Non buona la prima…

Non buona la prima…

 

12 aprile 2014

(gara 1 di semifinale playoff contro Trieste; vincono le giuliane con il punteggio di 66-57)

Come direbbe Max Catalano, vincere contro Trieste sarebbe stato molto meglio che perdere di 9…
ed è anche vero che quando ci si abitua a vincere molto (7 vittorie consecutive) e non, con tutto il rispetto, contro squadre destinate poi a giocarsi la salvezza ma contro le 4 migliori squadre del girone Nord Est poi, quando si perde, tanto bene non fa al morale…
Vorrei però sottolineare alcuni aspetti che non vanno dimenticati:
1) c’è ancora gara 2, mercoledì 16 a Trieste: oggi le nostre avversarie hanno meritato di vincere, sono una squadra molto tosta, e non a caso sono la squadra prima classificata nel girone Nord Est. Nei playoff però ogni gara è un capitolo a sé. Vincere a Trieste per “costringerle” poi alla partita senza ritorno a Genova mercoledì 23: difficile? Certo, in semifinale playoff nulla può essere facile, ma è così anche per loro
2) comunque vada nessuno potrà ridimensionare quanto fatto fino ad oggi: una stagione che potrà diventare ancor più eclatante se si raggiungerà la finale ma che resterà, in caso contrario, assolutamente eccezionale
3) i playoff sono “una brutta bestia”, per le 4 squadre semifinaliste tutto ricomincia da capo, sono un nuovo campionato nel campionato ed è questo il loro fascino. Oltre a noi l’ha sperimentato sulla sua pelle anche il Geas, superato in casa in gara 1 da Torino, che aveva “agguantato” la poule promozione con una dote di soli 2 punti, contro i 12 del Geas a lungo imbattuto. Però i playoff sono ora e conta, per arrivare in finale e poi raggiungere la Serie A1, essere al meglio ora, ed è spesso più un fatto mentale che non un fatto “fisico”.
4) alle semifinali playoff sono arrivate (in tutta Italia), solo 8 squadre su 28. Per sapere cosa vuol dire, nel bene e nel male, occorre essere protagonisti e non spettatori, e noi protagonisti lo siamo ancora.
Al termine dell’incontro ho visto le nostre giocatrici comprensibilmente provate, deluse… quando si perde è normale…
Però è necessario archiviare immediatamente gara 1, mettersela alle spalle…
gara 2 è dietro l’angolo, il tempo per un solo allenamento e via…
Quello che abbiamo già fatto è tantissimo, non dobbiamo dimenticarlo…
Quello che sarà, forse in più, lo scopriremo vivendo… 

 

Link all’album fotografico di Giorgio Scarfì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.