per “Il Secolo XIX”)
La Comunità di San Benedetto è uno dei due sponsor etici.
L’esordio il 12 ottobre al PalaDonBosco
A CANESTRO NEL NOME DI DON GALLO
II Cep in A2 di basket con le ragazze dell’Almo Nature Nba. Slogan animalisti sulle maglie

 

TRAFFICANTI di sogni e ambasciatrici di speranza.
E va bene che nel calcio di serie A c’è una squadra, il Chievo, che porta il nome di un quartiere di Verona.
Ma le ragazze della Almo Nature Nba (acronimo malizioso di New Basket aZena) sul parquet hanno compiuto un miracolo forse più grande: sono arrivate in A2, l’anticamera del massimo campionato, portando i valori dello sport (e non solo) nel cuore del Cep con pochi mezzi e molto entusiasmo.
«Il Cep è sulle alture di Voltri, come dire periferia della periferia – dice Carlo Besana, storico animatore del consorzio Pianacci e presidente della squadra. – Il quartiere anno dopo anno ha trovato una nuova dimensione, oggi ci chiedono di ospitare eventi ai quali intervengono persone anche da lontano».
Le scritte sui muri che vent’anni fa reinterpretavano il nome del quartiere (Centro Elementi Pericolosi) sono un ricordo del passato, i ragazzini hanno inventato una sorta di Ceppride che traspare dai nickname su facebook: quando una dodicenne si firma “Tina del Cep” o un ragazzino “Mohamed del Cep” allora significa che, l’orgoglio cepparo esiste ed è una rivendicazione di identità.
Lo sbarco dell’Almo Nature Nba in seria A2 (dopo una rocambolesca promozione con ripescaggio) avverrà il 12 ottobre su terreno amico del Paladonbosco, e per qualcuno la data colombiana è un segno del destino: un nuovo mondo da scoprire inseguendo una palla sotto canestro.
«Quest’anno abbiamo uno slogan: “Giochiamo per gl animali e per alti ideali” – riprende Besana – lo metteremo sul poster ufficiale e sugli oggetti di merchandising».
Gli animali sono quelli dello sponsor principale che dà il nome alla squadra ed è una affermata marca di cibo e prodotti per cani e gatti che veicolerà, attraverso il basket, la sua campagna contro gli abbandoni e la sperimentazione di farmaci e cosmetici.
Gli “alti ideali” sono rappresentati dai due sponsor etici, la Fondazione Candido Cannavò e la Comunità d San Benedetto nel nome della quale, per il terzo anno, la ragazze dell’Almo Nature Nba porteranno sulla schiena una frase di don Gallo: dopo gli slogan passati (“Dimmi chi escludi e ti dirò chi sei” e “In direzione ostinata e contraria“) quest’anno le cestiste saranno “Trafficanti di sogni“.

Sono ragazze vere. D’esperienza come la capitana Federica Cerretti, 36 anni che è la prima a fare gruppo e dare l’esempio di correttezza alle ultime arrivate. O giovanissime come Marta Policastro, 15 anni, che studia al liceo linguistico, sogna di diventare traduttrice e ha le idee chiare su quello che significa essere ambasciatori di sogni e di speranza: «Lo dobbiamo essere sul campo, ogni giorno, con la correttezza e il fair play»..
Giovani donne altissime come Giorgia Belfiore 31 anni, la pivot che ti guarda dall’alto del suo metro e 93 centimetri.
O piccoline come Alice Sansalone, 16 anni che dice: «I playmaker sono sempre i più bassi. E io col mio metro e 65 scarso lo sono particolarmente».
Martina Bestagno 23 anni, sanremese, ha tre cani, si dice «onorata di indossare una maglia col nome di don Gallo» ed è appena arrivata a Genova dopo due stagioni nelle massime divisioni in Repubblica Ceca e in Belgio.
A cementare il gruppo è l’allenatore Giovanni Pansolin, 41 anni, ingegnere di Cogoleto che si occupa di qualità ambientale a Quarto. «Ho conosciuto don Gallo durante una cena della squadra al Cep, eravamo seduti uno di fronte all’altro e abbiamo parlato di tutto: di basket, di calcio, di ecologia e di amianto». Il Cep per l’allenatore Pansolin? «Credevo fosse un ghetto come quando ero ragazzo. Poi ho scoperto che non è più così: il dieci agosto, quando a Cogoleto ci saranno i fuochi d’artificio io farò una grigliata nell’area Pianacci».
Sogni e realtà. Sara De Scalzi, 30 anni, precaria all’università e animalista convinta, lo scorso anno è stata la migliore realizzatrice assoluta del campionato. E trasmette anche sul campo sul campo la sua gioia di vivere. «Ho la fortuna di avere la salute e, in qualche modo, un lavoro – dice – spero di continuare ad essere felice e poter portare agli altri, con lo sport, la voglia di sorridere».

 

Link al mio album fotografico su Fb

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.