Nel dubbio ce li mando lo stesso (vaff…)

Nel dubbio ce li mando lo stesso (vaff…)

 

Lunedì 10 febbraio 2014

 

Ieri sera, al Teatro Politeama, ho assistito alla serata organizzata nel ricordo di Arnaldo Bagnasco, condotta da Beppe Grillo con la partecipazione di Gino Paoli e grandi attori quali Paola Quattrini, Mariangela D’Abbraccio, Elisabetta Pozzi, Paolo Graziosi, Giancarlo Dettori, Ugo Maria Morosi, Massimo Mesciulam, Caterina Vertova, Elisabetta Arosio, Guia Zapponi, Martina Carpi e sicuramente dimentico qualcuno.

Teatro stracolmo, grandissimo (e meritato) successo, con applausi scroscianti (e spontanei) a tutti gli artisti.

Mentre tornavo a casa, soddisfatto per la qualità dello spettacolo, e contento per l’organizzatore, l’amico Flavio Gaggero (il “dentista dei Vip”), non ho potuto fare a meno di fare una riflessione, piacevole per molti versi ma nello stesso tempo con il retrogusto un po’ amaro, partendo dai commenti entusiasti sentiti qua e là in sala, dopo lo spettacolo…

Molti degli artisti che si sono esibiti ieri sera, sono stati ospiti anche al PalaCep, in eventi ad ingresso gratuito: Paolo Graziosi (che venne fatto debuttare in teatro da Franco Zeffirelli, poi vincitore dell’Oscar del Teatro nel 2005, poi una piccola parte nel film “Il Divo” di Sorrentino), Giancarlo Dettori (una grande carriera teatrale, più volte scelto da Strehler), Ugo Maria Morosi (tra le tante “perle” della sua carriera, fu accanto a Johnny Dorelli in “Aggiungi un posto a tavola”, poi scelto da registi quali Petri e Ronconi, apprezzato doppiatore di John Goodman e Morgan Freeman, tra gli altri), Caterina Vertova (una carriera teatrale in cui ha lavorato con Strehler e Squarzina, il debutto cinematografico in “Ginger e Fred” di Fellini, poi in “Cuore sacro” di Ozpetek fino alla tv con “Commesse”, “Incantesimo”, “Centovetrine” ed altro ancora), Elisabetta Pozzi (che venne fatta debuttare in teatro da Giorgio Albertazzi, una carriera teatrale con i più grandi registi, con diversi premi importanti da parte della critica nazionale, una carriera cinematografica contrassegnata dal David di Donatello per il film “Maledetto il giorno che ti ho incontrata” e molte partecipazioni alle produzioni di prosa della Rai), così come Massimo Mesciulam, Martina Carpi ed Elisabetta Arosio

Con l’aggiunta di Beppe Grillo e Gino Paoli, più volte presenti al PalaCep, l’ultima volta in occasione del memorabile evento pro-alluvionati con Adriano Celentano e Biagio Antonacci….

Dunque, dicevo, ho pensato a tutti questi artisti così intensamente apprezzati ed applauditi ieri sera al Teatro Politeama, protagonisti nel recente passato (dal 2009 al 2011) di indimenticabili serate (gratuite) di spettacolo al PalaCep…

Andrea Jonasson
(PalaCep 2009)

un contesto ancor più difficile in cui portare lo spettacolo di cultura rispetto al Teatro Politeama, fatto su misura per eventi teatrali ed in una posizione decisamente più centrale ed agevole rispetto al periferico PalaCep…

chi non conosce la storia recente del PalaCep, leggendo queste righe, penserà ad una città in cui tutti, soprattutto la Civica Amministrazione (a partire dal Municipio), abbiano a cuore la gestione di quel pezzo di periferia capace di andare positivamente controcorrente, capace di far sì che le colline di periferia potessero occupare le cronache non per eventi legati alla microcriminalità (sempre più presente soprattutto nel resto della città) ma per l’opportunità data, a costo zero alla collettività, di dotarsi di un nuovo, originale polo cittadino sia per il divertimento che per la cultura alla portata di tutti…

Caro lettore, come forse avrai già capito il mondo purtroppo non funziona così, ed il PalaCep, e chi lo gestisce, tira avanti turandosi il naso, facendo finta che chi maggiormente dovrebbe apprezzare non sia ancora nato (in realtà sono “morti dentro” da un pezzo….)…
il Pianacci è attivo e funzionante 362 giorni l’anno, l’unica differenza rispetto a “quel” passato è la rinuncia all’organizzazione di eventi di spettacolo, che negli anni hanno portato al Cep oltre centomila spettatori complessivamente…

la rinuncia è una forma di autodifesa di fronte a denunce per “disturbo della quiete pubblica”, a condanne a dieci giorni di carcere commutate in pesanti sanzioni pecuniarie (poi fortunatamente ridimensionate), se vogliamo anche una forma di “protesta silenziosa” di fronte all’immobilismo della parte istituzionale che ci è più “vicina”, ma si tratta unicamente di vicinanza territoriale…

Sì, è stato piacevole pensare che al Cep si fossero già “esibiti” molti dei protagonisti della brillante serata di spettacolo tenutasi ieri sera al Teatro Politeama…

diciamo anche che ieri sera, ad ogni scrosciante applauso, dentro di me saliva inesorabilmente, piacevolmente e, penso, comprensibilmente, il livello di autostima…
che ha lasciato, presto, lo spazio a quel gusto un po’ amaro delle cose che sai che non potranno ripetersi, e non per colpa tua…

Ed è un peccato che Beppe Grillo, peraltro giustamente, abbia scelto i toni bassi per non alterare il gusto di una serata dedicata ad un amico da poco scomparso…
è un peccato, dicevo, perché se avesse proposto un collettivo “Vaffa…..” sarei schizzato in piedi e l’avrei urlato, a squarciagola, dedicandolo proprio a loro…

belin, son morti (dentro) da un pezzo…
vuoi dire che è inutile???
Nel dubbio ce li mando lo stesso….

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.