Niente robot

Niente robot

 

10 gennaio 2011

La vicenda del container radioattivo ha superato i confini locali e regionali.
Occasione troppo ghiotta per far mancare il mio videocazzeggio…

 

Link all’articolo

(Diego Curcio, per “La Gazzetta del Lunedì”)
BESANA CANTA IL CONTAINER RADIOATTIVO DEL VTE
Il presidente dell’associazione Pianacci ha pubblicato un video su facebook in cui racconta la vicenda del misterioso container sulle note di Jeeg Robot.

Questa volta gioca in casa. A due passi dal “suo” Cep e dall’associazione Pianacci. Ma non per questo Carlo Besana perde la sua verve satirica e scade nel sentimentalismo. Anzi. II vulcanico farmacista (oramai in pensione), vero e proprio protagonista del riscatto del quartiere collinare ponentino, ha deciso di mettere in musica – come aveva fatto tempo fa con le ronde leghiste, il parco dell’Acquasola e la gronda solo per citarne alcuni – la spinosa vicenda del container radioattivo, “parcheggiato” quasi sei mesi fa nel sesto modulo del Vte.
Una vicenda piuttosto spinosa e ancora avvolta dal mistero.
Tanto che Besana, nella sua pagina facebook, ha pubblicato un video messaggio in cui offre un assaggio della sua prossima canzone di protesta.
La musica è sulle note di Jeeg Robot d’Acciaio, eroe dei cartoni animati giapponesi.

E il testo recita: “Niente robot. Niente robot! Mo’ ti prendi il tuo cobalto e lo porti molto in alto e lo fai scoppiar lassù… O lo trascini in mezzo al mare e ci puoi anche giocare, ma ci giochi solo tu. Ma non qua, non a Prà. Niente robot! Niente robot!“.

Una strofa e un ritornello, che fanno presagire una nuova composizione per i prossimi giorni.
Un cazzeggio, ma non troppo, come sostiene Besana, per chiedere alle istituzioni di intervenire al più presto, senza estrarre dal cilindro «trovate assurde» come quella di un robot, che dovrebbe dare la caccia al cobalto.

Una storia paradossale, che non poteva non finire sotto le grinfie musicali di Besana.

 


 

5 gennaio 2010

A Genova, nel quartiere di Prà, è vero allarme per un container contenente materiale radioattivo, posizionato in corrispondenza del sesto modulo del Voltri Terminal Europa.
Il Comitato per Pra’ da tempo chiede una tutela più certa della salute dei cittadini, costretti a convivere con il rumore costante e le polveri sottili mosse dalle attività portuali; ora anche un container contenente materiale radioattivo dalla provenienza incerta…
Il 4 gennaio 2011 il Secolo XIX ha dedicato un ampio servizio, ripreso il 5 gennaio da Uno Mattina (Tg1), ospiti in studio il giornalista Graziano Cetara (del Secolo XIX) e Nicola Montese, leader del Comitato per Pra’.



 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.